AFORISMI GENIALI

di William Shakespeare


Sponsored Links and Publicity


Aforismi_Geniali_di_William_Shakespeare


Sponsored Links and Publicity


Scelti e curati da Carl William Brown

Per l'Associazione Culturale Daimon Club www.daimon.org

La presentazione ufficiale del libro avverrà domenica 16 giugno alla Cascina Parco Gallo di Brescia

A breve uscirà la nuova edizione 2014

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)


241

Vado pazza della sua stessa assenza.

242

Il folle pensa seriamente di essere saggio, ma in realtà è il saggio che sa per certo di essere folle.

243

Ho una sorta d’alacrità nell’andare a fondo.

244

Sono stato pazzo così a lungo. Ma ora sono soltanto folle.

245

L’azione è più rara nella virtù che nella vendetta.

246

O, un bacio, lungo come il mio esilio, dolce come la mia vendetta!

247

Chi ha la barba è più che un giovane, e chi non ha barba è meno che un uomo.

248

La bellezza tenta i ladri più dell’oro.

249

Bello è brutto e brutto è bello.

250

Non si è ancor mai vista donna bella e stupida.

251

La bellezza da sola persuade gli occhi degli uomini senza aver bisogno d’avvocati.

252

Se ho fatto una sola cosa buona nella mia vita, me ne pento dal profondo del mio cuore.

253

La distribuzione della ricchezza dovrebbe eliminare gli eccessi affinché ogni uomo possa avere ciò di cui ha bisogno.

254

Tu sei sposato alla calamità.

255

Sii casta come il ghiaccio, pura come la neve, tu non sfuggirai alla calunnia.

256

La tua vecchia verginità è come una delle nostre vizze pere francesi: è brutta, è secca al gusto.

257

Non c’è nulla che sia buono o cattivo in se stesso, ma è il nostro pensiero che lo rende tale.

258

Narra con esattezza di me e della mia causa.

259

Ci sono occasioni e cause e perché e percome in tutte le cose.

260

Un cavallo! un cavallo! Il mio regno per un cavallo!

261

Nessuno ammira la celerità più dei negligenti.

262

L’arte resa muta dall’autorità.

263

Ti prego, aggrava la tua collera.

264

Ogni colpa sembra mostruosa finché non arriva un’altra colpa che le sia compagna.

265

La colpa è così piena d’ingenua gelosia che si versa da sola per timore d’essere versata.

266

Non siamo nati per supplicare, ma per comandare.

267

Non farmi sentire delle bugie: non s’addicono a nessuno, tranne a un commerciante.

268

Oh, le lusinghe della vita, che ci inducono a soffrire d’ora in ora le pene della morte piuttosto che morire subito.

269

Sappiamo ciò che siamo, ma non sappiamo ciò che potremmo essere.

270

Perché il coraggio insorge all’occasione.

271

Ciò che l’uomo osa, io oso.

272

Quando il valore toglie alla ragione, rode la spada con cui combatte.

273

Quando i ricchi furfanti hanno bisogno di quelli poveri, quelli poveri possono fare il prezzo che vogliono.

274

Ma io sono costante come la stella polare, che per il suo esser fedele, fissa e inamovibile non ha pari nel firmamento.

275

Addio, bella crudeltà.

276

Debbo essere crudele solo per esser giusto.

277

È un cattivo cuoco quello che non sa leccarsi le dita.

278

Ora sono, se uno deve dir la verità, poco meglio di uno dei dannati.

279

Quando i diavoli vogliono spingere ai più neri peccati, li rivestono dapprima di celesti apparenze.

280

I nostri intenti noi sovente infrangiamo. Sono essi come schiavi della memoria, forti sul nascere, ma assai caduchi; fin che i frutti sono acerbi si tengono sul ramo, poi maturi che siano, a un tratto, cadono tutti.

281

Chi non ha denaro, mezzi, né contentezza è senza tre cose buone.

282

Niente arriva a sproposito, se arriva insieme al denaro.

283

Un uomo può pescare con il verme che ha mangiato un re e mangiare il pesce che ha mangiato quel verme.

284

A volte gli uomini sono padroni del loro destino; la colpa, caro Bruto, non è delle nostre stelle, ma nostra, che noi siamo dei subalterni.

285

Sono le stelle, le stelle sopra di noi, che governano la nostra condizione.

286

Il principe delle tenebre è un gentiluomo.

287

L’oro apre tutte le porte, e può corrompere anche le guardacaccia di Diana, si da farle spingere i cervi a tiro dei cacciatori; l’oro salva il ladro e impicca l’onest’uomo; anzi a volte li impicca tutti e due.

288

Solo i difetti dei ricchi sembrano virtù.

289

Le cose dolci da gustare si dimostrano amare da digerire.

290

Noi siamo per gli dei quel che sono le mosche per un ragazzo capriccioso: ci uccidono per divertirsi.

291

Nulla di duraturo si costruisce sul sangue.

292

Il discernimento è la parte migliore del valore.

293

Si, devo scriverlo che uno può sorridere, sorridere, e essere una canaglia.

294

Gli uomini chiudono la porta in faccia a un sole calante.

295

Non tentare un uomo disperato.

296

Quando arrivano i dispiaceri, non arrivano come singole spie, ma in battaglioni.

297

Chi dorme non sente il mal di denti.

298

Beh, chiunque può sopportare un dolore tranne chi ce l’ha.

299

Puoi depormi dalle mie glorie e dal mio stato, ma non dai miei dolori: di quelli io sono ancora il re.

300

Gli ospiti non invitati spesso sono benvenuti solo quando partono.

N.B. Anno 2004. Carl William Brown ha deciso di mettere tutto il testo a disposizione dei lettori della rete e nel fare ciò preannuncia la stampa di una nuova edizione dell'operetta largamente ampliata e piena di stimolanti nuovi sorprese. Grazie a tutti per la collaborazione. Chi volesse pubblicare parte di questi scritti online o su carta è pregato di chiederne il consenso all'editore. E' assolutamente vietato l'uso commerciale.


Pagina Precedente    Pagina Successiva


ordinaban.gif (4418 byte)


Scarica l'intera opera letteraria di William Shakespeare (Solo in Inglese)


Per acquistare il testo! Per chi ne ordina una sola copia il presente libro è disponibile a 10 euro, (Prezzo di Copertina) spese di spedizione incluse, successivamente si applicheranno vari sconti a seconda del numero di copie ordinate. (Il pagamento avverrà in contrassegno o a seguito di un versamento sui nostri conti correnti.) La versione commerciale destinata ai librai e agli edicolanti con un prezzo di copertina di 10 euro è disponibile a 6 euro per un ordine fino a 10 copie e a 5 euro per un ordine superiore alle 10 copie. Da notare che sono poi possibili ulteriori accordi e che in questi casi noi emettiamo delle regolari fatture. Vi ricordo inoltre che per i soci del Daimon Club il testo è disponibile a 5 euro, mentre alle associazioni possiamo cedere lo stesso volume (Senza prezzo di copertina) ad una cifra anche inferiore, intorno ai 2-3 euro, purché ne vengano ordinati almeno una ventina di copie. A questo proposito vi invito a visitare la nostra sezione dedicata al no-profit. In ogni caso per qualsiasi informazione vi invito a scriverci al seguente indirizzo daimonclub@yahoo.com

N.B. Sul territorio il libro è disponibile fisicamente nei seguenti punti vendita.

P.S. Tutti gli altri estremi per contattarci, per effettuare eventuali pagamenti o per inviarci del materiale li trovate nella pagina dello statuto della nostra associazione. Per ulteriori dettagli sulle nostre strategie vi invito inoltre a visitare le nostre pagine dei servizi e delle promozioni, nonché la nostra pagina dei libri consigliati e infine il nostro Daimon Shop.


Sponsored Links and Publicity

 

votaci.gif (11517 byte)

Diamante_rosso7253.gif (991 byte)  Sommario    Diamante_rosso7253.gif (991 byte) Home page   Diamante_rosso7253.gif (991 byte) Book Spider  Diamante_rosso7253.gif (991 byte)  Scrivici!

Linea_sfumata1C4.gif (2795 byte)

     Copyleft © 1997 - 2020  by  WWW.DAIMON.ORG  and  CARL WILLIAM BROWN

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)


colorarr.gif (690 byte) Daimon Club colorarr.gif (690 byte) Daimon People colorarr.gif (690 byte) Daimon Arts colorarr.gif (690 byte) Daimon News colorarr.gif (690 byte) Daimon Magik
colorarr.gif (690 byte) Daimon Guide colorarr.gif (690 byte) DaimonLibrary colorarr.gif (690 byte) Daimon Humor colorarr.gif (690 byte) Links Exchange colorarr.gif (690 byte) C. W. Brown

 website tracking

Daimonecobanner.gif (22169 byte)

cwbaneng.gif (4182 byte)