Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

NOTIZIE DELLA PAGINA 10

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

91)  La Seconda Lingua 92)  La Nuova Alcatraz
93)  Business e Clandestini 94)   Disoccupati in Rivolta
95)  Shopping in Rete 96)  Gli Sportivi in Italia
97)  Il Libro Elettronico 98)  La Nuova Finanziaria
99)  Laurea per i Maestri 100)  La Guerra in Sudan

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

HH01520A.gif (1047 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Ricerca personalizzata

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

91) LA SECONDA LINGUA

In attesa che  la seconda lingua diventi obbligatoria in tutte le scuole, evento che dovrebbe verificarsi a partire dal '99, già dall'anno scolastico '98-99 sarà reso facoltativo nelle scuole medie il suo insegnamento. E' pur vero che in alcune scuole è già da alcuni anni possibile effettuare lo studio della seconda lingua, ma grazie a questo progetto il numero degli istituti in cui ciò sarà possibile dovrebbe aumentare notevolmente.  Sono stati stanziati per l'impresa 33 miliardi ed il programma sarà articolato su tre anni e secondo un orario flessibile che prevede circa 240 ore totali di insegnamento. I gruppi di studenti dovrebbero essere circa di 15 persone. L'insegnamento sarà basato sui nuovi metodi didattici, vale a dire non più grammaticale-traduttivo, ma più comunicativo e funzionale. Il numero dei corsi attivabili sarà di circa 5000 e gli alunni coinvolti saranno circa 83.000. Naturalmente non ci saranno nuove assunzioni per gli insegnanti, si impiegheranno quelli già esistenti o si assumeranno supplenti, che poi verranno regolarmente licenziati. Come avviene da diverso tempo infatti, i precari si assumono a scuole già iniziate e si licenziano alla fine dell'anno, così per i mesi estivi non costano e lo stato può risparmiare. E' il massimo della flessibilità, quasi peggio che nei lavori in nero dove regna il caporalato. Nel frattempo i promossi aumentano, in media sono il 2-3% in più rispetto agli altri anni, del resto ormai un diploma non si nega più a nessuno. Già per quello che serve. Ormai al giorno d'oggi infatti tanti muoiono di fame anche con la laurea. INDICE


92) LA NUOVA ALCATRAZ

Nessuna speranza di scappare per chi viene imprigionato nella famosa e oggi  rinnovata galera di Alcatraz, teatro di vecchie e nostalgiche evasioni cinematografiche. Ad essa si accede attraverso un tunnel scavato con la dinamite e chiamato familiarmente "il buco dell'inferno". I tetti sono a prova di bomba, le suppellettili sono di cemento, per i carcerati ci sono solo posate usa e getta di legno dolce. La nuova Alcatraz è un enorme blocco di cemento armato semisepolto nel suolo e rivestito di mattoni rossi, quelli della vergogna per intenderci. Questo è il nuovo simbolo della lotta alla criminalità, è il segno di una certa paura, è il trionfo della stupidità e della vanità del popolo americano e dei suoi governanti. Alcatraz the rock, lo scoglio dei gabbiani, in mezzo alla baia di San Francisco è una specie di rifugio antiatomico, e i detenuti possono parlare solo con le guardie o i loro avvocati, così in media passano 22 ore al giorno in completo isolamento. Dicono che in molti là impazziscono. I detenuti negli Usa nel 1980 erano 315.947, nel 1988 erano passati a 680.000 ed ora sono quasi 1milione e 200 mila. Raddoppiano ogni 9 anni, e così sono in progetto nuove Alcatraz, almeno sei dicono. Del resto il discorso è lungo e nel forum dedicherò un piccolo saggio un po' più avanti. Per il momento voglio solo dire che se qui devono essere rinchiusi i criminali più pericolosi per la società, allora di certo vi andrebbero rinchiusi tutti coloro che hanno contribuito ad ideare e a sostenere un'idea così malsana come quella di creare questo penitenziario.  INDICE


93) BUSINESS E CLANDESTINI

Ormai il business e gli interessi economici pervadono qualsiasi attività e qualsiasi anima, buona o cattiva che sia, e allora perché non dovrebbero essere anche parte integrante del traffico di clandestini? O delle nuove forme di schiavismo. Del resto la povertà può indurre ad azioni veramente tragiche e può far dimenticare qualsiasi morale. Ma dovrebbero essere comunque i paesi ricchi ad aiutare i dannati della terra, invece che sfruttarli, e allora visto che ciò non avviene, i poveri cercano di arrangiarsi e tentano una nuova invasione pacifica dell'Europa. In Italia per esempio sono arrivati in sei mesi solo a Pantelleria e a Lampedusa 3700 nuovi turisti e ogni giorno ne arrivano ancora. Sull'altro versante invece in media ogni notte attraversano l'adriatico 40 scafi, e a volte ci sono anche delle piccole imbarcazioni che possono trasportare anche alcune centinaia di nuovi cittadini. Il governo italiano cerca invano delle soluzioni con i paesi d'origine, Marocco, Tunisia, Albania, ma questi non sembrano molto disposti a collaborare, anzi, gettano legna sul fuoco. I centri di accoglienza intanto scoppiano e i poveretti cercano in ogni modo di sfuggire da queste nuove galere improvvisate. Ma non è sempre semplice. Le rivolte comunque ci sono e la polizia spara, in questi giorni ci sono stati tre morti, diversi feriti e una ventina di arresti; così proprio a Lampedusa si è deciso di chiudere il centro di accoglienza e di trasportare i clandestini in Sicilia. Qui rimarrà comunque un centro di smistamento solo un centro di prima accolgienza.  Intanto per sfuggire alla calura estiva, i vips ed i vari ricconi di turno si godono le proprie ville e le proprie vacanze, magari leggendo nel frattempo qualche misero libro di narrativa o peggio ancora di pseudo saggistica, per poi distrarsi con una puntatina al casino, ad una sfilata, ad una festa o nei migliori ristoranti seganalati dal Gambero Rosso. I giornalisti invece, sempre nel frattempo, quelli che per intenderci guadagnano anche 8 o 9 milioni al mese per continaure a raccontare fesserie e stupidaggini al popolo bue, se ne escono con sparate del tipo: "Un sogno oggi infranto che, se muove umana compassione, non può e non deve far dimenticare quelli, e sono la maggioranza, che nel rispetto delle leggi e delle regole stanno tra mille fatiche cercando di costruire per sé e le loro famiglie una vita degna di questo nome nel nostro paese." Non cito il nome perché mi fa schifo solo digitarlo sulla tastiera, comunque! Cosa dire, l'unica è dedicare a questo stupido sicofante del potere una frase del mio caro amico Tzara: "....Ogni uomo gridi: c'è un grande lavoro distruttivo, negativo da compiere. Spazzare, ripulire..." e dubitare di tutto, soprattutto oserei dire, dubitare della sanità mentale di tanti giornalisti, ma almeno non li pagassero! Ma li pagano apposta! INDICE


94) DISOCCUPATI IN RIVOLTA

A Napoli, come al solito, i disoccupati assaltano il Palazzo Reale, e qui già il nome andrebbe cambiato. Accade così che un folto gruppo di 200 persone scatena per l'intera giornata una pacata guerriglia urbana. Risultato, un ferito e due contusi. Origine della protesta, il rifiuto del Ministro del Lavoro di ricevere una delegazione di disoccupati, per fortuna che questo tipo dalla faccia di ... all'università insegnava sociologia! Ma la cosa veramente ridicola è che alla fine se ne esce con questi ammonimenti: "Si tratta di violenze reiterate e pericolose. Come illudersi che l'economia locale non ne soffra? Davanti ai disordini gli investitori fuggono." Ora a parte il fatto che gli investitori imprenditori amano l'intrigo, il caos, l'avventura, le sfide e via dicendo, ma cosa crede che gliene importi a gente disoccupata ormai da 20 anni dei nuovi investimenti, e tutti i soldi persi? Questa è gente che magari ha anche una famiglia numerosa e non prende lo stipendio, non prende magari due quattordicesime, due tredicesime, i soldi degli interessi, delle azioni, delle consulenze, degli stipendi, delle eredità, delle tangenti e chi più ne ha più ne metta.
E allora come si fa a non capire che questa è gente disperata, in tanti si sono persino uccisi perché non avevano un lavoro. Almeno l'Osservatore Romano li difende, chiedono solo pane e lavoro dice, ma intanto si fanno i conti. Il salario minimo per le famiglie povere dovrebbe arrivare a costare ben 20.000 miliardi e allora, allora per fortuna che abbiamo un governo di centro sinistra, che non dice nulla se la polizia carica i propri compagni perché protestano per un posto di lavoro. Nel frattempo comunque i veri nodi dell'occupazione vengono elusi e poi ora ci sono le ferie.  Ma che almeno questo ministro dalla faccia simmetrica, stia zitto! INDICE


95) SHOPPING IN RETE

In rete i negozi virtuali possono essere migliaia e migliaia e possono rimanere aperti 24 ore su 24. Certo rimane il problema della consegna della merce e degli eventuali disguidi che possono derivare se poi tale merce non si dimostra all'altezza delle aspettative. In America comunque è già boom degli acquisti virtuali, infatti con oltre 18 milioni di consumatori elettronici il coomercio on line ha raggiunto un fatturato di 18 miliardi di dollari. In Europa e in Italia il fenomeno è naturalmente meno vistoso. Del resto si pensi che giusto per quanto riguarda le carte di credito in Italia la loro diffusione è del 10 per cento, la media Ue è del 22%, ma in America si arriva al 68%. Inoltre in Italia solo un milione e seicentomila utenti hanno accesso alla rete, mentre la media europea arriva al 17% della popolazione, mentre quella Usa si attesta attorno al 35%. In ogni caso il futuro del commercio è in rete. In Italia infatti sono solo circa 400 le aziende che offrono prodotti attraverso internet, anche se il loro numero sarà destinato ad aumentare presto. per il momento sono le aziende che comprano di più, mentre i prodotti più venduti sono libri, cd rom e software. Col passar del tempo dunque i prezzi caleranno ulteriormente e la scelta sarà sempre maggiore. I negozi tradizionali è evidente che comunque non spariranno. Per termnare diamo alcuni dati: gli acquirenti in Italia sono 200 mila, mentre negli Usa arrivano a 16 milioni, gli utenti internet in Italia sono un milione e seicentomila, mentre in America sono 80 milioni, le aziende che vivono via internet in Italia sono 400, mentre al di là dell'oceano sono ben 414.000 e muovono un fatturato di 18 miliardi di dollari, destinato a diventare di ben 350 nel 2002. Nel frattempo allora non ci resta che aspettare. Buona navigazione! Si fa per dire!  INDICE


96) GLI SPORTIVI IN ITALIA

In Italia, come del resto in tutto il mondo, c'è una grande quantità di gente che pratica dell'attività fisica per puro diletto e per tenersi in forma, oltre che per scaricare le tensioni causate dallo stress della vita moderna. Non necessariamente tutti sono perciò agonisti o iscritti ad una delle 39 federazioni affiliate al Coni, l'ente sportivo di stato. Da un recente sondaggio emerge però che ben 14.745.000 irtaliani praticano attività fisica con un marcato indirizzo sportivo, ma di questi solo 1.673.000 sono gli atleti di livello assoluto, 3.350.000 i giovani e 2.935.000 i cosiddetti "amatori", vi sono dunque ben 6.787.000 praticanti che vivono lo sport a livello ludico e ricreativo. Ed è   proprio a tutti questi appassionati che consiglio di vedere i links nella nostra pagina sportiva del club, lì infatti troveranno tutti i siti che possono dare loro delle utili indicazioni. In effetti sono delle vere e proprie guide per curare il proprio fitness e la propria serenità.    INDICE


97) IL LIBRO ELETTRONICO

Cinquecento anni fa Gutemberg inventò la stampa e tutti sanno quale fu la stupefacente portata di questa rivoluzione. Ora però se ne annuncia un'altra, forse ancora più straordinaria. Il fisico Joe Jacobson del Mit di Boston, ricercatore del Media Lab, quello voluto da Negroponte per intenderci, ha dato il via ad una nuova rivoluzione, quella dell'inchiostro digitale, che porterà alla nascita dei libri e dei giornali elettronici, senza cioè avere più bisogno di stampare il tutto su carta. Già lavorano al progetto varie aziende e presto potremo sperimentarlo dal vivo, questo magico portento. Ciò è reso possibile attraverso questa tecnica: in ogni foglio trasparente vengono inseriti milioni di microscopiche particelle sferiche che sono nere da una parte e bianche dall'altra, ed anche una griglia di minuscoli fili elettrici. Quando viene inviata corrente elettrica da una parte o dall'altra, proprio come avviene quasi su uno schermo di una tw o di un computer, le particelle si girano da una parte o dall'altra, o magari si coloreranno anche più in là, e definiscono quindi la parte bianca del folgio e quella che invece risulta leggibile, vale a dire le nuove parole che si uniranno in un testo e via dicendo. Pesto usciranno dei libri di questo tipo ma saranno ancora tipo dei computer portatili, invece più in là avremo pproprio dei fogli elettronici sottilissimi e pieghevoli che grazie ad un collegamento al telefono, alla tw o al computer, cioè ad internet scaricheranno un libro o un giornale, e poi potremmo cancellare il tutto e scaricare di nuovo qualcos'altro. Lo stesso avverrà chiaramente con cartelloni pubblicitari o insegne varie. Allora appuntamento tra un paio di anni per questa strabiliante novità, a cui stanno lavorando alacremente, oltre al Mit, diverse aziende con le sponsorizzazioni di grosse multinazionali. Prezzo stimato attorno ai 300 dollari.     INDICE


98) LA NUOVA FINANZIARIA

Come al solito con l'arrivo dell'autunno il governo si appresta a mettere a punto la nuova finanziaria, (per i posteri Legge di stabilità) vale a dire in questo caaso quella per il il 1999. Tali leggi sono sempre più o meno le stesse e a perderci sono sempre i soliti. Nuove tasse, tagli alla spesa, meno servizi, più proteste, il copione si ripete. Dunque dei 13.500 miliardi di manovra economica prevista per il prossimo anno, ben 9.500 dovranno essere di tagli alla spesa, per il resto si pensa, come al solito, ad un maxi-condono contributivo. Finita dunque la battaglia per entrare in Europa, ora inzia quella per far si che i tagli non riguardino i propri ministeri, e tra i membri del governo è già lotta aperta. Ma dove saranno effettuati i nuovi tagli, si pensa alle regioni, cioè alla sanità, ferrovie, e un po' ovunque, insomma!  In ogni caso poiché diminuiscono le entrate, con la scusa di salvaguardare l'ambiente intanto aumenterà anche la benzina  super, si pensa di almeno 26 lire al litro, è in pratica una tassa sulle emissioni di anidride carbonica, la già famosa carbon tax italiana. Ovviamente aumenteranno anche il gasolio da riscaldamento, l'olio combustibile, e via dicendo. E' chiaro che il tutto incidendo sui prezzi del trasporto andrà anche ad aumentare i costi dei singolli prodotti, per causare come al solito il malcontento della gente che però continua a pagare.  INDICE


99) LAUREA PER I MAESTRI

Dopo otto anni dall'approvazione della legge, finalmente partono i corsi di Laurea per i maestri, i posti saranno a numero chiuso e la nuova facoltà sfornerà specialisti in Scienze della Formazione Primaria. In effetti insegnare ai bambini è una cosa molto difficile e delicata ed è quindi giusto che gli anni di preparazione per i nuovi docenti siano stati aumentati. Oltre a materie di tipo teorico il nuovo corso di studi prevede anche molta attenzione all'aspetto pratico dell'apprendimento, e per questo sono previsti veri e propri laboratori didattici ed un tirocinio nelle scuole per un totale di 400 ore nei quattro anni di corso. Pertanto dal 2003, potranno entrare ad insegnare nelle scuole primarie soltanto docenti laureati. Del resto solo in Italia ciò non era ancora previsto.   INDICE


100) LA GUERRA IN SUDAN

Nel Sudan vinto dalla fame e dalla stupidità del mondo vi sono due milioni e seicentomila persone che stanno morendo di fame a causa di una carestia provocata dall'uomo, vale a dire dal conflitto tra guerriglia cristiana e governo musulmano che sta appunto distruggendo il sud del paese. Come al solito le religioni invece di diffondere la pace non fanno altro che stimolare le guerre e le distruzioni, ma in fondo non è proprio colpa di tali fanatiche credenze, ma della stupidità che le origina. A tutto ciò si unisce poi la tremenda lotta per il potere che da quando esiste il mondo è sempre stata la causa di ogni guerra e di ogni sciagura. In Sudan così ora dominano i signori della guerra che portano per ironia della sorte e in omaggio alla suprema divinità nomi di angeli e arcangeli. Per la stampa internazionale dopo il fallito attacco di Wau, Cherubino è così diventato il cattivo del sud del paese. Ma in realtà non è più cattivo di Paolino, Faustino e così via. Quello che Cherubino ha fatto nel Bahr el Ghazal, Paolino Mathip Nial lo ha fatto nel Nilo Occidentale. Ha messo a ferro e fuoco la città di Leer, perché a quanto pare contende la poltrona di governatore all'altro signore della guerra Riek Machar. E tutti questi galantuomini non sono più cattivi del grande capo dell'esercito di liberazione del Sud Sudan, vale a dire John Garang, che con gli aiuti prima dei russi e ora degli americani spadroneggia alla grande e cerca di far fuori chiunque insidi il suo primato e va da se che perciò non gliene frega proprio niente di governare il grande paese. Non si salvano poi i responsabili del governo islamico sudanese, che autorizza i voli umanitari delle Nazioni Unite, però li limita notevolmente e nel frattempo scatena i razziatori arabi contro i Dinka. L'agenzia dell'Onu allo stesso tempo non critica nessuno e cerca di fare del proprio meglio, cioè niente. Vi sono poi le associazioni umanitarie che colgono al volo l'occasione e con la scusa del Sudan cercano di fare un po' rifornimento di fondi con le donazioni aiutati in questo dalle reti televisive del mondo che non perdono l'occasione per suscitare la compassione ed i buoni sentimenti delle nazioni ricche, magari impegnate a costruire armi proprio per alimentare questo ed altri conflitti.     INDICE

 

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

CERCA IN TUTTO IL SITO DEL DAIMON CLUB


Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Spirale_blu.gif (150 byte)  Home Page Spirale_blu.gif (150 byte)   Global Forum Spirale_blu.gif (150 byte)   Daimon News

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

librarybann.gif (6877 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

     Copyleft © 1997 - 2020  by  WWW.DAIMON.ORG  and  CARL WILLIAM BROWN

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)


colorarr.gif (690 byte) Daimon Club colorarr.gif (690 byte) Daimon People colorarr.gif (690 byte) Daimon Arts colorarr.gif (690 byte) Daimon News colorarr.gif (690 byte) Daimon Magik
colorarr.gif (690 byte) Daimon Guide colorarr.gif (690 byte) DaimonLibrary colorarr.gif (690 byte) Daimon Humor colorarr.gif (690 byte) Daimon Bans colorarr.gif (690 byte) C. W. Brown

daimonologyban1.jpg (10828 byte)website tracking