ALTRE  POESIE  D'AUTORE

Sponsored Links and Publicity


 

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

EN00524A.gif (1009 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Ricerca personalizzata

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

librarybann.gif (6877 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)


IL SOGNO NON E' CONOSCENZA

Calda la luce si espande,
morbido è il prato ed è grande
la voglia di sole che prende
il cuore e lo rende bambino.
Non voci, non suoni
si ascoltano nel ramo che fende
l'aria sospesa e attende
un segno che il sole risplende
nel ricordo ed ora è vicino.
Con tenero, etereo diletto
sorride il folletto
del nostro pensiero perfetto.
Negli occhi malizia e innocenza:
il sogno non è conoscenza.

Giusi Vanella

Linea_sfumata1C4.gif (2795 byte)

AMORE SENZA TEMPO

Il tempo non ha valore:
minuti o secoli, che importa?
Il tuo viso è davanti ai miei occhi...
o viene da lontano, tanto lontano?
I tuoi occhi sono un vortice
che mi attira, mi attira...
Come una folgore
esplode il tuo sorriso,
la notte si illumina d'incanto.
Un bagliore improvviso
che subito si spegne.

Giusi Vanella

Linea_sfumata1C4.gif (2795 byte)

Il CLANDESTINO

Si leggeva la paura nei suoi occhi.
Come una gazzella nella savana,
era assalito dal suo destino.
Salì su un camion pieno
di carne macellata,
la carne viva,
da clandestino.
In mano a gente senza scrupoli
e scrupolose burocrazie, il viaggio.
Il suo destino lo precedeva,
effimero e incerto,
come una nuvola di passaggio.

Çlirim Muça

Linea_sfumata1C4.gif (2795 byte)

I NAUFRAGHI

Il volto bruciato dal sole hanno i naufraghi,
gli occhi incavati.
Vanno incontro al destino nella traversata.
Il loro "SOS" è un grido nel vuoto,
rivolto a un cielo spietato.
Fra una preghiera e l'altra
la falce della morte fa il suo lavoro.
Chi si salva si sente rinato
nella stessa valle di lacrime.

Çlirim Muça

Linea_sfumata1C4.gif (2795 byte)

DOLORE

Il mio cuore spaccato in due.
Nell'abisso della mia anima
rotolano i giorni.

Çlirim Muça

Linea_sfumata1C4.gif (2795 byte)

Il POEMA DEL POSSIBILE

1

Sono sceso da montagne
alte fino al cielo,
dove all'eco della mia voce
rispondono profondi dirupi,
dove gli squarci del terreno
sono attraversati da fituni
che saltano e corrono come cavalli schiumosi,
dove le nuvole bianche sulle cime
sembrano turbanti
che celano divine dimore.
Le ninfe e le dee nei boschi ancora si possono vedere,
là ove è possibile la magia dell'epos
e degli incontri celesti.

Pascola il pastore le sue pecore
vestito di grezza lana,
nello zaino poco di fonnaggio
e pane,
ma l'acqua che beve sorge pura
dal cuore della montagna.

Il pescatore che butta le sue reti
piene le alza dei pesci del mare.
Ma può capitare di prendere
una scarpa, un vestito o un uomo.

O pescatore, togli il tuo cappello
e dì una preghiera
per l'uomo che hai pescato, perché d'Itaca,
perché senza nome.

Davanti alla grandezza del mare
senza identità noi siamo,
corpi straziati e miseri,
con l'anima vagante nei flutti
prima di spiccare il volo nel cielo.

Se vedi un gabbiano alzarsi
dal mare aperto e sciogliersi con le nuvole,
gioisci, o vecchio marinaio,
perché un altro senza nome è tornato
al Padre suo padrone del mondo e del cielo
e del destino dell'uomo.

2

Ogni mattina io credo
nella democrazia del sole:
ugualmente ama il ricco e il povero.
Con spade di raggi sconfigge le tenebre
e la luce del mondo
mi bacia gli occhi.
Da oriente a occidente lui regna sovrano,
da nord a sud lui è amato.
Oh, la brezza mattutina che m'accarezza,
che dolcemente mi sussurra,
di nuovi paesi e altri mondi.

Ogni mattina io credo nella democrazia del sole:
ugualmente ama il contadino e il soldato.
Il contadino suda nei campi
che il soldato schiaccia con le ruote del suo carro.

Il contadino aspetta il grano maturare,
il caldo maledice il soldato
che annega nella noia.

O uomo che ti credi il sole del mondo,
la tua carne si imputridirà,
la tua anima è venduta al diavolo,
dal momento che decreti la morte.
Falsa somiglianza con il colore del sole
tu trovi nell'oro.

Oro e potere vuole l'uomo sulla Terra
e vive e muore con una moneta fra i denti.
Ma non serve più a Caronte quel soldo,
abbandonato ha il remo da duemila anni
e alle rive del Lete s'ammassano le anime,
in attesa di un passaggio per l'Ade.

3

Dalle mie montagne e dalle mie coste
come una nuvola ho preso il volo
a conoscere popoli e paesi,
ad assaporare la libertà.
Per venticinque anni ho conosciuto tirannia:
è come mangiare pane mischiato a cenere,
è come vedere il sole dietro bende nere.
"Evviva il Patito! Evviva il Presidente,
luce dei nostri occhi,
campione di verità".
La Patria sempre in pericolo,
ci dovevamo guardare
dal nemico,
ma più dai nostri stessi compagni. Piene le carceri
e i gulag della vergogna,
mentre il popolo gridava: "Evviva!".

Dov'eri o inondo d'ideali mentre noi pativamo?
Perché ci avevi dimenticato?
Così gridavo al vento, disperato,
davanti a un cielo terso, davanti a un burrone,
ma mi rispondeva l'eco delle mie domande
e ritornavo alla realtà della mia prigione.

4

Chiudo gli occhi e vedo il passato. Come sono volati gli anni!
Ombra di selvaggina sul campo mietuto,
scia d'un aereo che si dissolve
nei cieli della sera.

Gli stessi problemi ha il mondo,
le guerre vanno avanti comunque
e io devo lottare per non perdere
la libertà conquistata.

Quarant'anni suonati, quanto può vivere un uomo!
Non voglio passarne altri venticinque
Sotto un'altra dittatura.

Uomini piccoli, con cuore di pietra,
cercano di spaventarci,
dalla mattina alla sera,
bombardandoci da televisioni e giornali.
I kamikaze dell'informazione
ogni giorno buttano giù
le torri gemelle della nostra libertà.

Ma non ce ne accorgiamo,
troppo occupati come siamo
con il capo ufficio,
con la rata del mutuo e il fine mese,
con il traffico e l'incubo delle multe,
per non parlare di petrolio e autostrade.
E la sera la tv ci parla dell'andamento della Borsa,
perdita o guadagno che sia,
notizia che non interessa
a miliardi di persone;
come la moda e le lussuose sfilate,
le chiacchiere dei politici di professione,
che chiedono la libertà d'usare i mezzi
per poter sopprimere la nostra libertà.
E ogni scusa è buona per vederci
schiavi sotto il giogo
come non siamo mai stati.
Terroristi, madri assassine, immigrati,
mai una parola sui diritti sottratti,
mai una parola sui diritti calpestati.

"Comunista - ti additano.- tu stai col terrore!
Sei contro la democrazia e con i tiranni."
lo li ho combattuti, li ho conosciuti,
conosco il gioco dei loro inganni,
proprio me additano,
che la dittatura ho sofferto
per venticinque anni
e che per altrettanti rischio di subirla ancora.

5

L'avidità porta alla distruzione,
l'avidità è la malattia dell'uomo:
avere tutto e di più,
avere il petrolio ovunque si trovi;
bombardare case e canunelli per averlo,
affamare un popolo e far morire bambini.

Embargo, odiosa parola
che mi proietta nel medioevo:
sconfiggere il nemico,
con il terrore della pancia vuota.

C'è qualcuno che dica: "Signor Presidente,
l'embargo uccide prima i bambini,
più delle bombe, lentamente,
li spegne nelle braccia delle madri
come candele."?

Erode ne uccise dieci
e per duemila anni si è parlato di strage.
Gengis Khan costruì piramidi
con centomila teste
e il suo nome s'accompagna al terrore.

"Cinquecentomila bambini, signor Presidente,
e lei crede di salvarsi dal giudizio divino
e lei crede di scampare al giudizio della storia,
signor Presidente, "Gengis Khan"?

"Ne è valsa la pena" risponde il Segretario di Stato.

"Ne è valsa la pena."
Mentre il Presidente è muto come una sfinge.

6

L'intelligenza dell'uomo
è arrivata all'apice,
come i satelliti che ci sorvegliano,
come gli aerei che rompono il muro del suono.
L'intelligenza racchiusa
in una bomba nucleare,
in migliaia di bombe
in grado di distruggere
la vita e il inondo:
bombe intelligenti in mano ad uomini
che d'intelligenza ne hanno poca.

La morte è diventata digitale.
La morte viaggia in videogiochi,
dove bambini adulti si divertono a sparare,
mangiando patatine e bevendo pepsi-cola,
parlando dell'ultimo film porno
visto o da vedere in dvd,
passato dal provvisto collega.
Mentre lontano migliaia di chilometri,
in un deserto,
in un palazzo, in una casa,
bombe intelligenti sparpagliano
pezzi di corpi dilaniati,
stracci e povere cose di esistenze
mai esistite.
Mentre la morte digitale conta i morti,
conta i morti con la speranza
che la sabbia del tempo
copra le prove del crimine compiuto.

Intelligenza dell'uomo computerizzato,
che al posto del cuore ha un microchip.

7

lo, mi vergogno d'appartenere a questo mondo,
dove si muore di fame e di bombe,
dove rischia di morire in silenzio
chi difende il vero,
chi denuncia il potere.

Fame, tu non l'hai provata
neanche per scherzo signor Presidente.
Forse la proveresti
se te lo imponessero i tuoi consiglieri,
per farti sentire più vicino ai poveri,
per risalire nei sondaggi d'opinione.
Perché i presidenti amano essere graditi,
li aiuta a prendere le decisioni importanti.

La testa grossa, la pancia gonfia,
gli arti penzolanti,
i muscoli del collo
che non reggono la testa
e un mostro che ti mangia le budella.
Ma il tuo mondo ha bisogno di bombe
e non di pane per sfamare i poveri.
Alle tue orecchie sorde
non arrivano i loro lamenti,
né i pianti, né le invocazioni.
Alle tue orecchie arrivano le richieste
delle multinazionali,
delle corporazioni,
per sfruttare le risorse, accaparrarsi le ricchezze
di quei poveracci.

Io, mi vergogno di vivere nel mondo dove vivo,
in un mondo costruito secondo il vostro modello
di democrazia e divisione del potere,
e lo dico a voce alta, senza paura.
Questo è il tuo mondo e dei tuoi simili,
ma noi lo cambieremo.
Noi uomini e donne che crediamo
nella felicità di tutto il pianeta.

8

È questa la poesia
come un pugno nell'occhio?
La voce nuova dell'uomo senza voce,
con grida
come i crampi allo stomaco
del morto di fame?
Non c'è abbastanza rabbia nel mio sangue
o sangue che scorre nelle vene?
A che serve tacere quando da migliaia d'anni
in silenzio subiamo?

O uomo, stringi i pugni,
spezza le catene dell'oblio,
allontana il giogo della schiavitù
dal tuo collo piagato!
Libera i polsi e le caviglie!
È possibile la libertà
e la felicità è dell'uomo libero.

9

Ho conosciuto gente felice,
giornalisti e intellettuali
contenti di servire il potere costituito.
Dopo molte prove di fedeltà,
il potere li prende in simpatia
e per loro piovono contratti a molti zeri.
Ma io sono libero dai loro inganni,
semplicemente non leggendo i loro scritti,
non seguo le loro chiacchiere vuote.
Battaglia darò loro con la poesia,
mentre contaminano il mondo
con le loro false verità.

Voi intellettuali, doppiamente traditori,
perché conoscete l'inganno,
eppur lo diffondete.
Le vostre anime saranno dannate per sempre,
perché come cani sciolti
al servizio dei potenti.

Tu, intellettuale che scrivi
i discorsi del Premier,
cercando le battute con cura,
tu stai ingannando un popolo,
stai coprendo un bugiardo.
Questa era la ricerca del vero che sognavi?
Non ti vergogni un po' anche tu,
per quello che legge o dice
il pappagallo Premier?
Senza il tuo aiuto
il popolo s'accorge prima
che l'imperatore è nudo.

Oh, poesia, aiutami
a non cadere nei tranelli del potere.
Aiutami a tenere l'anima
pura come quella di un bambino!
Oh, poesia, solo tu mi puoi aiutare!

10

È notte e la città donne.
Si sente un tram,
forse l'ultimo.
Macchine passano ogni tanto.
La pioggia porta l'odore dei campi
ricordandomi del contadino che lavora la terra,
della contadina che munge le mucche,
del macchinista del tram o del treno,
sinche è mattino
anche di chi si sta alzando
per preparare il pane,
salutando per primo il giorno che nasce.
E vola il pensiero su tutta la Terra,
dove la notte
ha preso il posto del giorno,
dove i raggi del sole l'accarezzano dolcemente,
mentre gente di buona volontà lavora
e cerca di vivere onestamente.
E dico: un mondo migliore e possibile,
è possibile un mondo migliore.
È possibile...

Çlirim Muça

Linea_sfumata1C4.gif (2795 byte)

NAVIGANTI

Levate le vele
più forte commentano
le attese i venti,
e quanti di noi resistono
squarciano ricordi
come frutti di mare
tra le labbra, a bere
senza bisogno di fuoco
vividi segni di storie
mai troppo raccontate,
mai abbastanza capite.
Alla prua affidati gli occhi
al timone forse anche la rabbia
di non potersi fermare
ma siamo comandanti e mozzi
dello stesso orizzonte prigionieri
come in una lampada accesa
di che attese si tratta
lo scrive l'albero in cielo
come una vendetta
di che cosa parliamo
in questi silenzi salati
e scalzi
lo spiega la rotta
incoerente e tenace
volta alla stella più tonda
laggiù, verso sud, dove fa caldo e la pelle
odora d'amore.

Valentina Pascarelli

Linea_sfumata1C4.gif (2795 byte)

LA  ROSA

Presto, molto presto,
prima che sorga l'alba
costruiamo la rosa
che conservi il profumo denso
di questa notte
ancora sdraiata con noi
sul letto disfatto
addormentata con il suo seno
nudo appoggiato tra la tua spalla
e la mia.

Valentina Pascarelli

Linea_sfumata1C4.gif (2795 byte)

ALBA

Quanti corridoi di buio
per uno zampillo di luce
l'acuto grido
di libertà
incendia
Si tuffano nella pozza
di luce
grumi di cielo
è nato un mattino.

Valentina Pascarelli

Linea_sfumata1C4.gif (2795 byte)

PENSANDO  A  LEI

Mi avvolgo in un istante di malinconia,
II tuo viso, che scorgo tra la nebbia
Guida il cammino della mia mente
E illumina i sentieri del mio cuore.
Frammenti d'amore come coriandoli pazzi
Si divertono a confondere la mia anima.
Vengo richiamato verso orizzonti
In cui contano l'affetto e l'amore.
La tua immagine s'impadronisce di me
Ma la solitudine è la mia vera compagna
E quando le nebbie si diradano
Tu appari e io rinasco per te...

Sussurrano il tuo nome gli angeli
E l'aurora richiama il tuo volto.

Alex Rusconi

Linea_sfumata1C4.gif (2795 byte)

DIVAGAZIONI

Solitudine è una stanza vuota
Dopo che tutti se ne sono andati.
E' una lacrima che scende a cade ignorata
da nessuno che poi non c'è...
Un urlo che risuona nella notte...
proprio la notte in cui tutti dormono.
Un urlo inutile che spreca e spegne
l'ultima energia di un uomo, solo.
Rivoglio la mia voglia di solitudine
quando non sapevo cosa fosse essere soli.
Rivoglio la mia voglia d'amore
quando lo chiedevo senza sapere cosa fosse.
Rivoglio tutto ciò che ero
prima di essere abbandonato da me stesso.

Alex Rusconi

Linea_sfumata1C4.gif (2795 byte)

LEI SE N'E' ANDATA

Vedo una distesa di terra arida davanti a me
Non c'è più il verde che mi circondava un tempo.
Che fine hanno fatto i giorni passati insieme
a contare i fili d'erba
e a fantasticare sul nostro futuro?
Non c'è più nulla della poesia che c'era.
Una bolla di sapone è scoppiata... e niente più.
E ora passo i miei giorni a dimenticare
E mi sforzo di cacciare dalla mente i miei ricordi di te
il lucente scintillio del tuo sguardo
la suadente vivacità del tuo sorriso
la tua felicità che alimentava la mia.
E non riesco.
Non riesco perché non posso e non voglio.
Tutto ciò di cui ho da vivere è il mio ricordo di te
e non lo voglio buttare ma tenere.
Custodirlo per sempre nel mio cuore, gelosamente.

E quando sono solo, lo apro e piango.

Alex Rusconi

Linea_sfumata1C4.gif (2795 byte)

Pagina Precedente     Pagina Successiva

Linea_sfumata1C4.gif (2795 byte)

 

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Diamante_rosso320.gif (591 byte) POESIE  FAMOSE        Diamante_rosso320.gif (591 byte)  SOMMARIO    Diamante_rosso320.gif (591 byte)  HOME PAGE

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

     Copyleft © 1997 - 2020  by  WWW.DAIMON.ORG  and  CARL WILLIAM BROWN

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)


colorarr.gif (690 byte) Daimon Club colorarr.gif (690 byte) Daimon People colorarr.gif (690 byte) Daimon Arts colorarr.gif (690 byte) Daimon News colorarr.gif (690 byte) Daimon Magik
colorarr.gif (690 byte) Daimon Guide colorarr.gif (690 byte) DaimonLibrary colorarr.gif (690 byte) Daimon Humor colorarr.gif (690 byte) Links Exchange colorarr.gif (690 byte) C. W. Brown

daimonologyban1.jpg (10828 byte)website tracking