ALDO VINCENT

librarybann.gif (6877 byte)
 

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

newani.gif (2181 byte)   Per una ricerca veloce in tutta la Daimon Library   newani.gif (2181 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

bookpium.gif (2870 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Ricerca personalizzata

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Aldo Vincent è uno scrittore che dal 1997 scrive sul web in completa libertà. Ha iniziato collaborando con vari siti internet scrivendo piccoli notiziari scherzosi per gli emigrati italiani. In seguito ha aperto su Clarence IL RECIDIVO con alcuni fuoriusciti dal mitico CUORE, inoltre ha scritto sporadicamente per Affari Italiani e punto-informatico. Come scrittore satirico e giornalista ha collaborato con LIBERAZIONET, poi con Massimo Caviglia (un Maestro!) per l’inserto satirico del MANIFESTO poi PEPPER e altre decine morti affogati tra i flutti della satira on line.
E' un grande autore che ha camminato per i tortuosi vicoli elettronici della rete e si è accompagnato a compari di viaggio di ogni genere, da cui ha avuto grandi soddisfazioni, per esempio:

"Sono stato espulso da TUTTE le associazioni culturali, Forum letterari, circoli illuminati, consessi politici, camarille massoniche, aggregati sinistri, e tutto ciò che pareva avere una sembianza culturale o italiota. Espulso da TUTTI. Dev’essere un record.
Non sono mai stato pagato da NESSUNO, né da coloro che hanno chiesto una mia collaborazione, per cominciare non ci sono soldi poi vedremo, a piccoli editori con i quali ho pubblicato ben tre libri! Tra cui il primo libro satirico contro Berlusconi (che non riportava null’altro che le sue proprie dichiarazioni, con qualche commentuccio solforoso). Gli ultimi con cui ho collaborato aggratis sono stati quelli di Rifondazione, che mi hanno sbattuto fuori. Ho mandato in giro una mail di protesta dicendo che avevo lavorato senza compenso e sono stato sommerso dalle rimostranze degli altri collaboratori che mi invitavano a cancellare i nomi perché, lo scopersi allora, l’unico a lavorare aggratis ero io!
Vabbè, che altro dire?
Sono qui, e non mollo.  https://www.facebook.com/aldo.vincent?fref=ts


MONOLOGO DI ALDO VINCENT

Quando arrivi ad una certa eta', quella in cui ti dicono: "Ammazza, ma non li dimostri!" quella in cui credi di essere ancora giovane ma e' troppo tardi, quella in cui ti dicono che hai il cuore di un trentenne e ti indicano anche dove l'hanno sepolto, allora e' bene che al mattino, appena ti alzi, tu faccia un rapido inventario delle cose che fai o che non fai per vedere se ti stai rincoglionendo.
Questa mattina, per esempio, mi sono alzato per primo e dopo una notte d'amore, prima di uscire dal letto ho dato un bacio a mia moglie. Gia' questo potrebbe deporre a mio sfavore, ma quello che piu' mi ha preoccupato e' che senza pensarci le ho messo un biglietto di cinquanta Euro sul comodino. Sono sceso in cucina e dopo mezz'ora che il caffe' non veniva su, mi sono accorto che ci hanno tagliato la luce e il fornello e' elettrico. Ho aperto l'auto con le chiavi di casa e ho tentato di avviarla con le stesse chiavi. Accortomi del qui per quo ho tentato di rientrare in casa usando le chiavi dell'auto e quando la casa si e' messa in moto si e' affacciata mia moglie che ha chiesto con voce assonnata: "Ma cos'e' tutto questo casino!". Abbiamo fatto colazione insieme ed io mi sono addormentato prima che lei finisse di rimproverarmi di non alzare la tavoletta del cesso e di non tirare l'acqua quando ho finito.
Mi sono svegliato e sono andato in bagno con lei ma anche davanti all'evidenza, ho negato di non aver tirato l'acqua. Per farmi perdonare le ho detto che stasera c'e' la finale della Champions League ma che preferisco guardare Love Story in cassetta (l'abbiamo comprata cosi' mia moglie puo' piangere ogni volta che si sente euforica).
A proposito di certi rumori che faccio mentre mangio, le dico di non preoccuparsi perché si tratta semplicemente di aereo fagia. Lei dice che per la fagia non si preoccupa, ma su quell'aereo ci dev'essere il cesso rotto perché si sente una strana puzza. A proposito, dice di essere stufa di lavarmi le mutande Abarth (quelle con la riga marrone in mezzo) ed io per cambiare discorso le ho ricordato di quella volta in Val Brembana quando siamo rimasti chiusi in camera per tutto il fine settimana. Dice di ricordare benissimo che non era lei.
Sono andato a trovare mio padre, poveraccio. Gli ho chiesto come va la sua arteriosclerosi e mi ha detto che adesso non l'ha piu'. L'ha cambiata con una Fiat Punto modello Lux. Vuole lasciare mia madre per una squinzia con il Parkinson. Dice che come mette lei il formaggio sui maccheroni, non lo mette nessuno. Poi quando si addormenta lui le mette le mani sul suo pisello e dopo un paio d'ore trova pure soddisfazione! Porta sempre la foto della squinzia nel portafoglio. L'ho vista. E' mossa. Quando la notte si alza per andare a pisciare porta la Visa Card, perché dice che gli sembra di essere dentro la Esselunga, dove come apre la porta tutto si accende e sugli scaffali vede tutta la merce in bella mostra. Mia madre e' disperata perché e' convinta che ci sia qualcuno che di notte vada a pisciare nel frigorifero.
La mamma non si dispera perché dice di avere il corpo di una diciottenne. Sospetto l'abbia nascosto di sotto, nel refrigeratore. Sul giornale c'e' scritto che non ci sono significativi progressi nella lotta contro l'AIDS. Per forza. dico io, come fanno in laboratorio a far si' che i topolini si inculino?
E la faringite? E' forse l'escursione della scolaresca fino al faro piu' vicino? O e' una malattia del guardiano? "Guarda che culo!" mi ha detto un collega in ufficio ed io invece che guardare la gnocca che passava, guardavo per terra perché mi credevo che avessimo trovato qualcosa di prezioso. Dice:"Non ti preoccupare, che la tua vita e' tutta rose e fiori!". Vabbe', dico io ma sono allergico!


LA MORALE, COS’E’ LA MORALE.

Che poi va a finire che avevano ragione i vecchi quando ironizzavano sulla morale. Ricordo mio nonno che diceva che se li ammazzi tutti, ma proprio tutti allora sei Dio. Se ne ammazzi sei milioni sei Hitler, ma se ne ammazzi solo tre sei Stalin e con due milioni sei la Peste. Se ne ammazzi un milione sei un tiranno jugoslavo, ammazzandone cinquecentomila sei la bomba atomica, con duecentomila il direttore della Centrale di Chernobil, se ne ammazzi centoventimila sei la Vandea, ma se ne ammazzi almeno ottantamila dirigi una fabbrica chimica tipo Bhopal e con cinquantamila vieni classificato non piu’ di un terremoto del quinto grado della scala Richter (ma solo se ti scateni in un Paese del Terzo Mondo). Se ne ammazzi ventimila sei un ottimo generale di corpo d’armata, ma se ne ammazzi diecimila sei solo un conflitto locale. Se ne ammazzi tremila (magari dentro due grattacieli) allora sei Bin Laden e si accende lo Special ma se quei tremila sono per esempio bambini in Afghanistan allora non succede un cazzo. Con solo duemila morti sei una semplice alluvione. Mille morti e sei un tifone indiano, ottocento un pilota bombardiere con una pessima mira (cosi’ almeno dichiarano al Pentagono), ma se ne ammazzi cinquecento con un missile aria/terra, allora la mira e’ ottima. Se ne ammazzi duecento sei un effetto collaterale di bomba intelligente, ma se ne ammazzi cento sei un eroe mediorientale che si e’ immolato facendosi saltare in mezzo agli infedeli (visto dagli islamici, sei un vile pauroso visto da Bush). Se ne ammazzi cinquanta sei uno scaltro incursore, se ne ammazzi quaranta sei un vile attentatore. Se ne ammazzi trenta sei un ottimo chirurgo al massimo della sua carriera, oppure sei un giudice di Corte Suprema americano in uno Stato con la pena di morte. Se ne ammazzi ventiquattro sei un poliziotto con la Uno bianca, meno di venti sei un ottimo fante, se ne ammazzi dieci un buon poliziotto asiatico, se ne ammazzi otto sei un serial killer, ma se ne ammazzi cinque sei solo un incidente del sabato sera. Se ne ammazzi tre sei un anestesista distratto, se ne ammazzi due un carabiniere che e’ inciampato nell’inseguimento. Ma se ne ammazzi uno e uno solo, allora diranno che sei un assassino e ti metteranno in galera!


SONO A DIETA

Tra gli stregoni di fine millennio, insieme ai programmatori di computer, borsaioli, cioe' agenti di Borsa e ecosistemisti, occorrera' aggiungere i dietologhi. Oppure si scrive dietologi? Una volta, quando le regole erano chiare, orologio al plurale faceva orologi e chirurgo al plurale faceva chirurghi. Adesso non si capisce piu' niente e cosi' scrivero' una volta dietologi e una volta dietologhi per accontentare tutti i miei estimatori che ogni tanto mi correggono. Avrete capito che mi sono messo a dieta: Avevo sentito dire un gran bene di un dietologo che aveva fatto perdere a un mio amico ben sessanta chili in una settimana e cosi' ho chiesto maggiori informazioni: Non si trattava di una dieta ma il dietologo era scappato con la moglie di questo amico che adesso si trovava alleggerito non solo della dolce meta', ma la prospettiva del divorzio lo faceva parlare da solo. Cosi' mi sono presentato dal dietologo, lui mi ha guardato e come per miracolo solo nella prima seduta mi ha fatto perdere ben trecento mila lire.
Per la verita' io non sono per niente grasso.
E’ solo che sono sotto la mia altezza forma. Dovrei essere piu’ alto 18 cm. Ma a me il grasso piace. Mi tiene compagnia. Mi tiene su i pantaloni. Grasso e' bello! Ma non siate severi con me: io controllo quel che mangio, solo che lo controllo e poi lo mangio. E bado bene a quello che mangio, il problema e' che non controllo quanto ne mangio! Purtroppo credo di avere esagerato: ero fuori dalla scuola per aspettare mio figlio e si e’ avvicinata una insegnante e mi ha detto:” scusi, aspetta un bambino?” No, no, sono cosi’ di natura, le ho detto. Cosi' sono andato dal dietologo. Si spogli! Ma ho bisogno soltanto di una dieta. Si spogli di la’ e non faccia storie. Vado di la’ e c’e’ un vecchietto nudo. Ma e’ strano, dico, ho bisogno dell’elenco degli esami da fare e vuole che mi spogli. Non e’ strano, dice lui, pensi che io sono qui per riparare il termosifone! Mi ha fatto fare alcuni esami e poi alla seconda seduta li ha guardati lentamente, poi ha alzato gli occhi e mi ha detto: "Lei deve mangiare meno". Minchia, che scoperta! Da Nobel. Ma come, io mi presento li' con un giro vita che se fossi una quercia mi ci vorrebbero trecento anni per avere quella circonferenza e lui mi cucca trecento mila lire per dire che devo mangiare meno! Ma tu devi mangiare meno, vecchio imbroglione!
Un terrorista. Qui perdi il ferro come quelli che avranno il cancro. Il cuore batte come quelli che poi avranno l’infarto. La prima cosa che mi ha fatto perdere e’ stata la fiducia nel medico. No senza scherzi con il dietologo nei primi 14 giorni ho perso due settimane. Stavo per perdere la speranza di un risultato quando alla quarta volta che cambiava inutilmente la dieta, mi fa: devi fare molto moto. Be’ su questo ha ragione. Abbiamo in casa un esempio che il moto fa bene. Il mio nonno ha cominciato a sessant’anni a camminare per cinque chilometri al giorno. Adesso ha 97 anni e non sappiamo piu’ dove sia. Il mio sarto prende la misura dall’ombelico al mento. Poi fa al quadrato e per 3,14 e mi da’ il vestito. E pensare che da giovane ero uno sportivo. Ho lanciato il giavellotto a 180 metri. No, veramente l’ho lanciato a sessanta ma il giudice che ho colpito si e’ trascinato per altri 120 prima di stramazzare al suolo. Sono grasso ma sono anche forte: potrei sollevare un elefante con una mano sola ma dove lo trovo un elefante con una mano sola? hanno tutti quattro zampe! Ho la bilancia con il retrovisore. Ne ho bisogno per vedere quando ho le erezioni.
Voglio cambiare sesso.
Non diventare donna. No, ne voglio uno nuovo. Voglio anche un culo nuovo perche’ ho visto nel retrovisore che c’e’ un buco. In fondo fare una dieta e' semplice, potreste farla anche senza medico: Mangiate pure tutto quello che volete e quanto volte volete. L’importante e’ che non lo mandiate giu’. Che mondo infame il nostro. Tutto quello che mi piace o e’ peccato o e’ proibito o fa ingrassare. Ma sei sicuro che vada tutto bene in un mondo dove meta’ della popolazione muore di fame e l’altra meta’ e’ a dieta? Credo che il mio problema sia che non mangio mai a stomaco vuoto. E poi quando mangio mi sento un altro uomo ma anche quello ha fame.
Ho sentito parlare di una portentosa dieta Valium. Si fa con sessanta Valium al giorno. No, non e’ che ti passa l’appetito e’ che ti cade il cibo per terra e se tenti di raccoglierlo stramazzi al suolo. Io sono a dieta da 35 anni. Se penso a tutti i chili che ho perso dovrebbero fare 435 circa. Dovrei essere attaccato ad un braccialetto. Sono grasso, ma sto bene, benissimo! Pensa che quando Mozart aveva la mia eta’ era gia’ morto da 25 anni! Un metodo infallibile per dimagrire e’ spogliarsi nudo e mangiare davanti allo specchio. Funziona perche’ ti sbattono fuori subito dal ristorante Il problema e’ che seguo una dieta rigorosa tranne naturalmente all’ora dei pasti. Faccio movimento. Ogni mattina tocco cento volte la punta delle scarpe.
Poi mi alzo e me le metto. Ho 54 anni, l’eta’ in cui ti senti giovane, ma e’ troppo tardi. E’ un’eta’ giovane se sei una quercia, media se sei un elefante, avanzata se sei uno sportivo cui il figlio dice, no papa’ non vengo a fare jogging con te se non mi porti qualcosa da leggere. Va bene ho 54 anni, ma se togli gli anni che ho aspettato i bagagli all’aeroporto, quelli in fila in Prefettura, quelli: cinque minuti e sono subito da lei, quelli: e’ quasi pronto, quelli: aspetti che glie lo incarto, quelli: deve essere qui da qualche parte... allora ho trentacinque anni.
Ci sono tre eta’ di un uomo. La gioventu', l’eta’ matura e quella in cui ti dicono, “ma va, non sei mai stato cosi’ bene” allora e’ finita.
Sento che sto invecchiando perche’ sono diventato un po’ sporcaccione. A che serve essere vecchi se non si e’ un po’ sporcaccioni? E poi non e’ vero dici sempre le stesse cose, per esempio: "ti farei un pigiamino di saliva! ". Audace, diceva lei quando avevi vent’anni, tentatore, diceva quando avevi trent’anni, porco, diceva quando ne avevi quaranta vecchio bavoso dice adesso. Attento che chiamo la polizia quando ne hai sessanta. Occorre assolutamente ricoverare il nonno quando ne hai settanta. Insomma, amici, portate pazienza: sono a dieta e la cosa mi rende nervoso.
Anche perché la dieta e' ferrea: ieri per esempio ho mangiato una crosta di pane, uno yogurt e insalata a cena. E' andato tutto bene ma stamattina, nel bagno ho mangiato tutto il tubetto di dentifricio!
Vi saluto perché e' pronta la cena: stasera mi faccio due spaghetti e poi vado a letto. Ma cosa avete capito? Non due spaghetti nel senso metaforico di una scarsa quantita' di pasta, no. Proprio due spaghetti, uno come aperitivo e il secondo lo taglio in due cosi' potro' mettermelo sulle orecchie e guardarmici nello specchio prima di mangiare. Ma dimagrisco, per la miseria se dimagrisco! Vi terro' informati.
P.S.
La vecchia barza si riscrive cosi': Dottore, dottore, posso fare il bagno CON la diarrea? Ma no, lo piastrelli come tutti gli altri!


CATALOGO DELLE DIMISSIONI

A suo tempo ero rimasto colpito dalle notizie di dimissioni di Calderoni e Muti, le prime CONGELATE e le seconde solamente VENTILATE (come le scorregge) e poi SMENTITE.
Vabbe’ che viviamo in Italia, mi sono detto, il paese, secondo Flaiano, dove non si devono mai dare le dimissioni perche’ c’e’ il rischio che le accettino, ma qui siamo andati oltre. Abbiamo superato da un pezzo il non dare le dimissioni per entrare nel mondo fantasmagorico delle dimissioni date e non date, minacciate ma col filtro, fatte temere, avvertite, sfidate, percepite ma non espresse, puzzolenti e quindi ventilate... come queste di Mastella. Insomma, una cosa tutta italiota di cui, in questi ultimi anni, ho tenuto un puntuale archivio.
Non che all’estero stiano meglio, e non lasciatevi ingannare da qualche galantuomo (ebbene si’, all’estero ne e’ rimasto qualcuno) che le rassegna senza fiatare. In realta’ ci sono altri che fanno cadere la faccia, come per esempio quel JAMES MINDER 74 anni, presidente della più famosa fabbrica d’armi del mondo, l’americana Smith&Wesson che aveva nascosto di avere un passato da rapinatore, con condanna a quindici anni di carcere, dieci dei quali scontati. Scoperto dal quotidiano dell’Arizona Republic, fu costretto alle dimissioni.
Certo molto meglio di Giuseppe Fortunato (voluto da AN) che è stato condannato a 6 mesi per violazione del segreto d'ufficio (condanna resa *DEFINITIVA* l'8 marzo 2002 dalla sentenza numero 9331 della Corte di Cassazione) che fu eletto dal nostro governo all'authority per la privacy ... l’uomo giusto al posto giusto?


 

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

daimonew.jpg (8097 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

 Diamante_rosso7253.gif (591 byte) Sommario    Diamante_rosso7253.gif (591 byte)  Indice Autori   Diamante_rosso7253.gif (591 byte)  Home page   Diamante_rosso7253.gif (591 byte)  Join Us On Facebook   Diamante_rosso7253.gif (591 byte)  Join Us On Twitter

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

     Copyleft © 1997 - 2020  by  WWW.DAIMON.ORG  and  CARL WILLIAM BROWN

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

hypersubmit-468x60.gif (6875 byte)


colorarr.gif (690 byte) Daimon Club colorarr.gif (690 byte) Daimon People colorarr.gif (690 byte) Daimon Arts colorarr.gif (690 byte) Daimon News colorarr.gif (690 byte) Daimon Magik
colorarr.gif (690 byte) Daimon Guide colorarr.gif (690 byte) DaimonLibrary colorarr.gif (690 byte) Daimon Humor colorarr.gif (690 byte) Links Exchange colorarr.gif (690 byte) C. W. Brown

daimonologyban1.jpg (10828 byte)website tracking