PROVERBI E DETTI SICILIANI

librarybann.gif (6877 byte)
 

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

   redarrow.gif (449 byte)Proverbi Italiani    redarrow.gif (449 byte)Proverbi Latini     redarrow.gif (449 byte)Proverbi del Mondo
   redarrow.gif (449 byte)Proverbi Bresciani    redarrow.gif (449 byte)Proverbi Napoletani    redarrow.gif (449 byte)Massime Cinesi
   redarrow.gif (449 byte)Proverbi Milanesi    redarrow.gif (449 byte)Proverbi Veneti    redarrow.gif (449 byte)Proverbi Toscani
   redarrow.gif (449 byte)Proverbi Siciliani    redarrow.gif (449 byte)Proverbi Salentini    redarrow.gif (449 byte)Proverbi Liguri
   redarrow.gif (449 byte)Proverbi Romagnoli    redarrow.gif (449 byte)Filosofia Orientale     redarrow.gif (449 byte) Altri Proverbi

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Ricerca personalizzata

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Sommario   Indice Aforismi   Proverbi   Incontri   News   Umorismo

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

 

PROVERBI MODI DI DIRE E MASSIME DELLA SICILIA

 


newani.gif (2181 byte)  Per una ricerca veloce in tutta la Daimon Library  newani.gif (2181 byte)


Li megghiu parenti su 'li spaddi. - I migliori parenti sono le proprie spalle.

E' megghiu n'amucu chi un tintu parenti. - E' migliore un amico, che un parente cattivo.

Li parenti su' parenti e li stranii su' su sempri li stranii. - I parenti sono parenti, e gli estranei sono sempre estranei.

Cu' perdi un amicu, scinni un scalino. - Chi perde un amico, scende di un gradino.

Si vo' passari la vita cuntenti, statti luntanu di li parenti. - Se vuoi stare tranquillo, stai lontano dai parenti.

Li megghiu sciarri su' chi parenti. - Le migliori liti sono tra parenti.

Ccu amici e ccu parenti, 'un accattari e 'un vinniri nienti. - Con gli amici e con i parenti, non comprare e vendere niente.

Di lu nemicu, 'un pigghiari consigghiu. - Non ascoltare il consiglio di un tuo nemico.

Nun tiniri amicizia cu li sbirri. ca cci perdi lu vinu e li sicarri. - Non tenere amicizie con i gendarmi, perch perdi vino e sigari.

Cu lu vinnri e lu cumprari, nun c' amici n cumpari. - Con il vendere e il comprare, non ci sono amici e compari.

Amicu cu tutti e fidili cu nuddu. - Amico con tutti e fedele con nessuno.

Fa' beni e scordatillu, f mali e pensaci. - Fai del bene e dimenticalo, fai del male e pensaci.

Voi sapiri qual' lu megghiu jocu? F beni e parra pocu. - Vuoi sapere qual' il miglior gioco? Fai del bene e parla poco.

Accussi voli Diu, tu manci e io taliu. - Cos vuole Dio, Tu mangi e io guardo.

Saccu vacanti nun p stari a 'gritta. - Sacco vuoto non pu reggersi in piedi.

Lu sazio nun cridi a lu dijunu. - Il sazio non crede al digiuno.

Cu' arrobba pri manciari, nun fa piccatu. - Chi ruba per mangiare, non fa peccato.

Carni fa carni, pani fa panza, vinu fa danza. - Carne fa carne, pane fa pancia, vino fa danzare.

Mancia sanu e vivi malatu. - Mangia sano e vivi da malato.

Pignata taliata 'un vugghi mai. - Pignata guardata spesso, non bolle mai.

Cu' mancia crisci, cu nun mancia sparisci. - Chi mangia cresce, chi non mangia sparisce.

Rizzi, pateddi e granci, spenni assai e nenti manci. - Ricci, patelle e granchi, molto spendi e poco mangi.

Tri sunnu li boni muccuna, ficu, persichi e muluna. - Tre sono i buoni bocconi, fichi, pesche e meloni.

Pani e vinu rinforza lu schinu. - Pane e vino rinforzano la schiena.

Criscinu l'anni e criscinu i malanni. - Pi passano gli anni, pi aumentano i malanni.

Dissi ' u vermi a nuci: dammi tempu cca' ti spirtusu. - Disse il verme alla noce: dammi tempo che ti buco.

Cui di vecchi si 'nnamura, si nni chianci la svintura. - Chi si innammora di un uomo anziano, ne piange la sorte.

L'anni passano supra di nui. - Gli anni passano sopra di noi.

Nun ludari la jurnata si nun scura la sirata. - Non lodare la giornata se non arriva sera.

A surci vecchiu, nun si 'nzigna a tana. - Al topo vecchio, non si insegna la tana.

La matinata fa la jurnata. - Svegliarsi presto al mattino.

Cu' picciutteddu nun puvireddu. - Chi giovane non povero.

L'acidduzzu 'nta la gaggia, nun canta p'amuri, canta pri raggia. - L'uccello nella gabbia, non canta per amore, canta per rabbia.

Cu' pecura si fa, lupu su' mancia. - Chi pecora diventa, viene mangiato dal lupo.

Guai cu la pala e morti mai. - Guai a palate, ma mai la morte.

Cu' voli puisia venga 'n Sicilia. - Chi vuole poesie, venga in Sicilia.

Palermu omu dabbeni, cu va va e cu veni veni. - Palermo come una persona per bene, ci si pu fidare sempre.

C u' va a Palermu e nun va a Murriali, Si nni parti sceccu e torna maiali. - Chi visita Palermo e non Monreale, arriva asino e torna maiale.

Vol'essiri di Patti la pignata pri fari la minestra sapurita. - Deve essere di Patti la pentola, per fare la minestra saporita.

Si Marsala avissi lu portu Trapani fussi mortu. - Se a Marsala ci fosse il porto, Trapani sarebbe finita.

Pri mennuli muddisi a l'Aragona pri picciotti beddi a la Favara. - Ad Aragona per le mandorle spaccatelle, a Favara per le belle donne.

L'occhiu di la Siracusana, fa nesciri la serpi di la tana. - L'occhio della Siracusana, fa uscir la serpe dalla tana.

Chiaramunti, munti d'oru, ogni femmina vali un tesoru. - A Chiaromonte, monte d'oro, ogni donna vale un tesoro.

Si voi pruvari li peni di lu 'nfernu, lu 'vernu a Missina, e la stati a Palermu. - Se vuoi provare le pene dell'inferno passa l'inverno a Messina, e l'estate a Palermo.

Occhi chi aviti fattu chianciri,chianciti. - Occhi che avete fatto piangere, piangerete.

Pigghiala bedda e pigghiala pri nienti, ca di la bedda ti nn fai cuntento. - Prendila bella e prendila pure senza dote, perch della donna bella puoi compiacerti.

E' bona donna, donna chi nun parra. - Una buona moglie quella che parla poco.

Lu gilusu mori curnutu. - L'uomo geloso ha sempre le corna.

Donne e cavaddi, pigghiali di li vicini. - Donne e cavalli, prendili dai vicini.

Ama a cui t'ama, a cui nunt'ama, lassalu. - Ama chi ti ama, chi non t'ama lascialo.

Fimmina senza amuri fiore senza oduri. - Donna senza amore un fiore senza profumo.

Cu li fimmini mancu lu diavulu ci potti. - Con le donne non pot nemmeno il diavolo.

Cu' bedda voli appariri, tanti guai havi a patiri. - Chi bella vuole apparire, tante sofferenze deve subire.

Nuddu si pigghia si nun s'assumigghia. - Nessuno si sposa se non si rassomiglia.

Cu' asini caccia e fimmini cridi, faccia di paradisu nun ni vidi. - Chi asini insegue e donne crede, non vedr il paradiso.

Li difetti de la zita s'ammuccianu cu la doti. - I difetti della fidanzata si nascondono con la dote.

A lupu vecchiu, nun si 'nzigna la tana. - A lupo vecchio non si insegna la tana.

Vecchiu 'nnammuratu di tutti trizziatu. - Vecchio innamorato da tutti deriso.

Cui tempu aspetta, tempu perdi. - Chi tempo aspetta, tempo perde.

U megghiu beni lu menu mali. - Il miglior bene il minor male.

Li guai di la pignata li sapi la cucchiara. - I guai della pentola li conosce il mestolo.

Cu' s'ammuccia soccu fa, signu chi mali fa. - Chi nasconde quel che fa, vuol dire che male fa.

Megghiu muriri chi mali campari. - Meglio morire che vivere male.

Beni di furtuna, passanu comu la luna. - Beni di fortuna passano molto presto.

Cu' nesci, arrinesci. - Chi esce dal proprio paese, trova la fortuna.

Bono tempu e malu tempu, nun dura tuttu tempu. - Buon tempo e brutto tempo non durano sempre.

L'omu senza furtuna, va sempri a la peduna. - L'uomo senza fortuna, va sempre a piedi.

Contra a' furtuna nun vali sapiri. - Contro la fortuna non vale il sapere.

Diu a cu' voli beni, manna cruci e peni. - Dio manda dolori e pene, a chi vuole bene.

Cori forti consuma la cattiva sorti. - Chi coraggioso stanca la sfortuna.

Lu Signuri duna viscotta a c nun havi anghi. - Dio d biscotti agli sdentati.

A la casa di lu patruni ogni jornu festa. - In casa del padrone ogni giorno festa.

La bona mugghieri la prima ricchizza di la casa. - La buona moglie la prima ricchezza della casa.

Casa senza omu, casa senza nomu. - Casa senza uomo, casa senza nome.

Di cui sunnu li figghi, si l'annaca. - Ciascuno deve accudire ai propri figli.

Li picciriddi hannu a parrari, quannu piscia la gaddina. - I bambini debbono parlare quando la gallina piscia.

'Mbriachi e picciriddi, Dio l'aiuta. - Ubriachi e bambini, Dio li aiuta.

S ciarri di maritu e mugghieri, durano finu a lu lettu. - Liti tra marito e moglie finiscono sempre a letto.

Lu travagghiu d'autru nun si senti. - Il lavoro degli altri non si sente.

Dio ti scansi di lu malu vicinu, e di principianti di viulinu. - Dio ci liberi del cattivo vicino, e del suonatore di violino.

Cui dintra lu murtaro l'acqua pista, cu li stizzi si vagna e stancu resta. - Chi pesta l'acqua nel mortaio, con le gocce si bagna e stanco resta .

Cui libbiru p stari nun si stassi a 'ncantari. - Chi pu star libero, non vada a cercare catene.

Libbirtati e saluti cui ha, riccu e nun lu sa. - Chi ha salute e libert, ricco e non lo sa.

 

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

daimonew.jpg (8097 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

smallbot.gif (578 byte) Sommario     smallbot.gif (578 byte)  Indice Aforismi    smallbot.gif (578 byte)  Indice Proverbi   smallbot.gif (578 byte)  Scrivici!

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

     Copyleft 1997 - 2020  by  WWW.DAIMON.ORG  and  CARL WILLIAM BROWN

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)


colorarr.gif (690 byte) Daimon Club colorarr.gif (690 byte) Daimon People colorarr.gif (690 byte) Daimon Arts colorarr.gif (690 byte) Daimon News colorarr.gif (690 byte) Daimon Magik
colorarr.gif (690 byte) Daimon Guide colorarr.gif (690 byte) DaimonLibrary colorarr.gif (690 byte) Daimon Humor colorarr.gif (690 byte) Links Exchange colorarr.gif (690 byte) C. W. Brown

daimongreenbanner2.jpg (10917 byte)

dcshobanmov.gif (14871 byte)

daimonologyban1.jpg (10828 byte)

Visitus.gif (19125 byte)