SCRITTORI

FAMOSI E NON

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

librarybann.gif (6877 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

bookpium.gif (2870 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Ricerca personalizzata

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

In questa sezione raccoglieremo dei piccoli estratti di opere letterarie famose, delle riflessioni brevi di vari autori, allo scopo sia di fornire ai naviganti un po' di buon materiale per le loro letture, sia allo scopo di fare da stimolo alla critica e alla produzione di nuovi lavori. Il tutto viene così ad unirsi all'offerta di più di 80.000 aforismi messi in rete, 15.000 in italiano e gli altri in lingua inglese raggiungibili dai nostri links, alla sezione dei nuovi autori, e a tutte le altre pagine, vale a dire quella dei forum, quella dei libri in rete, quella delle promozioni, delle chat e via dicendo. Così facendo si cercherà di creare un ponte tra le nuove leve, gli autori più o meno affermati  e i vari operatori del settore allo scopo sia di aumentare sempre più la popolarità di tutti gli amanti di questo mondo, sia di fare al tempo stesso da guida, da stimolatori e da promotori a tutti coloro i quali amano leggere e scrivere; a tutti quelli che credono sempre più fermamente nel valore positivo della pluralità dei testi, del dialogo e del confronto dialettico e a quanti sono più o meno consapevoli del bisogno che tutti abbiamo di un minimo di aiuto, di conforto e di solidarietà. Si sa sin troppo bene infatti che l'arte nasce dal dolore e noi fino a prova contraria pur volendo certamente essere degli artisti vogliamo anche cercare di soffrire un po' di meno, sempre che la cosa sia possibile! Se dunque anche tu vuoi far sentire la tua voce, non devi far altro che unirti a noi, e quindi devi leggere il nostro statuto, i Principi Sintetici ed Enigmatici di Daimonologia Applicata, il nostro lascito, il testamento di Carl William Brown e poi potrai contattarci, dopo aver dato un'occhiata alla nostra politica leggendo la nostra pagina delle promozioni. A presto dunque e buon divertimento. Ciao, ciao e a presto! 



Sponsored Links and Publicity


daimonew.jpg (8097 byte)


COME FARSI RISPETTARE

(Testi letterari scelti da Carl William Brown)


Tre e' il numero della Trinità, tre furono gli Angeli che visitarono Abramo, i giorni che Giona passò nel ventre del gran pesce, quelli che Gesù e Lazzaro trascorsero nel sepolcro ; le volte che Cristo chiese al Padre che il calice amaro si allontanasse da lui, quelle che si appartò a pregare con gli Apostoli. Tre volte lo rinnegò Pietro e tre volte si manifestò ai suoi dopo la risurrezione. Tre sono le virtù teologali, tre le lingue sacre, tre le parti dell'anima, tre le classi di creature intellettuali, angeli, uomini e demoni ; tre le specie del suono, vox, flatus, pulsus ; tre le epoche della storia umana, prima, durante e dopo la legge. U. Eco. Il nome della rosa

Saggezza. Flettiti e resterai integro, piegati e ti raddrizzerai, svuotati e sarai colmato, consumati e ti rinnoverai, abbi poco e riceverai molto, abbi molto e sarai confuso. Perciò il saggio abbraccia l'Uno ed è esempio al mondo. Non si mette in mostra e perciò risplende, non si giustifica e perciò viene riconosciuto, non si vanta e perciò emerge, non si identifica con le sue opere e perciò dura. E' perché non compete che nessuno può competere con lui. E' verso colui che è integro che ogni cosa fluisce spontaneamente. Lao-Tzu. Tao Te Ching

Ciascuno esamini i propri pensieri ; li troverà sempre occupati del passato e dell'avvenire. Non pensiamo quasi mai al presente, o, se ci pensiamo, è solo per prenderne lume al fine di predisporre l'avvenire. Il presente non è mai il nostro fine ; il passato e il presente sono i nostri mezzi ; solo l'avvenire è il nostro fine. Così non viviamo mai ma speriamo di vivere e, preparandoci sempre ad essere felici, è inevitabile che non siamo mai tali. Pascal

Non confondete la notorietà e la fama con la grandezza. Molti che oggi vengono considerati personaggi eminenti hanno ottenuto fama e fortuna senza reali meriti. D'altro canto mi è capitato di incontrare grandi uomini e donne che vivevano una vita oscura. Perché la grandezza è una misura d'animo di una persona, non è il risultato della posizione raggiunta sul piano materiale. Nessuno ( e meno che mai gli esseri umani ) è in grado di dare grandezza ad un altro perchè non si tratta di un prezzo ma di un raggiungimento. E la grandezza può coronare la testa di uomini umili esattamente come può coronare la testa di persone di alto rango. Sherman G. Finesilver

Una volta gli eserciti si portavano appresso le palle da cannone nel timore che, incontrando per strada il nemico, non avrebbero avuto nulla da sparargli addosso. Come peso specifico i rancori pesano quanto le palle da cannone. Ma non è molto sensato portarseli dietro. E' assai probabile che il nemico non si renda neppure conto della vostra inimicizia e sicuramente sarebbe sorpreso di sapere che gli state facendo la posta con un cannone in tasca. E' quindi il caso di analizzare i vostri rancori. Comportatevi come gli eserciti al termini delle ostilità : scaricate i cannoni e fate, nei cortili dei castelli, delle cataste di palle di cannone. Poi vi meraviglierete di quanto siete più leggeri. J. A. Thom

L'amore è qualcosa di più del desiderio del rapporto sessuale; è il mezzo principale per sfuggire alla solitudine che affligge la maggior parte degli uomini e delle donne durante gran parte della loro vita. C'è una paura redicata, nella maggior parte della gente, della freddezza del mondo e della possibile crudeltà del gruppo; esiste un desiderio di affetto che viene spesso nascosto da maniere dure, rozze e prepotenti negli uomini e da continui rimproveri e lamentele da parte delle donne. Russell

Per miliardi di anni, ogni cosa, trascorso il tempo della sua apparizione e della sua presenza, si perdeva irrimediabilmente nel passato. Su di essa cadeva un oblio senza fine. L'essere viveva con gioia il suo giorno di festa. Poi la luce del sole presto cadeva. Era questa la sua condanna. Sprofondava e si perdeva nel 'già stato'. E nessuno ne sapeva più niente. Stanco di questo destino, di questo estinguersi senza posa, di questa contiua caduta nel nulla, l'essere, con sforzi enormi e notevole dispendio di energia, inventò la memoria, il ricordo. Attraverso di essa l'essere cominciò a sopravvivere a sé stesso. Le cose continuavano a perdersi nel nulla, ma di esse restava il ricordo. Si trasformavano in immagini. Non tutto era perduto. In un certo modo le cose passate continuavano a vivere. Mario Alcaro

Consideriamo inoltre una gran cosa l'indipendenza dai bisogni, non perché ci si debba accontentare del poco, ma per godere anche di questo poco se ci capita di non avere molto, convinti come siamo che l'abbondanza si gode con più dolcezza se meno da essa dipendiamo. In fondo ciò che veramente serve non è difficile da trovare ; l'inutile è invece difficile. I sapori semplici danno lo stesso piacere dei più raffinati, l'acqua e un pezzo di pane fanno il piacere più pieno a chi ne manca. Epicuro

L'epicentro della storia, e quindi dell'arte, della letteratura e del potere militare e commerciale, sis posta lentamente sul globo terraqueo seguendo più o meno il cammino del sole : nasce sulle rive occidentali dell'Asia, riposa un bel po' di tempo in Grecia, quindi si trasferisce a Roma e qui, tra impero romano e papato, fa i comodi suoi fino all'avvento della riforma ; dopo di che migra in Francia, in Inghilterra, Spagna e in America dove attualmente si è messo di casa. Domani arriverà in Giappone e forse, dopo un altro migliaio di anni, potremo rivederlo da queste parti. L. De Crescenzo

La scienza distrugge i principali piaceri dell'animo nostro perché determina le cose e ce ne mostra i confini benchè in moltissime cose abbia materialmente ingrandito d'assaissimo le nostre idee. (...). Le ha ingrandite come idee chiare, ma una piccolissima idea confusa è sempre maggiore di una grandissima affatto chiara. L'incertezza se una cosa sia o non sia del tutto, è pur fonte di una grandezza, che viene distrutta dalla certezza che la cosa realmente è. Quindi l'ignoranza, la quale sola può nascondere i confini delle cose, è la maggior sorgente di felicità (in quanto fonte principale delle idee indefinite) e perciò la fanciullezza è l'età più felice dell'uomo, la più paga di se stessa, meno soggetta alla noia. G. Leopardi


Io credo che tutto ciò che ha inventato questo nuovo Dio che tu chiami progresso sia solo una serie di prolunghe. L'automobile è una prolunga delle gambe, il telefono una prolunga dell'orecchio, il televisore dell'occhio e il computer del cervello ; ma nessuno di questi nuovi marchingegni, che io sappia, è mai riuscito a cambiare l'Uomo nel suo profondo. Passano gli anni infatti e, malgrado le nuove prolunghe immesse nel mercato, gli uomini continuano a comportarsi come sempre. Non ci sono forse, ancora oggi, uomini ambiziosi come Alcibiade, gelosi come Menelao e invidiosi come Tieste ? Quando, come spero, il progresso sarà capace di produrre ad un prezzo conveniente anche l'Amore e la Libertà, allora io diventerò un suo fervido seguace. L. De Crescenzo. Oi dialogoi

Per la maggior parte delle persone la felicità consiste nel vivere bene. Ma una vita fatta di soli piaceri fisici, avverte Aristotele, è una vita di bestie. Qualcuno più evoluto pensa che la felicità possa consistere negli 'onori' ovvero nelle ricchezze, nel potere o nei simboli del potere. Questi piaceri, obietta ancora Aristotele, sono gratificazioni solo per modo di dire, in qunato rimangono esterni all'individuo senza arricchirlo davvero. Per Platone la felicità era l'Idea del Bene, del Bene in sé, come lo chiamava lui, una qualcosa cioè di separato, che proprio in quanto separato diventa irraggiungibile. Aristotele, in questo, bisogna convenire, era più pratico di Platone. Per lui il bene consiste nel realizzare l'attività che ci è peculiare. Che vuol dire ? Che se per l'occhio il massimo del bene è il vedere e per l'orecchio il sentire, per l'uomo il massimo del bene consisterà nello svolgere quelle funzioni che sono proprie degli uomini. L. De Crescenzo

Non riesco a convincermi che Dio abbia voluto introdurre nella creazione un essere così immondo come la donna senza dotarlo di qualche virtù. E non posso non riflettere sul fatto che Egli le ha concesso molti privilegi e motivi di pregio, di cui tre almeno grandissimi. Infatti ha creato l'uomo in questo mondo vile, e dal fango, e la donna in un secondo tempo, in paradiso e da nobile materia. E non l'ha formata dai piedi o dalle interiora di Adamo, ma dalla costola. In secondo luogo, il Signore, che può tutto, avrebbe potuto incarnarsi direttamente in un uomo in qualche modo miracoloso, e scelse invece di abitare nel ventre di una donna, segno che non era poi tanto immonda. E quando apparve dopo la risurrezione, Egli apparve ad una donna. Infine, nella gloria celeste, nessun uomo sarà re in quella patria ; ne sarà invece regina una donna, che non ha mai peccato. U. Eco ; Il nome della rosa

Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli. Beati quelli che piangono, perche' saranno consolati. Beati i miti perché erediteranno la terra. Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia perché saranno saziati. Beati i misericordiosi perché troveranno misericordia. Beati i puri di cuore perché vedranno Dio. Beati gli operatori di pace perché
saranno chiamati figli di Dio. Beati i perseguitati a causa della giustizia perché di essi è il regno dei cieli. Beati voi quando vi insulteranno e vi perseguiteranno e, mentendo, diranno contro di voi ogni sorta di male a causa mia : rallegratevi ed esultate, poiché grande è la vostra ricompensa nei cieli. Matteo 5,1

La vita di ciascuno trascorre tutta fra il volere e l'ottenere. Il desiderio per sua natura è dolore, la soddisfazione genera ben presto saturazione: la meta era solo apparente. Il possesso toglie ogni interesse: il desiderio, il bisogno ricompare sotto nuova forma; dove non succede, subentrano lo squallore, il vuoto, la noia, che da combattere sono altrettanto tormentosi come il bisogno. Schopenhauer

Gli sforzi incessanti per bandire il dolore non fanno altro che fargli mutare forma. Inizialmente si presenta in forma di povertà, di miseria, di timore di perdere la vita. Se, cosa difficilissima, si riesce a scacciare il dolore in questa forma, esso si ripresenta immediatamente in mille altre forme, a seconda dell'età e delle circostanze: come istinto sessuale, passione amorosa, gelosia, invidia, odio, angoscia, ambizione, avidità, malattia, ecc. Se poi alla fine non trova più altre forme, si presenta nel triste, abito grigio del fastidio e della noia, contro cui si cercherà di fare qualcosa. Ma anche se si riesce a scacciarli, difficilmente sarà possibile farlo senza aprire nuovamente la via al dolore in una delle forme precedenti. E così il ballo ricomincia da capo; perché la vita umana è un continuo oscillare tra il dolore e la noia. Ma se noi ci renderemo conto che il dolore come tale è essenziale ed inevitabile per la vita, e solo la sua forma, la forma in cui si presenta, dipende dal caso; e dunque la nostra sofferenza presente occupa un posto in cui, se non ci fosse quella, ne subentrerebbe subito un'altra che adesso viene tenuta lontana dalla presenza di quella; e dunque essenzialmente il destino può ben poco contro di noi. Una simile riflessione, se divenisse una convinzione sentita, produrrebbe un grado notevole di stoica indifferenza e ridurrebbe di molto l'angosciosa preoccupazione per il bene personale. Schopenhauer

Noi sentiamo il dolore, ma non l'assenza del dolore; sentiamo la preoccupazione, ma non l'assenza della preoccupazione; la paura, ma non la sicurezza. Sentiamo il desiderio, così come la fame e la sete; ma non appena è soddisfatto, succede come per il boccone che, nel momento in cui viene inghiottito, cessa di esistere per la nostra sensibilità. Sentiamo amaramente
la mancanza di piaceri e di gioie, quando non ci sono; dei dolori invece non sentiamo direttamente la mancanza, anche se non ne proviamo da parecchio tempo, tutt'al più ce ne ricordiamo per mezzo della riflessione. Solo dolore e mancanza infatti possono venire sentiti positivamente, e dunque si fanno sentire da sé: il benessere invece è solo in negativo. Perciò noi ci rendiamo conto direttamente dei beni più grandi della vita, salute, giovinezza e libertà, solo quando le abbiamo perdute: perché anch'esse sono negazioni. Dei giorni felici della nostra vita ci accorgiamo solo quando hanno ormai lasciato il posto a giorni felici. Schopenhauer

Pochissimi sanno astenersi dal dire delle malvagità sul conto dei loro conoscenti, e persino, se capita, degli amici ; eppure, quando poi vengono a sapere che è stato detto qualcosa contro di loro, assumono un atteggiamento di indignato stupore. Evidentemente non hanno mai pensato che, esattamente come essi malignano sul conto altrui, gli altri malignano sul loro conto. Ci aspettiamo che gli altri abbiano per noi quel tenero amore e quel profondo rispetto che noi proviamo per noi stessi. Non ci passa per la mente che non possiamo aspettarci dagli altri che pensino di noi più bene di quanto noi non pensiamo di loro, e la ragione per cui questo non ci passa per la mente è che i nostri meriti ci appaiono grandi ed evidenti, mentre quelli degli altri, ammesso che pure esistano, sono visibili solo ad un occhio caritatevole. B. Russell

Se ci fosse dato per magia il potere di leggere nel pensiero altrui, suppongo che la prima conseguenza sarebbe la fine di tutte le amicizie ; la seconda però potrebbe essere eccellente : poiché un mondo senza amicizie apparirebbe a tutti intollerabile, impareremmo così ad avere simpatia l'uno per l'altro, senza bisogno di celare a noi stessi, sotto il velo dell'illusione, che non ci giudicavamo reciprocamente assolutamente perfetti. Sappiamo che i nostri amici hanno i loro difetti, eppure nel complesso sono persone simpatiche, alle quali siamo affezionati. B. Russell

Ricordate che i motivi che determinano le vostre azioni non sono sempre così altruistici come vi appaiono. Non sopravvalutate che gli altri si interessino di voi quanto voi stessi. La grande maggioranza delle azioni umane, persino quelle più nobili, hanno un fine egoistico, poiché, se non fosse altrimenti, la razza umana non potrebbe sopravvivere. B. Russell

Da che cosa deriva che uno zoppo non ci irrita, e invece un intelletto zoppicante ci irrita ? Perché uno zoppo riconosce che noi camminiamo diritti e un intelletto zoppicante dice che siamo noi a zoppicare ; altrimenti ne sentiremmo pietà, non collera. Epitetto domanda con maggiore forza : "Perché non ci adiriamo se ci si dice che abbiamo mal di testa e ci adiriamo se ci si dice che ragioniamo male o che scegliamo male ?". La ragione di questo è che noi siamo ben sicuri di non aver mal di testa e che non siamo zoppi ; ma non siamo tanto sicuri di scegliere il vero. Di modo che, non avendone altra sicurezza se non che lo vediamo con tutta la nostra vista, quando un altro vede con tutta la sua vista il contrario, ne siamo perplessi e meravigliati, e tanto più quando mille altri si burlano della nostra scelta. Pascal

Ogni oggetto in noi suol trasformarsi secondo le immagini ch'esso evoca e raggruppa, per così dire, attorno a sé. Certo, un oggetto può piacere anche per se stesso, per la diversità delle sensazioni gradevoli che ci suscita in una percezione armoniosa ; ma ben spesso il piacere che un oggetto ci procura non si trova nell'oggetto per se medesimo. La fantasia lo abbellisce condendolo e quasi irraggiandolo d'immagini care, né noi lo percepiamo più qual esso è, ma così, quasi animato dalle immagini che suscita in noi o che le nostre abitudini vi associano. Nell'oggetto, insomma, noi amiamo quel che vi mettiamo di noi, l'anima che esso acquista per noi soltanto e che è trasformata dai nostri ricordi. L. Pirandello

Dint'a buttegghia/ natu dit'e vino/ è rimasto. Embè, che faccio, m'o guardo ?/ Mo teng'ment e dico :/ "Me l'astipo e dimane mo bevo ?"/ Dimane nun esiste/ e o juorno e' primma, poiché se n'è ghiut,/ manc esiste./ Esiste sulo stu momento/ e chistu dito e vin 'nta buttegghia./ Embè, che faccio, m'o perd ?/ Che ne parlammo a fa !/ Si m'o perdesse, manc'a buttegghia/ me
perdunarria./ E allora bebo.../ e chistu surs e vin/ vence a partita cull'eternità. E. De Filippo. ....E allora bevo ; 1978

Meglio era attenersi ai miti sugli dei che essere schiavi del destino dei fisici, perché quelli almeno ammettono la speranza di placare gli dei onorandoli ; questo, per contro, ha implacabile necessità. E la fortuna il saggio non la reputa una divinità quale la crede il volgo - giacché nulla è fatto dal Dio senza ordine e misura - e nemmeno la stima una causa incostante di tutti i beni e i mali degli uomini perché egli certo non crede che da essa siano donati agli uomini i beni e i mali che hanno valore per la vita felice, sebbene conceda che sotto il suo influsso siano di grandi beni e mali gli inizi. Infatti egli giudica meglio essere assennatamente sfortunato che dissennatamente fortunato ; chè nelle nostre azioni l'insuccesso di un saggio giudizio è preferibile al successo di ciò che, privo di giudizio, è portato a buon esito dalla fortuna. Epicuro

Alla nostra fiducia negli altri contribuiscono spesso in misura preponderante pigrizia, egoismo e vanità: la pigrizia quando, per non cercare, sorvegliare, agire noi stessi preferiamo fidarci di un altro; l'egoismo quando il bisogno di parlare dei fatti nostri ci induce a fidarci di un altro; la vanità quando oggetto delle confidenze sono le nostre vanterie. Nonostante ciò pretendiamo che si onori la nostra fiducia. Schopenhauer

Ogni perfezione umana è affine a un difetto, nel quale minaccia di trasformarsi; ma, viceversa, anche ogni difetto è imparentato ad una perfezione. Dunque l'errore in cui incorriamo in merito a qualcuno si fonda spesso sul fatto che all'inizio della conoscenza scambiamo i suoi difetti per le perfezioni ad essi affini, o viceversa: il prudente ci sembra vigliacco, il parco avaro, il dissipatore generoso, il villano schietto e sincero, lo sfacciato fornito di nobile fiducia in se stesso, e così via. Schopenhauer

In una fredda giornata d'inverno una comunità di porcospini si stringevano vicinissimi, per difendersi dal freddo con il reciproco calore. Ma ben presto si sentirono pungere dalle spine degli altri, e questo li fece di nuovo allontanare. Quando poi il bisogno di scaldarsi li indusse ancora a riavvicinarsi, si ripeté l'altro inconveniente; vennero così sballottati più volte fra i due mali, finché scoprirono una distanza intermedia a cui si trovavano bene. Analogamente, il bisogno di compagnia, che nasce dal vuoto e dalla monotonia del proprio intimo, avvicina gli uomini tra loro; ma le loro numerose qualità sgradevoli e i difetti insopportabili li separano nuovamente. La distanza intermedia a cui è possibile stare assieme, che infine trovano, è la cortesia, la finezza di costumi. In virtù di esse il bisogno di riscaldarsi a vicenda viene soddisfatto in modo incompleto, è vero, però in compenso non si sente la puntura delle spine. Ma chi possiede calore interiore in abbondanza preferisce starsene lontano dalla società, per non dare né ricevere disturbo. Schopenhauer

Se qualcuno riesce ad essere così forte, il mondo può solamente ucciderlo per spezzarlo, e naturalmente lo fa. Non c'è nessuno che il mondo non spezzi, molti poi si rafforzano nel punto dove sono stati spezzati. Quelli che non si spezzano altrimenti, il mondo li uccide. Con imparzialità uccide chi ha troppa forza nella bontà o nella gentilezza o nel coraggio; e se non sei di questi ucciderà pure te, siine certo; ma con minor fretta. Hemingway

L'uso del termine 'persona' in tutte le lingue europee per indicare l'individuo umano inconsciamente coglie bene nel segno: il significato originario di 'persona' è 'maschera teatrale', e in effetti nessuno si mostra com'è, ma tutti portano una maschera e recitano una parte. In generale tutta la vita umana è una commedia continua. Ciò la rende insipida per le persone di gusto, mentre le teste piatte ci provano gran gusto. Schopenhauer

Il liberalismo è la suprema generosità : è di diritto che la maggioranza concede alle minoranze ed è, per tanto, il più nobile appello che abbia risuonato nel mondo. Esso proclama la decisione di convivere con il nemico e, di più, con il nemico debole. Era inverosimile che il genere umano avesse attinto un principio così bello, così paradossale, direi acrobatico, anti-naturale. Per questo, non deve sorprendere se subito questo stesso genere umano sembra risoluto ad abbandonarlo. J. O. y Gasset

Ho trovato un egiziano, ben vestito e così parlando mi ha detto che non c'erano dubbi, tutti riconoscevano al suo paese una grande intelligenza, non per nulla la civiltà egizia era stata una delle prime e delle più maestose; mentre lui continuava a tessere il suo elogio io pensavo che forse se fosse stato al posto di uno di quei migliaia di schiavi obbligati a costruire le piramidi, non avrebbe parlato in questo modo, ma non gli ho detto niente, gli ho lasciato le sue illusioni, aiutano a vivere, no !
Carl William Brown

La vita dei più non è altro che una continua lotta per questa esistenza, con la certezza che alla fine la perderanno. Ma ciò che li fa perseverare in questa lotta così faticosa non è tanto l'amore per la vita quanto la paura della morte, che sta tuttavia inevitabile sullo sfondo e può entrare in scena in ogni momento. La vita è un mare pieno di scogli, di vortici e di gorghi che l'uomo evita con grandi sforzi e concentrazione, pur sapendo che anche se riesce a procedere, ricorrendo a tutta la sua cautela e la sua abilità, proprio in questo modo si avvicina a ogni passo, anzi, punta direttamente verso il naufragio totale, inevitabile e irrimediabile: la morte. E' questa la meta finale del vorticoso viaggio, per lui peggiore di tutte le scogliere a cui è sfuggito. Schopenhauer

L'amore dell'uomo decresce notevolmente dal momento in cui viene appagato: quasi tutte le altre donne lo attirano di più di quella che già possiede; egli desidera la novità. L'amore della donna invece aumenta a partire dallo stesso momento. Ciò è una conseguenza del progetto della natura, indirizzato alla perpetuazione e dunque alla più ampia moltiplicazione della specie. L'uomo infatti può tranquillamente generare oltre cento bambini all'anno, se ha a disposizione altrettante donne; la donna invece può mettere al mondo solo un bambino all'anno, per quanti uomini abbia. Perciò lui cerca altre donne; e lei invece si attacca a lui: perché la natura la spinge istintivamente a tenersi stretto l'uomo che nutra e protegga la futura prole. Di conseguenza la fedeltà coniugale per l'uomo è artificiale, per la donna naturale, e dunque l'adulterio femminile, molto più imperdonabile di quello maschile. Schopenhauer

Affinchè nasca un amore veramente appassionato è necessario qualcosa che si può esprimere solo con la metafora presa dalla chimica: le due persone si devono neutralizzare come acido e alcalino in un sale intermedio. Al fine di una tale neutralizzazione reciproca fra due individui è necessario che il grado della virilità di lui corrisponda esattamente al grado della femminilità di lei, così che ciascuna delle due parti neutralizzi esattamente l'altra. Dunque l'uomo più virile cercherà la donna più femminile e viceversa, e così ogni individuo cercherà il suo corrispondente quanto a grado di sessualità. Schopenhauer

Negli impeti di insoddisfazione penso sempre a cosa significa che un uomo come me possa vivere per tutta la vita dedicandosi alle proprie inclinazioni e alla professione che gli è connaturata (...). Se di tanto in tanto mi è capitato di sentirmi infelice è stato più in virtù di un equivoco, di un errore di persona, mi ero scambiato per qualcuno che non sono e mi lamentavo dei fastidi di costui : per esempio del libero docente che non diventa mai professore e non ha studenti, o dell'uomo di cui un filisteo parla male o una cameriera spettegola, o dell'accusato in un processo per danni, o dell'innamorato a cui la fanciulla della quale è incapricciato non dà ascolto, o dell'ammalato bloccato in casa dalla malattia, o di altre persone simili, tormentate da miserie simili. Tutto questo non ero io, tutto questo è materiale a me estraneo, al massimo era la stoffa della giacca che ho portato per qualche tempo e poi ho smesso, per indossarne un'altra. Schopenhauer

Conviene che le cose divine siano esposte più in forma di corpi vili che nobili (...) perché questo modo rappresentativo più si conviene alla conoscenza che di Dio abbiamo su questa terra : egli ci si manifesta infatti più in quello che non è che in quello che è, e perciò le similitudini di quelle cose che più si allontanano da Dio ci portano ad una più esatta opinione di Lui, perché così sappiamo che Egli è al di sopra di ciò che diciamo e pensiamo. S. Tommaso D'Aquino

Mi sembra che sia tipico della poca virtù delle popolazioni italiane non peccare per paura di qualche idolo, per quanto lo chiamino col nome di Santo. Hanno più paura di San Gerolamo o di Sant'Antonio che di Cristo. Se uno vuole conservare pulito un posto qui, perché non ci si pisci, come fanno gli italiani alla maniera dei cani, ci dipingi sopra un'immagine di Sant'Antonio con la punta di legno e questa scaccerà quelli che stanno per pisciare. Così gli italiani, e per opera dei loro predicatori, rischiamo di tornare alle antiche superstizioni e non credono alla resurrezione della carne ; hanno solo paura delle ferite corporali e delle disgrazie, e per ciò hanno più paura di Sant'Antonio che di Cristo. U. Eco ; Il nome della rosa

(...) ma la vera raffinatezza [in senso ironico ; n.d.r.] è scrivere cose sconclusionate riuscendo a far credere al lettore che sia colpa sua se non capisce, mentre l'autore sa bene di essere lui il responsabile, in quanto non ha nulla di veramente comprensibile e chiaro da dire. (...). Non si può mai ripetere abbastanza che i buoni scrittori (...) si sforzano sempre di portare i loro lettori a pensare esattamente quel che loro hanno pensato : chi ha qualcosa di buono da dire, infatti, starà molto attento che non vada perduto. Perciò un buono stile si fonda principalmente sul fatto che si abbia realmente qualcosa da dire. Schopenhauer

Gli eristici dichiararono un giorno che era impossibile attuare la ricerca della conoscenza. Due sono i casi, dicevano : se uno non conosce la conoscenza, non si vede come, trovandola, la possa riconoscere, e se invece già la conosce, non si capisce perché dovrebbe cercarla. Platone invece rispose che l'uomo, quando trova la conoscenza, la riconosce perché essa è già dentro l'Anima. In altre parole, la conoscenza sarebbe un'amnesia, ovvero una forma di ricordo, un riemergere di cose che abbiamo appreso in vite precedenti. L. De Crescenzo

L'animo umano ha bisogno di nutrirsi di speranza, così come lo stomaco ha bisogno di cibo. La vita invece spesso è amara e non concede scappatoie ai desideri dei mortali. Alcune verità sono senza alternative : tutti dobbiamo morire, chi è brutto non potrà mai diventare bello, chi è bello non potrà mai ritornare giovane e chi vive una vita opaca e senza entusiasmi sa che molto difficilmente riuscirà a cambiarla. E allora che fare ? Non resta che rifugiarsi nel mistero, evadere nel trascendente. Ed ecco fiorire da ogni parte le favole, gli extraterrestri, gli oroscopi, le droghe e gli estremismi politici. L. De Crescenzo. Oi dialogoi

La conoscenza intuitiva può guidare direttamente il nostro agire e il nostro comportamento ; la conoscenza astratta invece può farlo solo attraverso la mediazione della memoria, e di qui deriva la priorità della conoscenza intuitiva per tutte le azioni in cui l'esecuzione segue immediatamente la decisione ; nei rapporti con gli altri, quindi, la conoscenza intuitiva è infinitamente più utile di quella astratta. Perciò le donne eccellono in questo campo : solo chi ha compreso intuitivamente l'essenza degli uomini come sono di norma, e poi le varianti dell'individuo in questione, saprà trattarle con sicurezza e secondo quanto meritano. Schopenhauer

Per convincere l'uomo a lavorare e a produrre di più di quanto non sia capace di consumare, noi dobbiamo puntare tutto sulla voglia di arrivare prima degli altri. Dice Smith all'uomo : "Se tu lavori molto, io, in cambio di questo lavoro, ti darò tanti pezzi di carta sui quali scriverò 'una sterlina', cento o mille sterline, e tu sarai tanto più felice quanto più denaro riuscirai a mettere da parte. In pratica, il capitalismo fa affidamento sull'egoismo umano e sulla sua voglia di arraffare. Carlo Marx invece, avendo saputo da un certo Giacomo Rousseau che l'uomo era buono per natura, decise di far leva sulla bontà. In altre parole è come se avesse detto all'uomo : "tu devi lavorare per il bene della collettività ; poi tutto quello che riuscirai a produrre sarà diviso in parti uguali fra gli uomini della nazione". L. De Crescenzo. Oi dialogoi

In generale la malinconia del genio nasce dal fato che la volontà di vivere più è illuminata da un chiaro intelletto e più nettamente percepisce la miseria del proprio stato. Quell'umore triste degli spiriti più dotati che si riscontra così spesso, è simboleggiato dal Monte Bianco, la cui cima è spesso ricoperta di nuvole : ma quando ogni tanto, soprattutto al mattino presto, il velo di nuvole si squarcia e la montagna, rossa nella luce del sole, guarda giù verso Chamonix dall'alto delle nuvole, è una vista che apre il cuore di tutti fin nel profondo. E così anche il genio, quasi sempre malinconico, manifesta di tanto in tanto quella sua particolare letizia possibile solo a lui, scaturita dalla perfetta obbiettività dello spirito, che aleggia come un'aureola di luce sulla sua alta fronte. Schopenhauer

La miseria della vita risulta a sufficienza dalla semplice considerazione che per la maggior parte degli uomini la vita non è altro che una continua lotta per questa stessa vita, con la certezza che alla fine la perderanno. Nel momento in cui la miseria è stata respinta e un po' di terreno conquistato, subentrano immediatamente una noia e un vuoto terribili, e combatterli è quasi più tormentoso. Questo perché l'uomo in sé è manifestazione della volontà e dunque la sua esistenza è fatta necessariamente di costante e incessante volere e darsi da fare ; se questo gli viene sottratto dalla soddisfazione, subentra appunto quel vuoto per il quale egli è di fastidio a se stesso. La gioia del placido godimento della conoscenza, infatti, è data solo a pochissimi, e anche a questi solo per una piccola parte del loro tempo. La volontà invece deve avere per base la mancanza, e dunque il dolore. Così in tutti i suoi aspetti la vita è essenzialmente dolore. Schopenhauer

Non dar lingua ai tuoi pensieri, e i pensieri aspetta di averli ben ponderati prima di convertirli in azioni. Sii affabile, ma non volgare ; agli amici provati tieniti unito con vincoli d'acciaio, ma non farti venire il callo alla destra stringendo tutte le mani che incontri. Guardati dal cacciarti in risse : ma se proprio ti ci trovi, che il tuo avversario ne esca augurandosi di non incontrarti più. Ascolta tutte le opinioni, ma sii riservato nei tuoi giudizi. Elegante il vestire in proporzione ai mezzi, ma senza sfoggio ; ricco, non stravagante ; perché l'abito rivela l'uomo. Non chiedere né dare a prestito perché che presta perde quasi sempre il denaro e l'amico, e il far debiti riduce il senso della parsimonia. E questo soprattutto : sii sincero con te stesso ; e ne seguirà, come la notte segue il giorno, che non potrai essere falso con gli altri. E ora addio : la mia benedizione faccia lievitare in te questi consigli. Shakespeare. Amleto

Osservate l'insetto dinanzi ai vostri piedi, il pesce nella rete ancora aperta, la rana a cui l'inerzia impedisce di fuggire, l'uccello che non si accorge del falco che volteggia lassù, la pecora che una tigre ha appena avvistato : armati di scarsa prudenza, si muovono ignari fra i pericoli che minacciano ad ogni momento la loro esistenza. La natura manda i suoi figli incontro a mille pericoli, senza preoccuparsi, perché sa che se anche cadono, ricadranno nel suo grembo dove nulla può andare perduto, e quindi la loro caduta è solo uno scherzo. Schopenhauer

I piaceri sono e restano negativi: credere che rendano felici è un'illusione che l'invidia nutre a sua propria punizione. I dolori invece vengono sentiti positivamente: perciò la loro assenza è il metro della felicità. Se a una condizione priva di sofferenze si aggiunge anche l'assenza di noia, la felicità terrena essenzialmente è raggiunta: il resto sono chimere. Schopenhauer

I vostri figli non sono i vostri figli. Sono i figli e le figlie della fame che in se stessa ha la vita. Essi non vengono da voi, ma attraverso di voi, e non vi appartengono benchè viviate insieme. Potete amarli ma non costringerli ai vostri pensieri, poiché essi hanno i loro pensieri. Potete custodire i loro corpi, ma non le anime loro, poiché abitano in case future, che neppure in sogno potrete visitare. K. Gibran. Il profeta

Il "piacere" è una sensazione di benessere che è legata specialmente alla parte istintivo-corporea della persona (il piacere del bere, del mangiare, del sesso, del danzare, del giocare, della propria grandezza, del sapere, del dominare, del vendicarsi). E' una sensazione intesa, forte, assorbente, ma si esaurisce in un tempo breve. La "gioia" è una sensazione di benessere più ricca, coinvolge gli aspetti più alti della persona, cioè la sua conoscenza, le sue decisioni, la sua libertà,
la sua creatività. Nel piacere la persona è piuttosto passiva, perché si lascia invadere dalle cose per provare piacere; nella gioia la persona è attiva, perché costruisce le realtà che formano il suo stato di benessere. La "felicità" è la sensazione di benessere che si ha quando ogni desiderio viene colmato e non resta più nulla da desiderare. È uno stato che non potrà mai essere realizzato nel tempo presente, perché l'uomo in ogni momento della sua storia porta in sé una serie infinita di benessere che nessuna esperienza può colmare: nel momento stesso in cui gioisce avverte l'insufficienza di questa gioia, se non altro perché sa che finirà. La "beatitudine" è la sensazione piena di benessere che si raggiunge nell'incontro con Dio. Queste diverse sensazioni dovrebbero integrarsi formando un cammino che dallo stadio più elementare del piacere si eleva fino alla beatitudine. Invece vediamo che spesso si ostacolano. Il piacere male inteso impedisce la beatitudine, come avviene nelle persone che vivono per il loro ventre o per i soldi. A sua volta la beatitudine male intesa impedisce il piacere come avviene nelle persone rigide, che vivono la vita come un perenne lutto. Per questo il cristiano si chiede come deve concepire il piacere, senza esaltarlo e senza sminuirlo. Il piacere, allora, è necessario alla vita, perché è il riposo che dà alla persona la voglia di vivere e l'aiuta a continuare il cammino spesso faticoso. San Tommaso ricorda che "nessuno può vivere senza piacere" (I-II, q. 34, a. 1, c.). Ma esso può diventare un ostacolo e arrestare il cammino perché può dare l'illusione di essere la felicità, cioè il punto di arrivo della vita. Per questo la persona deve educarsi a vivere con equilibrio la ricerca del piacere. Non deve disprezzarlo, perché è un'esperienza che aiuta nel cammino della vita; ma non deve esaurirsi in esso, perché arresterebbe il suo cammino verso le forme più alte del benessere, perdendo la gioia e dimenticando la sua vocazione alla beatitudine. G. Muraro.

Se si fosse indetto un referendum agli inizi del 900 per autorizzare un'invenzione che avrebbe portato (solo negli Usa) 50.000 morti l'anno, due milioni di feriti, 20.000 miliardi di danni economici, caos nelle città, decadenza dei centri urbani, distruzione dei trasporti pubblici, inquinamento, con conseguente morte di milioni di persone per cancro ai polmoni, infarto e trasformazione di milioni di ettari coltivati in un mare d'asfalto, avremmo tutti detto 'no' ! E così, l'automobile non avrebbe visto l'alba. Da un articolo della rivista 'Life'

Quando un popolo, divorato dalla sete di libertà, si trova ad avere come capi dei coppieri che gliene versano a volontà, sino ad ubriacarlo, accade che, se i governatori resistono alle richieste dei sempre più esigenti sudditi son dichiarati tiranni. E avviene pure che chi si dimostra disciplinato nei confronti dei superiori è definito un uomo senza carattere e servo ; che il padre impaurito finisce col trattare il figlio come suo pari e non è rispettato, che il maestro non osa rimproverare gli scolari, e costoro si fanno beffe di lui, che i giovani pretendono gli stessi diritti dei vecchi, e questi, per non parere troppo severi, danno ragione ai giovani. In questo clima di libertà nel nome della medesima, non vi è più riguardo né rispetto per nessuno, e in mezzo a tanta licenza, nasce e si sviluppa una mala pianta: la tirannia. Platone

Gli esseri umani si distinguono dalle formiche perché hanno la facoltà di esprimere le proprie opinioni più o meno liberamente e che non tutti hanno la stessa opinione di fronte allo stesso fatto. Questa facoltà evidentemente
non è concessa alle formiche. Ma ci sono esseri umani che hanno il cervello da formiche. Questi ultimi hanno la pretesa che tutti dovremmo pensarla allo stesso modo : cioè come loro, cioè come formiche. A. Einstein

Mentre è vero che l'invidia è la principale forza motrice che spinge alla giustizia tra classi diverse, nazioni e sessi diversi, è al tempo stesso vero che la specie di giustizia risultante dall'invidia ha molte probabilità di essere della peggiore specie, e cioè una giustizia che consiste nel diminuire i privilegi del fortunato, piuttosto che nell'accrescere quelli dello sfortunato. B. Russell. La conquista della felicità

Perché la propaganda è tanto più efficace quanto incita all'odio, di quando tenta di incitare sentimenti di amicizia ? La ragione sta evidentemente nel fatto che il cuore umano, quale la civiltà moderna lo ha fatto, è più propenso all'odio che all'amicizia, e ciò perché è insoddisfatto, perché nel profondo sente, forse anche incoscientemente, di aver perduto il senso della vita. B. Russell

Ogni individuo, ogni figura umana con la sua vita non è altro che un breve sogno dell'eterno spirito della natura, dell'ostinata volontà di vita, è solo una figura fugace fra le tante che essa disegna giocando sul foglio sterminato dello spazio e del tempo, lasciandola esistere per un tempo infinitamente piccolo rispetto a quel foglio per poi cancellarla, facendo spazio a nuove figure. Eppure, e qui sta l'aspetto inquietante della vita, per ciascuna di queste fugaci figure, di questi vuoti capricci, l'intera volontà di vita dovrà pagare con molte e profonde sofferenze e, alla fine, con una morte amara a lungo temuta, che finalmente arriva. Perciò la vista di un cadavere ci rende improvvisamente seri. Schopenhauer

Una volta la Legge sedeva sul seggio del Giudice, e la Clemenza s'inginocchiò piangendo. "Sgombra!", gridò la Legge, "ragazzaccia scostumata! Non venire a strisciarmi ai piedi! Se ti presenti ginocchioni è palese che qui non c'è posto per te". Poi venne la Giustizia. Suo onore la Legge gridò: "Le tue generalità, che il diavolo ti porti!", "Amica curiae" rispose la Giustizia, "amica della corte, per servirti". "Vattene!" gridò la Legge, "la porta è là: non ho mai visto la tua faccia prima d'ora!". Poesia firmata G.J. e riportata da Ambroce Bierce. Dizionario del diavolo

Ogni individuo, se guarda in se stesso, riconosce nella propria esistenza, che è la sua volontà, la cosa in sé. E dunque l'unica realtà esistente. Di conseguenza intende se stesso come nucleo e centro del mondo, e si trova infinitamente importante. Se invece guarda all'esterno, è nel campo della rappresentazione, della pura apparenza, e si vede solo come individuo fra i tanti, quindi insignificante, assolutamente trascurabile. Dunque ciascun individuo, anche il più insignificante, ciascun Io, visto dall'interno, è tutto; visto dall'esterno invece è nulla, o quasi nulla. Di qui deriva la
grande differenza fra quello che ogni uomo è ai propri occhi e quello che è agli occhi degli altri, e così anche l'egoismo che tutti rimproverano a tutti. Schopenhauer

Ogni volta che ti sentirai smarrita, confusa, pensa agli alberi, ricordati del loro modo di crescere. Ricordati che un albero con molta chioma e poche radici viene sradicato al primo colpo di vento, mentre in un albero con molte radici e poca chioma la linfa scorre a stento. Radici e chioma devono crescere in uguale misura, devi stare nelle cose e starci sopra, solo
così potrai offrire ombra e riparo, solo così alla stagione giusta potrai coprirti di fiori e frutti. E quando poi davanti a te si apriranno strade e non saprai quale prendere, non imboccarne una a caso, ma siediti e aspetta. Respira con la profondità fiduciosa con cui hai respirato il giorno in cui sei venuta al mondo, senza farti distrarre da nulla, aspetta e aspetta ancora. Stai ferma, in silenzio, e ascolta il tuo cuore. Quando poi ti parla, alzati e va dove lui ti porta. S. Tamaro. Va dove ti porta il cuore

L'uomo è l'unico animale che provoca sofferenza agli altri senza altro scopo che la sofferenza come tale. Gli altri animali lo fanno solo per soddisfare la fame o nella foga della lotta. Mai nessun animale fa soffrire solo per soffrire: l'uomo invece si, e questo costituisce il suo carattere diabolico, che è molto peggiore di quello animalesco. Perciò tutti gli animali temono istintivamente la vista, le tracce dell'uomo, dell'animale malvagio per eccellenza. Anche qui l'istinto non li inganna: solo l'uomo infatti va a caccia, anche se la selvaggina non gli dà vantaggi né gli procura danni. Schopenhauer

Ad Atene un giorno vidi un'urna che da una parte mostrava un uomo e dall'altra una donna. Tutti e due correvano a perdifiato. La distanza che li separava era la stessa, né poteva essere altrimenti dal momento che l'urna era circolare. E allora mi chiesi : chi è quello che insegue ? E chi è quello che scappa ? Chi dei due è stato colpito dalla freccia di Eros ? E chi da quella di piombo ? Dall'espressione dei volti non era possibile capirlo poiché entrambi erano disperati, solo che una lo era per purtroppo amore e l'altro perché aveva paura. Ebbene sappi che questo fatto, del rincorrere l'amato bene, senza poterlo mai raggiungere, è l'unica possibilità che ha l'amore per resistere all'usura del tempo. L. De Crescenzo. Panta Rei

Esiste una disciplina nella quale la regina Filosofia è asservita e diventa una scienza ausiliaria o, per dirla accademicamente, una 'materia secondaria', ed è la Teologia. Dove l'amore del sapere si eleva all'intuizione dell'ente supremo, della prima scaturigine dell'essere, alla dottrina di Dio e delle cose divine, là, si potrebbe dire, è la vetta della dignità scientifica, la sfera più alta e più nobile della conoscenza, la cima del pensiero ; là l'intelletto spirituale trova la sua meta più sublime ; la più sublime perché le ombre profane del sapere, per esempio la filosofia, e con essa la storia e altre, diventano un mero ornamento al servizio della conoscenza delle cose sacre -e altrettanto vale per il fine che va perseguito in profonda umiltà, perché, secondo le parole della Scrittura, "è più alto della ragione" e lo spirito umano vi assume un legame più devoto, più credente di quello che gli possa imporre qualsiasi altra materia di erudizione. T. Mann

La capacità di sopportare o meno una vita monotona dovrebbe essere acquistata nell'infanzia. I genitori moderni sono troppo da biasimare a questo riguardo ; essi offrono ai loro figli troppi divertimenti passivi, come gli spettacoli e i dolciumi, senza rendersi conto dell'importanza che ha per un bambino il trascorrere un giorno uguale all'altro, ad eccezione, naturalmente, di qualche rara occasione. I piaceri dell'infanzia dovrebbero essere per lo più quelli che il bambino stesso trae dall'ambiente che lo circonda, con qualche sforzo e un po' d'inventiva. I piaceri eccitanti e che nello stesso
tempo escludono l'esercizio fisico dovrebbero essere concessi molto di rado. B.Russell. La conquista della felicità

Un'inutile modestia è molto simile all'invidia. La modestia è considerata una virtù, ma io, per parte mia, dubito che, nelle sue espressioni estreme, essa meriti d'essere considerata tale. La gente modesta ha molto bisogno d'essere rassicurata, e spesso non osa affrontare dei compiti che sarebbe perfettamente in grado di compiere. La gente modesta crede di essere
messa in ombra da coloro che abitualmente frequenta. E' quindi particolarmente propensa all'invidia e, attraverso l'invidia, all'infelicità e al malanimo. Per parte mia, credo non si siano ancora presi abbastanza in considerazione i vantaggi che potrebbero derivare ai ragazzi da un'educazione intesa ad inculcare loro la sicurezza della propria personalità. Non credo che un pavone invidi la coda di un altro pavone, poiché ogni pavone è persuaso di avere la coda più bella del mondo. La conseguenza di ciò è che i pavoni sono uccelli pacifici. Immaginate come sarebbe infelice la vita di un pavone se gli
avessero insegnato che non si deve avere una buona opinione di se stessi. B. Russel. La conquista della felicità

(Parla Bruto prima della congiura). No, non voglio alcun giuramento...Quale bisogno abbiamo noi di uno sprone, oltre quello della nostra causa che ci spinga a trovare un rimedio ? Quale altro vincolo, oltre a quello di accorti romani che hanno dato parola e che non vogliono sapere di equivocare ? E quale altro giuramento, se non l'onestà impegnata, affinché questo si dia o che altrimenti, per questo si cada ? Che giurino pure i preti e i vigliacchi, i furbi e i traditori, e le vecchie carogne senza più forza alcuna, e, insomma, simili anime tolleranti, le quali tutte accolgono con compiacimento le offese ; e fate giurare per cause perse quelle creature delle quali si sospetta, ma non vogliate macchiare la chiara virtù della nostra impresa col pensare che la nostra causa e la sua esecuzione richiedano un giuramento, quando ogni goccia di sangue che scorre nelle vene di ogni romano, e che vi scorre nobilmente, diviene colpevole di ripetute bastardaggini, se egli infrange la minima parte di una qualsiasi promessa che gli volle mai uscir di bocca. Shakespeare. Giulio Cesare

Mi sembra che sia tipico della poca virtù delle popolazioni italiane non peccare per paura di qualche idolo, per quanto lo chiamino col nome di Santo. Hanno più paura di San Gerolamo o di Sant'Antonio che di Cristo. Se uno vuole conservare pulito un posto qui, perché non ci si pisci, come fanno gli italiani alla maniera dei cani, ci dipingi sopra un'immagine di Sant'Antonio con la punta di legno e questa scaccerà quelli che stanno per pisciare. Così gli italiani, e per opera dei loro predicatori, rischiamo di tornare alle antiche superstizioni e non credono alla resurrezione della carne ; hanno solo paura delle ferite corporali e delle disgrazie, e per ciò hanno più paura di
Sant'Antonio che di Cristo. U. Eco ; Il nome della rosa

Conviene che le cose divine siano esposte più in forma di corpi vili che nobili (...) perché questo modo rappresentativo più si conviene alla conoscenza che di Dio abbiamo su questa terra : egli ci si manifesta infatti più in quello che non è che in quello che è, e perciò le similitudini di quelle cose che più si allontanano da Dio ci portano ad una più esatta opinione di Lui, perché così sappiamo che Egli è al di sopra di ciò che diciamo e pensiamo. S. Tommaso D'Aquino

Resta completamente dimostrato che, nella donna, sono meno sviluppate che nell'uomo porzioni del cervello, le quali sono della massima importanza per la vita psichica, quali le circonvoluzioni del lobo frontale e temporale, e che questa differenza esiste fin dalla nascita. (...). Una delle differenze essenziali sta certamente nel fatto che l'istinto nella donna domina in un campo molto più vasto che nell'uomo. (...).Cosi', caratteristica tipica delle donne è la mancanza di giudizi propri. La mancanza di critica si manifesta altresì nella suggestibilità. L'istinto non domina in essa, come negli animali, quasi affatto isolato, ma è collegato al pensiero individuale; tuttavia questo non è capace di camminar da solo e deve appoggiarsi a qualsivoglia giudizio altrui, che, in seguito alla prevenzione data dall'amore o dalla vanità, le sia apparso degno di fiducia.(...). In qual modo dev'essere costituita cotesta natura acciocchè essa possa adempiere nel modo migliore al compito che le spetta ? La femmina, nella specie umana, deve partorire i figli, ma, oltre a ciò, deve prenderne cura (...). E' precisamente il bisogno di cure della figliolanza la causa della maggiore differenziazione dei sessi nella specie umana in confronto cogli animali. (...). La natura vuole dalla donna amore e dedizione materna. E' per questo che noi la vediamo, bambina, giocare con le bambole e la vediamo teneramente sollecita per quanti miseri abbiano bisogno d'aiuto. Per questo appunto la donna rassomiglia ai bimbi, è gaia, paziente e di spirito semplice. (...). Dopotutto la deficienza mentale della donna non solo esiste, ma per di più è necessaria ; non soltanto è un fatto fisiologico, ma è altresì un postulato fisiologico. Se noi vogliamo una donna, la quale possa adempiere bene al suo compito materno, è necessario ch'essa non abbia un cervello mascolino. Se si potesse far in modo che le facoltà femminili raggiungessero uno sviluppo uguale a quello delle facoltà degli uomini, ne verrebbero atrofizzati gli organi materni e noi ci troveremmo
d'innanzi un ripugnante e inutile androgino. (...). Adunque, se la donna deve diventare quell'entità voluta dalla natura, essa deve astenersi dal mettersi in gara con l'uomo. Paul Julius Moebius. L'inferiorità mentale della donna

Non riesco a convincermi che Dio abbia voluto introdurre nella creazione un essere così immondo come la donna senza dotarlo di qualche virtù. E non posso non riflettere sul fatto che Egli le ha concesso molti privilegi e motivi di pregio, di cui tre almeno grandissimi. Infatti ha creato l'uomo in questo mondo vile, e dal fango, e la donna in un secondo tempo, in paradiso e da nobile materia. E non l'ha formata dai piedi o dalle interiora di Adamo, ma dalla costola. In secondo luogo, il Signore, che può tutto, avrebbe potuto incarnarsi direttamente in un uomo in qualche modo miracoloso, e scelse invece di abitare nel ventre di una donna, segno che non era poi tanto immonda. E quando apparve dopo la risurrezione, Egli apparve ad una donna. Infine, nella gloria celeste, nessun uomo sarà re in quella patria ; ne sarà invece regina una donna, che non ha mai peccato. U. Eco ; Il nome della rosa

Io credo che tutto ciò che ha inventato questo nuovo Dio che tu chiami progresso sia solo una serie di prolunghe. L'automobile è una prolunga delle gambe, il telefono una prolunga dell'orecchio, il televisore dell'occhio e il computer del cervello ; ma nessuno di questi nuovi marchingegni, che io sappia, è mai riuscito a cambiare l'Uomo nel suo profondo. Passano gli anni infatti e, malgrado le nuove prolunghe immesse nel mercato, gli uomini continuano a comportarsi come sempre. Non ci sono forse, ancora oggi, uomini ambiziosi come Alcibiade, gelosi come Menelao e invidiosi come Tieste ? Quando, come spero, il progresso sarà capace di produrre ad un prezzo conveniente anche l'Amore e la Libertà, allora io diventerò un suo fervido seguace. L. De Crescenzo. Oi dialogoi

Per convincere l'uomo a lavorare e a produrre di più di quanto non sia capace di consumare, noi dobbiamo puntare tutto sulla voglia di arrivare prima degli altri. Dice Smith all'uomo : "Se tu lavori molto, io, in cambio di
questo lavoro, ti darò tanti pezzi di carta sui quali scriverò 'una sterlina', cento o mille sterline, e tu sarai tanto più felice quanto più denaro riuscirai a mettere da parte. In pratica, il capitalismo fa affidamento sull'egoismo umano e sulla sua voglia di arraffare. Carlo Marx invece, avendo saputo da un certo Giacomo Rousseau che l'uomo era buono per natura, decise di far leva sulla bontà. In altre parole è come se avesse detto all'uomo : "tu devi lavorare per il bene della collettività ; poi tutto quello che riuscirai a produrre sarà diviso in parti uguali fra gli uomini della nazione". L. De Crescenzo. Oi dialogoi

Per la maggior parte delle persone la felicità consiste nel vivere bene. Ma una vita fatta di soli piaceri fisici, avverte Aristotele, è una vita di bestie. Qualcuno più evoluto pensa che la felicità possa consistere negli 'onori' ovvero nelle ricchezze, nel potere o nei simboli del potere. Questi piaceri, obietta ancora Aristotele, sono gratificazioni solo per modo di dire, in qunato rimangono esterni all'individuo senza arricchirlo davvero. Per Platone la felicità era l'Idea del Bene, del Bene in sé, come lo chiamava lui, una qualcosa cioè di separato, che proprio in quanto separato diventa irraggiungibile. Aristotele, in questo, bisogna convenire, era più pratico di Platone. Per lui il bene consiste nel realizzare l'attività che ci è peculiare. Che vuol dire ? Che se per l'occhio il massimo del bene è il vedere e per l'orecchio il sentire, per l'uomo il massimo del bene consisterà nello svolgere quelle funzioni che sono proprie degli uomini. L. De Crescenzo

Disse la fata rivolgendosi ai tre medici riuniti intorno al letto di Pinocchio: "Vorrei sapere da lor signori se questo disgraziato burattino sia morto o vivo!". A quest'invito il Corvo, facendosi avanti per primo, tastò il polso a Pinocchio, poi gli tastò il naso, poi il dito mignolo dei piedi; e quand'ebbe tastato bene bene, pronunciò solennemente queste parole: "A mio credere il burattino è bell'e morto: ma se per disgrazia non fosse morto, allora sarebbe indizio che è sempre vivo!". "Mi dispiace" disse la Civetta, "di dover contraddire il Corvo, mio illustre amico e collega: per me invece il burattino è sempre vivo; ma se per disgrazia non fosse vivo, allora sarebbe segno che è morto davvero!".
Carlo Collodi. Le avventure di Pinocchio

Le ragioni supreme del progresso del potere della scienza e del suo dominio sui comuni mortali non temono alcunché, neanche l'annientamento della stessa razza. E' una volontà di potenza assoluta che preferisce autodistruggersi piuttosto di non riuscire a vincere le sfide che si impone, in ciò sta la grandezza e la miseria dell'umanità che ricava quasi un senso di felicità dalla sua stupidità. Ma l'uomo prima non esisteva e dunque che problema ci sarà se tra un po' scomparirà. Perciò nulla può intimorirci, il nulla non può intimidire se stesso, non può intimidire l'inconsapevolezza e l'incoscienza del suo nichilismo.
Carl William Brown

Le tombe non sono fatte per i morti, ma per i vivi (...). Dico del bisogno che ha la vita di fabbricare una casa ai suoi sentimenti. Non basta ai vivi averli dentro, nel cuore, i sentimenti : se li vogliono vedere anche fuori ; toccarli, e costruiscono loro una casa (...). Di noi poveri morti, dopo un pò di tempo, che volete che ne resti in quelle fosse là ? Se mai un po' di polvere. Niente. E che cosa sono allora le tombe ? Il ricordo, l'affetto, il rispetto, la devozione (tutti sentimenti, come vedete), sentimenti dei vivi che, non contenti di essere coltivati dentro, o diffidando che dentro non sarebbero durati a lungo, si sono pagati il lusso d'una casetta fuori. L. Pirandello. All'uscita

Io avevo in vita un caro cagnolino (...). Non riusciva a capacitarsi come ad un cagnolino bellino come lui non fosse lecito entrare in chiesa. Alle mie sgridate (...) stava a guardarmi con l'aria di credere che là non ci stesse nessuno e che lui perciò potesse entrarci. "Ma come non ci stà nessuno, Bibì ?" gli dicevo io carezzandolo ; "ci sta il più rispettabile dei sentimenti umani, carino, il quale, non contento neanche lui d'abitare nel petto degli uomini, ha voluto fabbricarsi fuori una casa, e che casa ! Cupole, navate, colonne, ori, marmi, tele preziose". Ora voi, buono uomo, forse siete in grado di comprendere. Come casa di Dio è senza dubbio infinitamente più grande e più ricco il mondo che una chiesa ; incomparabilmente più nobile e prezioso di ogni altare, lo spirito dell'uomo in adorazione del mistero divino. Ma questa
è la sorte di tutti i sentimenti che si vogliono costruire una casa : si rimpiccioliscono, per forza, e diventano anche poco puerili, per loro vanità. E' la stessa sorte di quell'infinito che è in noi, quando per alcun tempo si finisce in questa apparenza che si chiama uomo, labile forma su questo volubile granello di terra perduto nei cieli. L. Pirandello. All'uscita

Ognuno adatta la propria visione generale della vita alla propria condizione, per illudersi di svolgere un'attività importante e positiva. Di solito si ritiene che il ladro, l'assassino, la spia, prostituta, ammettendo l'infamia della loro attività, se ne vergognino. E' proprio il contrario. Chi vive in queste condizioni, spinto dal destino e dai propri errori, epr quanto errate siano, vi adatta la sua visione generale della vita secondo la quale le sue azioni risultano buone e rispettabili. E si aggrappa agli ambienti dove trova conferma e approvazione. Ci stupiamo di fronte ad un ladro che si vanta della sua abilità, o ad una prostituta che si vanta della sua corruzione, o ad un assassino che si vanta della sua crudeltà. Ma ci stupiamo solo perché si tratta di un mondo particolare di cui non facciamo parte. Ci stupiamo forse dei ricchi, fieri della loro ricchezza, che è ladrocinio ; o dei comandanti, fieri delle loro vittorie, che sono assassinio ; o dei potenti, fieri del loro potere, che è violenza ? Non ci accorgiamo che il loro concetto di bene e di male è falsato a giustificazione delle loro azioni solo perché di questo mondo dalla morale elastica facciamo parte anche noi. Tolstoj

Capì chiaramente che tutto il male cui aveva assistito e la tranquilla sicurezza di chi lo commetteva, dipendeva solo dal fatto che gli uomini volevano fare una cosa impossibile : correggere il male, essendo impastati di male. Finalmente capiva il perché di tutti gli orrori che aveva visto, e sapeva cos'era necessario fare per eliminarli. La risposta era quella data da Cristo a Pietro : perdonare sempre, tutti, perdonare infinite volte, perché non esistono uomini senza colpe e dunque in grado di punire e correggere. "E i criminali ? Bisogna lasciarli impuniti ?" ; ormai non lo turbava più. Avrebbe un senso se si potesse dimostrare che le punizioni arginano i delitti e rieducano i colpevoli. Ma accade proprio il contrario : non è in potere dell'uomo giudicare. Egli aveva ormai capito che la società e l'ordine esistono ancora non per merito di questi criminali legali che giudicano e puniscono, ma solo perché, malgrado tanta ignoranza, gli uomini si compatiscono e si amano. Tolstoj. Resurrezione

Non so chi mi abbia messo al mondo, né che cosa sia il mondo, né che cosa io stesso. Sono un'ignoranza spaventosa in tutto. Non so che cosa sia il mio corpo, i miei sensi, la mia anima e questa stessa parte di me che pensa quel che dico, che medita sopra di tutto e sopra se stessa, e non conosce sé meglio del resto. Vedo quegli spaventosi spazi dell'universo che mi rinchiudono ; e mi trovo confinato in un angolo di questa immensa distesa, senza sapere perché sono collocato qui piuttosto che altrove, né perché questo po' di tempo che mi è dato da vivere mi sia assegnato in questo momento piuttosto che in un altro di tutta l'eternità che mi ha preceduto e di tutta quella che mi seguirà. Da ogni parte vedo soltanto infiniti, che mi assorbono come un atomo e come un'ombra che dura un istante e scompare poi per sempre. Tutto quel che so è che debbo presto morire ; ma quel che ignoro di più è, appunto, questa stessa morte, che non posso evitare. Pascal

Non c'è preoccupazione più assillante e più tormentosa per l'uomo, non appena rimanga libero, che quella di cercarsi al più presto qualcuno innanzi al quale genuflettersi. Ma l'uomo pretende di genuflettersi dinanzi a ciò che è ormai indiscutibile, talmente indiscutibile che innanzi ad esso tutti gli uomini in coro acconsentano a una generale genuflessione. Giacchè la preoccupazione di queste misere creature non consiste solo nel cercar qualche cosa di fronte alla quale io o un altro qualunque possiamo genufletterci, ma nel cercare una cosa tale, che anche tutti gli altri credano in essa e vi si genuflettano, e anzi, più precisamente, tutti quanti insieme. Dostoevskij. I Fratelli Karamazov

Come ci sono figli illegittimi, ci sono anche i pensieri bastardi!. Tende ognuno ad ammogliarsi per tuta la vita con un'anima sola, la più comoda, quella che ci porta in dote la facoltà più adatta a conseguire lo stato cui aspiriamo; ma poi, fuori dall'onesto tetto coniugale della nostra coscienza, abbiamo tresche, tresche e trascorsi senza fine con tutte le altre nostre
anime rejette che stanno giù nei sotterranei del nostro essere, e da cui nascono atti, pensieri, che non vogliamo riconoscere, o che, forzati, adottiamo o legittimiamo, con accomodamenti e riserve e cautele. Pirandello. Ciascuno a suo modo

Pagina Successiva     Pagina Precedente


CERCA IN TUTTO IL SITO

DELLA DAIMON LIBRARY



60,000 ENGLISH QUOTES

DAIMON SPIDER


daimonew.jpg (8097 byte)


  Copyleft © 1997-2020  www.daimon.org  C.W. Brown 



 Daimon Club   Daimon People

 Daimon Arts   Daimon News

 Daimon Magik   Daimon Guide

 Daimon Library   C.W. Brown

 Banner Links   Daimon Humor


New Edition 2015 Youcanprint Self-publishing


Follow us on Facebook

Follow us on Twitter

Follow us on Pinterest

Follow us on Tumblr


website tracking