POTERE E AUTORITA': FOLLIA O STUPIDITA'.

Sponsored Links and Publicity


 

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Ricerca personalizzata

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

potere e autorita': follia o stupidita' di carl william brown

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

4000 AFORISMI DI CARL WILLIAM BROWN ONLINE

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

 

4000 AFORISMI DI CARL WILLIAM BROWN ONLINE


(Breve estratto da una raccolta di saggi sul potere, l'autorità e la stupidità.)


  Forse senza il potere della stupidità, o se preferite senza l'autorità della follia l'uomo non sarebbe neanche venuto al mondo, ed è perciò che come ben sottolinea Erasmo da Rotterdam nel suo Elogio della follia (10), il panorama occupato da questa divinità è universale. Seguendo lo scritto di Erasmo ci convinciamo che l'uomo, da sempre alla ricerca della felicità e del benessere, non può far altro che agire sotto il controllo della follia, perchè solo così può riuscire nel suo intento, ma tale postulato è certamente sarcastico e l'intento è ovviamente morale e satirico. Tuttavia però ne risulta una verità quasi incontrovertibile, e cioè che tutta l'umanità agisce in preda alla stupidità , e naturalmente chi può agire di più, vale a dire chi può comandare e far agire, è di conseguenza necessariamente più stupido e quindi più pericoloso per il bene comune della specie.

  Il mondo è dunque in mano agli stolti, come si legge nel Talmud, l'antico testo ebraico ed è anche normale che sia così, perchè è la legge della natura, vale a dire, il più grande mangia il più piccolo, il più stupido governa sul meno stupido, il più forte comanda sul più debole e questo delirio di onnipotenza, di continua ricerca del dominio conduce l'essere umano ad instupidirsi, come sosteneva appunto il nostro Nietzsche.

  Tutto ciò porta gli uomini a commettere bestialità atroci e sin dalle origini della nostra storia ne abbiamo prove innumerevoli. Con l'ausilio dell'inganno e della menzogna, nonchè della forza, alcuni individui hanno sottomesso alla loro schiavitù milioni di altre persone, tanto che, per citare un dato, tra il II° secolo a.C. ed il II° secolo d.C. su 60-70 milioni di abitanti dell'intero mondo mediterraneo, non più di due milioni, vale a dire il 3% della popolazione potevano considerarsi effettivamente liberi. Lo sfruttamento dell'uomo sull'uomo e le folli manie di grandezza dei governanti hanno lastricato il cammino umano di innumerevoli guerre. "Dal 1496 a.C. al 1861 d.C. per esempio, leggiamo in Davien, si sono avuti 227 anni di pace e 3357 anni di guerra....nei tre ultimi secoli sono state combattute in Europa ben 286 guerre. Dall'anno 1560 a.C. all'anno 1860 d.C. furono conclusi più di 8000 trattati di pace destinati a durare per sempre; la loro durata media di validità fu di due anni." Carty ed Ebling scrivono ancora : "dal 1820 al 1945 ben 59 milioni di uomini sono stati uccisi in guerre o altri conflitti mortali". (11) e si potrebbe continuare all'infinito, citando i due conflitti mondiali del novecento, lo sterminio nei lager nazisti dove furono atrocemente eliminati più di cinque milioni di ebrei, le deportazioni nei Gulag siberiani dei dissidenti russi del periodo comunista, le guerre etniche e via dicendo, ma non è tutto. La guerra non è altro che il culmine della sofferenza umana, la quale è in ogni caso sempre ben alimentata anche nei periodi di pace dai sopprusi, dagli abusi che i potenti infliggono ai più deboli ed ai più saggi e qui basta pensare a tutte le persecuzioni religiose, alla crocefissione di Cristo, o alla condanna di Socrate, all'imprigionamento di spiriti liberi come Campanella, alle persecuzioni degli eretici e ai roghi sui quali persero la vita filosofi come Giordano Bruno, o ai processi durante i quali scienziati come Galielo Galilei furono costretti ad abiurare le proprie teorie o allo sfruttamento economico di milioni di individui in ogni parte della terra e si potrebbe non finire mai.

L'evidenza dei fatti sembra innegabile, l'umanità è schiava della stupidità e la follia è la sovrana dei nostri peggiori nemici, ma a proposito di nemici, ancora una volta troviamo una tragica affermazione nelle parole di un grande illuminista come D. Diderot: "I nemici hanno abitato da sempre i templi, i palazzi e i tribunali, tre ricoveri donde sono uscite le miserie della società." Addirittura i sovrani del passato, con tutti i loro guerrieri e cavalieri, con i loro oratori e poeti adulatori capaci di diffondere soltanto una marea di menzogne, si definivano tali niente meno che per autorità divina, e grazie a questa favola hanno continuato a perpetrare per secoli e secoli le più orrende malvagità.

  Nonostante tutto ciò, sin dall'antichità si è anche cercato di giustificare questo miserevole stato di cose e così vari pensatori si sono prodigati per spiegare il reale stato della nostra condizione: Eraclito per esempio arrivò a dire che la guerra è comune a tutto e la lotta è giustizia, tutte le cose nascono e muoiono attraverso la lotta. La guerra è madre di tutte le cose, di tutti re; e gli uni disvela come dei e gli altri come uomini, gli uni fa schiavi e gli altri liberi (12). Col passar del tempo Eraclito ha trovato dei sotenitori e si è giunti a Shakespeare che affermava: "La guerra uccide più cornuti di quanto non la pace generi uomini." (13) o Marinetti che nel suo manifesto futurista (14) esaltava la guerra come sola igiene del mondo o l'ideologo nazista Von Bernardi che dichiarava:" la guerra è una necessità biologica....decide in modo biologicamente giusto, poichè le sue decisioni poggiano sulla vera natura delle cose", oppure Lord Elton che nel 1942 in pieno conflitto mondiale asseriva tranquillamente: "La guerra, per quanto la possiamo odiare, è ancora il fattore supremo del progresso evolutivo." e anche l'antropologo Keith sosteneva: "La natura fa prosperare il suo frutteto sfrondando e potando, la guerra è il suo falcetto potatore; non possiamo fare a meno dei suoi servizi." (15).

  Dunque sembra proprio che avessero ragione i futuristi a considerare la guerra come sola igiene del mondo, peccato però che non sia ancora riuscita ad eliminare il vero parassita della terra; l'uomo consciamente o inconsciamente continua a servirsene, dimostrando così la sua natura duale, sadica e masochistica e dando come sempre alla stupidità lo scettro assoluto del potere incontrastato.

  Come vedremo anche in seguito la guerra è comunque in ogni caso una sanguinosa lotta per il potere, per il dominio, è l'egoistica ricerca dell'autorità e della ricchezza, è la sete di territori e di controllo sull'operato umano dei nostri simili, è praticamente una malattia del corpo e della mente, è una patologia dello spirito che non sembra destinata a guarire, a questo proposito non si dovrebbe infatti fare troppa fatica a ricordare per esempio i conflitti medio-orientali, la guerra del Vietnam o quella della ex-Iugoslavia per non parlare dei conflitti in Ruanda, Somalia, Afghanistan, Curdistan e via dicendo.
In ogni occasione vi sono dunque dei comandanti che decidono della sorte di altri uomini , delle milizie o masse informi che non esitano ad obbedire. Obbedire all'autorità è infatti la condizione necessaria affinchè il potere possa venire esercitato ed è anche la condizione indispensabile perchè la stupidità possa esercitare il suo governo o meglio ancora la sua tirannide. Mi sembra dunque impossibile non sostenere che le società di ogni tempo si sono basate sul conflitto, ed è per questo che alcuni studiosi, tra cui Marx e più tardi Dahrendorf, hanno elaborato proprio una "teoria del conflitto" che tra le altre cose ci spiega anche che la struttura sociale è basata sul dominio di alcuni gruppi da parte di altri; come vedete nulla di nuovo sotto il sole.

Forse dev'essere proprio così, qualcuno deve comandare, deve condurci, il rischio però è che ci conduca allo sfacelo, alla catastrofe, e ci faccia giungere all'apocalisse tra i dolori più laceranti ed atroci. Arrivati a questo punto c'è un'osservazione di un certo rilievo che può aiutarci a capire molte cose; Federico II° di Prussia (anche i governanti talvolta sanno riconoscere la stupidità), un potente sovrano, non c'è dubbio, una volta esclamò: "Se i miei soldati cominciassero a pensare, nessuno più rimarrebbe nelle mie file." e questa breve e sarcastica frasetta ci spiega dunque che i potenti hanno bisogno, per portare a termine i loro nefasti progetti, di gente fedele e ossequiosa che, per paura o per denaro li segua ciecamente nelle loro folli imprese di conquista e di sterminio; ma allora non sono solo i potenti che non hanno cervello, come ipotizza Hugh Freeman nel suo libro Le malattie del potere (16), ma a quanto pare sono anche i loro seguaci ad avere qualche problema.

  Certamente il mondo ha bisogno di azione, per progredire deve essere dinamico e a questo proposito Freeman cita John Maynard Keynes, il famoso economista, il quale dopo lunghe frequentazioni dei leader politici si era convinto che :"Il mondo non potrebbe mai essere guidato dagli scettici.....inclini a sospendere il giudizio.... l'origine dell'azione va ricercata nell'ignoranza profonda e nella follia." Tutto sembra collimare con le mie tesi iniziali ed è perciò che oggi più che mai mi appare rivelatoria la storiella dei pesciolini.

  In un suo celebre esperimento, Erich von Holst tolse ad un pesciolino della specie dei Cabacelli la parte anteriore del cervello, dove sono situate tutte le funzioni di gruppo. Konrad Lorenz ci racconta l'accaduto. "Il cabacello senza cervello anteriore, vede, mangia e nuota come uno normale, l'unico particolare aberrante nel comportamento è che non gliene importa niente se esce dal branco e nessuno dei compagni lo segue. Gli manca quindi l'esitante riguardo del pesce normale che, anche se desidera nuotare con tutta l'intensità in una determinata direzione, già dopo i primi movimenti si volta verso i compagni e si lascia influenzare dal fatto che alcuni lo seguano e quanti. Di tutto questo al compagno senza il cervello anteriore non gliene importa assolutamente niente; quando vedeva qualcosa da mangiare o se per qualsiasi altra ragione voleva andare da qualche parte, nuotava via con decisione, ed ecco, l'intero branco lo seguiva. L'animale senza testa era diventato appunto, per via del suo difetto, il capo indiscutibile." (17).

  Se leggiamo l'esperimento come una metafora letteraria ne deduciamo che come già più volte abbiamo sostenuto la stupidità e la follia sono in massima parte presenti nei potenti, e dunque ne risulta che chi comanda praticamente risulta essere senza una parte di cervello, il guaio però è che nelle comunità umane anche chi obbedisce e segue l'autorità non sembra averne molto di più.

  La sicurezza del potere, come ci ricorda Leonardo Sciascia, si fonda sull'insicurezza dei cittadini, e così la loro ignoranza frammista alla loro codardaggine fa si che gli individui che hanno meno scrupoli, più malvagità e meno senso morale, praticamente i più egoisti e intraprendenti conducano i loro simili verso il baratro dell'infelicità.

  L'istinto di morte che pervade la nostra specie, come aveva rilevato giustamente Freud (18) , è anch'esso associabile al dilagare della sofferenza, del masochismo e dell'imbecillità, infatti chi più ha paura di morire più cerca di soppravvivere e tale spinta all'autoconservazione non fa altro che riaffermare sempre di più la valenza mortale della specie umana. Eros contro thanatos dunque. Questa tesi è condivisa tra gli altri da Norman Brown (19), e da un altro grande antagonista del potere, vale a dire Elias Canetti che nella sua opera Massa e Potere (20) sostiene che il potere significando appunto autoconservazione sia necessariamente stupido e violento, poichè non esiste istinto di conservazione che non abbia una tendenza aggressiva. D'accordo con Canetti sembra essere anche Arno Gruen che in un suo saggio afferma: "Chi si è votato al potere non avvicinerà mai i suoi simili su un piede di parità quantunque a voce dichiari il contrario: per costui, i rapporti con gli altri sono definiti soltanto in termini di potere o di debolezza, ed egli stesso deve accumulare potere il più possibile per diventare invulnerabile e dimostrarsi tale." (21).

  Dunque il potere significa contemporaneamente autorità e violenza, vale a dire ancora una volta follia e stupidità. Questa tesi viene ulteriormente ribadita da Barbara Tuchman che nel suo libro sulla guerra intitolato La marcia della follia scrive: " La follia è figlia del potere (vi ricordo che per Erasmo la follia era figlia del denaro). Noi tutti sappiamo che il potere corrompe. Siamo meno coscienti del fatto che esso genera follia; che il potere di decidere spesso provoca la latitanza della riflessione (22).

Leggi tutto il saggio originale con le relative note .........  Carl William Brown


4000 AFORISMI DI CARL WILLIAM BROWN ONLINE

 

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Diamante_rosso7253.gif (991 byte)  Home Page   Diamante_rosso7253.gif (991 byte)   Indice Opera   Diamante_rosso7253.gif (991 byte)  Fort Attack   Diamante_rosso7253.gif (591 byte)  Join On Facebook   Diamante_rosso7253.gif (591 byte)  Join On Twitter 

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

     Copyleft © 1997 - 2020  by  WWW.DAIMON.ORG  and  CARL WILLIAM BROWN

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

dcshobanmov.gif (14871 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)


colorarr.gif (690 byte) Daimon Club colorarr.gif (690 byte) Daimon People colorarr.gif (690 byte) Daimon Arts colorarr.gif (690 byte) Daimon News colorarr.gif (690 byte) Daimon Magik
colorarr.gif (690 byte) Daimon Guide colorarr.gif (690 byte) DaimonLibrary colorarr.gif (690 byte) Daimon Humor colorarr.gif (690 byte) Banners Exchange colorarr.gif (690 byte) C. W. Brown

website tracking

Daimonecobanner.gif (22169 byte)

bannershakes.gif (6920 byte)

trovalanima.jpg (8278 byte)

daimonologyban1.jpg (10828 byte)