FORUM ANTI COPYRIGHT SULLA CULTURA

 

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

HH01567A.gif (919 byte)

 

Sponsored Links and Publicity

 


MUSICA IN RETE: presentata al Governo la nostra petizione 09-02-2007

Abbiamo ricevuto 10310 adesioni

La nostra petizione, con le prime 10.000 firme raccolte, è stata consegnata al ministro dei Beni culturali Francesco Rutelli e al presidente della commissione Cultura della Camera Pietro Folena. Chiediamo la revisione della legge sul diritto d'autore, perché siano tutelati anche i diritti dei consumatori.
Favorevole è stato anche il parere del Presidente della Commissione Cultura della Camera Pietro Folena, che ci ha scritto chiedendo di incontrarci. La nostra iniziativa è partita dopo la sentenza della Cassazione n. 149/2007, che ha assolto due ragazzi che avevano scaricato e condiviso in rete file musicali, film e software coperti da copyright. Ma di questa notizia è stata data in rete e sulla stampa una lettura scorretta, poiché la sentenza si riferisce a un caso del 1999 e quindi si basa sulla legge in vigore allora.Oggi purtroppo, da quando è in vigore il famigerato Decreto Urbani, le cose stanno in maniera molto diversa:

attualmente il semplice downloader (chi si limita a scaricare dalla rete file protetti da diritto d'autore) rischia sanzioni esclusivamente amministrative. Ma, com'è noto, è alquanto improbabile, per come sono strutturati la maggior parte dei sistemi peer-to-peer che un downloader non sia nella pratica anche uploader (chi immette in Rete file);
il soggetto che, invece, senza una contropartita economica, condivide o comunque utilizza (anche solo come downloader) una piattaforma peer-to-peer (che prevede la messa in condivisione automatica di quanto scaricato), rischia già la sanzione penale, una multa da 51 a 2.065 euro;
chi, infine, condivide a fini di lucro rischia la reclusione da uno a quattro anni, nonché una multa anche oltre i 15.000 euro.
Attenzione dunque. Nonostante quanto riportato spesso in maniera inesatta dai media, la recente sentenza della Cassazione non cambia proprio nulla. Le sanzioni penali rimangono eccome, anche quando non c'è scopo di lucro. Quello che ci chiediamo è se ha senso considerare reato scaricare e condividere file coperti da copyright se non c'è scopo di lucro; reato previsto sì dalla legge, ma quasi mai perseguito dai Pubblici Ministeri, e di fatto non percepito come tale dalla maggior parte dei cittadini. Sia chiaro: Altroconsumo non è dalla parte di chi pretende che in Rete sia tutto scaricabile gratuitamente; riteniamo che gli autori debbano essere adeguatamente remunerati per il loro lavoro creativo, ma allo stesso tempo avversiamo la strumentalizzazione della proprietà intellettuale da parte delle major, arroccate su posizioni di rendita e su modelli tecnologici e di distribuzione obsoleti.

Per questi motivi, se vuoi anche tu:

l'abolizione delle sanzioni penali per chi, senza scopo di lucro, scarica e condivide in Rete contenuti protetti;
un mercato moderno, efficiente e concorrenziale dei contenuti digitali basato su una gestione dei diritti d'autore digitali che rispetti anche i diritti degli utenti;
il divieto della coesistenza di DRM (la gestione dei diritti d'autore digitali) e dell'Equo Compenso (il sovrapprezzo applicato ai supporti come compenso agli autori per il mancato guadagno sulle copie private); con questi sistemi il consumatore rischia di pagare più volte, oltre a non poter eseguire la copia privata e a essere limitato nella scelta della tecnologia e dei supporti informatici che preferisce.

www.altroconsumo.it/map/src/140553.htm  www.altroconsumo.it/map/src/140613.htm

PETIZIONE PERCHE' SIA MODIFICATA LA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE

Al Ministro dei Beni e Attività Culturali, Francesco Rutelli e al Presidente della Commissione Cultura alla Camera dei Deputati, Pietro Folena:

Nella tutela della proprietà intellettuale siamo oggi di fronte ad un sempre più evidente strappo al tessuto giuridico condiviso, imposto da interventi normativi eterodiretti approvati nella scorsa legislatura.

Ciò comporta un problema per la certezza del diritto. In casi come questo l'affermazione delle esigenze di tutela del cittadino-consumatore implica una difesa non solo dei suoi interessi economici, ma anche delle sue libertà e del suo ruolo attivo all'interno della società. In tali evenienze il consumerismo è chiamato a svolgere una funzione più alta, di concreta rivendicazione dei principi costituzionali di libertà, di uguaglianza e di democrazia, nonché di difesa dello Stato di diritto nell'interesse della collettività contro le pretese protezionistiche e gli interessi privilegiati di pochi soggetti.

Per questi motivi auspichiamo le seguenti modifiche alla legge vigente sul diritto d'autore:

1) I consumatori non vanno criminalizzati - nell'ottica di un più sereno bilanciamento tra gli interessi dei titolari dei diritti sulle opere e quelli dei consumatori, chiediamo l'eliminazione delle sanzioni penali per chi scarica e condivide in Rete contenuti protetti senza scopo di lucro e, chiariti i confini tra gli illeciti colpiti da sanzione amministrativa e quelli che prevedono la sanzione penale, ad esempio attraverso l'introduzione del concetto di "scala commerciale", dovrà anche essere eliminata la sanzione accessoria odiosa e smisurata per una semplice infrazione amministrativa, consistente nella pubblicazione del provvedimento su un giornale a diffusione nazionale e su un periodico specializzato.

2) DRM dal volto umano - chiediamo che sia inserita nella legge sul diritto d'autore una adeguata regolamentazione dei DRM volta a tutelare più efficacemente ed in concreto i diritti riconosciuti al consumatore alla copia privata, alla privacy e all'accesso ad un mercato libero e concorrenziale. Condizione di legittimità per l'utilizzo dei DRM dovrà essere la loro piena interoperabilità. L'esistenza dei DRM nei supporti dovrà essere inoltre più chiara e trasparente e non dovrà mai concretizzarsi in una barriera tecnologica alla concorrenza;

3) O equo compenso o DRM - Appare del tutto evidente che la progressiva implementazione dei sistemi di DRM che rendono impossibile de facto per il consumatore medio effettuare una copia privata in presenza di protezioni tecnologiche risulta incompatibile con la tendenza a moltiplicare le ipotesi di compenso sui vari supporti e ad accrescerne spropositatamente l'importo. La coesistenza di DRM e dell'Equo Compenso va vietata, i due sistemi non possono coesistere perché in tal modo il consumatore rischia di pagare più volte oltre a non poter eseguire la copia privata e ad essere limitato sulla scelta della tecnologia e dei supporti informatici che più gli aggradano;

CON QUESTA PETIZIONE I FIRMATARI CHIEDONO L'APPROVAZIONE DELLE SUDDETTE MODIFICHE SOSTANZIALI ALLA LEGGE SUL DIRITTO D'AUTORE NELL'INTERESSE DEI DIRITTI DEI CONSUMATORI E PER FAVORIRE LO SVILUPPO DI UN MERCATO MODERNO, EFFICIENTE E CONCORRENZIALE DEI CONTENUTI DIGITALI

www.altroconsumo.it/map/src/140553.htm    www.altroconsumo.it/map/src/140613.htm   Indice Forum 


Against Intellectual Monopoly   Michele Boldrin and David K. Levine


PETIZIONE "NO COPYRIGHT SU FORMAZIONE, INSEGNAMENTO E CULTURA SENZA FINI DI LUCRO" SIAE E DIRITTI D'AUTORE

Alla luce delle recenti denunce dalla Siae a siti didattici e culturali non profit per l'utilizzo di immagini digitali di pittori protette dai diritti d'autore, con richiesta di ingenti somme pecuniarie, esprimiamo all'opinione pubblica le nostre preoccupazioni di educatori e formatori.
La Siae infatti, applicando "alla lettera" una legge le cui origini risalgono all'anteguerra (legge del 22/4/1941, n. 633 e successivamente adeguata con la legge 22 maggio 2004, n. 128) e non individuando alcuna differenza tra uso didattico-formativo-istituzionale e uso commerciale, pretende il pagamento di diritti d'autore su opere protette. In particolare essa sostiene che l'utilizzazione, anche parziale, di un'opera costituisce lesione del diritto morale dell'autore e che la riproduzione non autorizzata delle opere in questione lede gli esclusivi diritti patrimoniali che la legge riconosce agli stessi.
Ecco solo alcune delle innumerevoli conseguenze dirette che si verificano rispettando la norma:
1- qualsiasi sito scolastico o blog didattico che utilizza per puro scopo didattico file sonori, immagini protette, citazioni d'autore, rischia ingenti sanzioni e quindi la chiusura immediata
2- le rappresentazioni teatrali, i saggi di fine anno caratterizzati da sottofondi musicali alla presenza di pubblico o dei genitori sono insostenibili dal punto di vista economico
3- la realizzazione di cd rom didattici e la creazione di ipertesti sono estremamente costose
4- la libertà didattica e le specifiche competenze professionali degli insegnanti ne risultano condizionate
Questo comportamento limita fortemente la funzione formativa della Scuola e la libertà didattica degli insegnanti!
Chiediamo quindi al Ministero della Giustizia, al Ministero della Pubblica Istruzione, al Ministero dei Beni Culturali che la Scuola, nell'ambito della propria e specifica funzione educativa, formativa e didattica, sia esentata dal COPYRIGHT in situazioni non profit e che gli insegnanti vengano equiparati alle categorie che possono beneficiare gratuitamente di opere artistiche nel contesto professionale, senza fini di lucro. Chiediamo inoltre che le richieste vengano estese a produttori di cultura off /on line a livello gratuito e che operano nello spirito del Cooperative Learning, quali associazioni e community non profit.
La sottoscrizione è iniziata il 28 Gennaio 2007

Associazione Nazionale Insegnanti Tutor e-Learning email: anitel@anitel.it  - www.anitel.it

Attualmente il numero totale dei sottoscrittori è di 7500   Indice Forum 


FIRMA LA PETIZIONE >> http://www.anitel.it/petizione/

IN ENGLISH      IN GERMAN


ALTRI SITI CHE SOSTENGONO LA PETIZIONE ONLINE E IN CUI TROVARE MATERIALE INFORMATIVO

http://www.edscuola.it/ 
http://www.associazionedocenti.it/ 
http://vbscuola.it/ 
http://www.daimonclub.it/lib/internet.htm 
http://www.homolaicus.it 
http://www.antiarte.it/eugius/ 
http://www.beppegrillo.it/2005/05/ai_confini_dell.html 
http://beppegrillo.meetup.com/143/boards/view/viewthread?thread=2609741 
http://www.territorioscuola.com/ 
http://www.nonsoloscuola.org/ 
http://nicotri.blogautore.espresso.repubblica.it/?topic=04/11/16/5181603 
http://www.scuolidea.it/didattika/index.asp 
http://www.didaweb.net/firma3.php 
http://www.pcself.com/primopiano/flash/news_item.asp?NewsID=1442 
http://www.foruminsegnanti.it/modules.php?name=News&file=article&sid=712 
http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1872223 
http://www.graffinrete.it/tracciati/articolo.php?id_vol=385 
http://www.retescuole.net/contenuto?id=20070129010104 
http://www.docenti.org/News/file/petizione.htm 
http://www.scuolamatica.net/ 
http://www.maecla.it/ 
http://www.ziobudda.net/petizione_no_copyright_su_formazione_insegnamento_e_cultura 
http://www.alessandroronchi.net/2007/01/31/rinnoviamo-la-cultura/ 
http://www.altrascuola.it/article.php?sid=1262 
http://www.civiltalaica.it/web/ 
http://www.flcgil.it/
http://www.funzioniobiettivo.it/
http://www.listaetica.org/
http://www.tecnologieducative.it/  

http://www.listaetica.org/
http://www.partito-pirata.it/
http://www.culttime.it/  
Indice Forum 


LA MANNAIA DELLA SIAE DECAPITA L'INSEGNAMENTO GRATUITO TELEMATICO. Come? Rendendo molto dura la vita dei siti scolastico-culturali degli insegnanti animati da passione e buona volontà.

Che la scuola italiana da tempo stia scadendo è cosa nota. Insegnanti e professori sopperiscono spesso con la propria passione, ci mettono un impegno che va ben oltre il dovuto e ben oltre lo stipendiato. Alcune inchieste hanno dimostrato che molti insegnanti soffrono di depressione o esaurimento da superlavoro. E’ invece meno noto che molti di loro si danno da fare creando siti internet che mettono a disposizione gratuitamente per studenti e non una bella fetta di sapere in più, utile per la scuola ma non solo. L’offerta di questi siti di insegnanti pieni di buona volontà è la più varia, dall’impegno civico a quello politico culturale, dal campo della musica a quello delle arti visive, dagli argomenti di storia alle questioni giuridiche del ginepraio scolastico che spesso neppure il ministero della Pubblica istruzione riesce a chiarire bene.

Insomma, esiste un mondo scolastico parallelo, via web, di insegnanti telematici che se non possiamo definire “scalzi”, riprendendo una vecchia metafora, possiamo certo definire sottopagati e trascurati, anche perché è l’intera scuola pubblica che il mondo politico e governativo trascura da troppo tempo. Non ci si rende conto che fare della scuola la Cenerentola significa creare un orizzonte futuro carico di nuvoloni neri… La scuola è il cuore e il centro di gravità della formazione dei giovani, e i giovani sono il futuro. Se la scuola la si lascia fare ed essere la Cenerentola, i giovani raccoglieranno cenere, il futuro sarà gramo per tutti e il Paese rischia la deriva. Ora su questo mondo di insegnanti coraggiosi piovono multe salate appioppate dalla Siae, cioè dalla società che si occupa dei diritti di autore. Molto spesso infatti anche i siti scolastici e culturali mandati avanti da questi insegnanti vengono corredati con immagini e spesso anche con musiche scaricate da internet. Fino a ieri era tutto lecito e gratis. Ora una normativa europea semina disastri, pretende soldi anche arretrati, migliaia e a volte decine di migliaia di euro per ogni singolo sito “intercettato” dalla Siae. Il risultato è che molti di questi siti, forse la quasi totalità, dovranno chiudere, gli insegnanti dovranno rassegnarsi alle ripetizioni private…


La cosa incredibile è che nessuno sollevi almeno il problema che si cominci a tartassare sui diritti d’autore dall’entrata in vigore anche in Italia della normativa europea, mettendo una pietra sopra al passato. In questo caso una sanatoria per il pregresso sarebbe preziosa almeno quanto l’indulto e l’amnistia in altri campi. Ma è probabile che il mondo scolastico del web venga trattato con meno riguardo di quello riservato ai malavitosi più o meno piccoli.

Credo valga la pena far parlare uno dei più rappresentativi tra questi insegnanti, uno dei quattro che hanno dato vita a quello che ormai è un vero e proprio web scolastico nazionale. La parola dunque a Enrico Galavotti, 53 anni, professore di italiano, storia e geografia in una scuola media in provincia di Forlì-Cesena. conosciuto in rete col nickname Galarico, autore del sito homolaicus.com, molto quotato in Google per i suoi materiali didattici e culturali. Dopo un decennio di presenza attiva nel vasto mondo del web è caduto nelle maglie sempre più strette che la Siae sta stringendo intorno al mondo degli insegnanti telematici.
Pino Nicotri, giornalista dell’Espresso http://nicotri.blogautore.espresso.repubblica.it/?topic=04/11/16/5181603 Leggi l'intervista che segue a Enrico Galavotti e partecipa al forum contro la mannaia della Siae. 
Indice Forum 


L’ARTE E L’ARTE DI FAR SOLDI DELLA SIAE

Ha senso proteggere gli artisti penalizzando chi li valorizza?

Enrico Galavotti, meglio conosciuto in rete col nick di Galarico, uno dei fondatori del web scolastico nazionale, autore del sito homolaicus.com, molto quotato in Google, soprattutto per i suoi materiali didattici e culturali, è incappato, dopo un decennio di presenza attiva, nelle maglie sempre più strette che la Siae sta stringendo intorno al mondo degli insegnanti telematici.

Dunque, che è successo?

Niente, o quasi. Con mia grande sorpresa mi sono visto recapitare una raccomandata dall’ufficio Arti figurative della Siae che mi intima di pagare una cifra rilevante per l’uso di 74 dipinti di Kandinsky, Picasso, Klee e alcuni Futuristi, di cui non avevo chiesto la preventiva autorizzazione.

E perché non l’avevi chiesta?

Perché non sapevo di doverla chiedere, non avendo mai fatto nulla di commerciale coi miei ipertesti, né lo sapevano i miei colleghi, che hanno collaborato alla loro realizzazione. In dieci anni non mi ha mai chiesto nulla nessuno. E come io ho preso immagini da vari siti, così è probabile che altri le abbiano prese dal mio: il baratto ha caratterizzato la rete sin dai suoi esordi. Il massimo che si faceva era citare a vicenda i rispettivi siti.

Eppure esiste una precisa legge sul diritto d’autore.

Sì esiste, ho cominciato a leggerla adesso. In rete, sin dalla sua nascita, tra insegnanti s’è sempre detto che bastava citare la fonte (in questo caso i musei), e a volte non si faceva neppure quello, trovando la stessa immagine su decine e decine di altri siti.

Con questo cosa vuoi dire, che da una fase anarchica della rete si sta passando a una fase regolamentata?

Indubbiamente una sanzione del genere solo qualche anno fa sarebbe stata impensabile, e non tanto perché le leggi erano meno restrittive (sicuramente lo erano prima di quella Urbani), quanto perché la Siae non faceva nulla in rete: è da circa tre-quattro anni che s’aggira come leone ruggente in cerca di chi divorare, e purtroppo, grazie al mio posizionamento nei motori, ha trovato il pollo da spennare.

Cioè vuoi dire che la mazzata sarebbe dovuta arrivarti con una sorta di preavviso?

No, sarebbe troppo chiedere a una società come la Siae, di cui è ben noto il carattere vessatorio che esercita nel nostro paese. Non a caso è stata per anni commissariata. Certo è che passare improvvisamente dalla libera fruizione di materiali didattici al terrore di dover rendere conto a questo Moloch del copyright, non è piacevole. Per questo forse sarebbe stata necessaria maggiore informazione o che comunque il nostro Ministero [della P.I.] avesse svolto un’opera di maggiore tutela nei confronti dei propri insegnanti, che nella mia condizione saranno a centinaia.

Ti riferisci al fatto che la legge è troppo restrittiva nei confronti di chi fa cultura senza scopo di lucro?

Esattamente. La Siae, o meglio la legge Urbani, non fa differenza tra sito culturale e sito commerciale: per l’uso di immagini protette tutti devono pagare. La differenza sta solo negli importi, che però restano troppo alti per qualunque insegnante. È impensabile infatti che per fruire di 50 immagini io debba pagare 120 euro l’anno, quando per le stesse immagini, a te che sei giornalista, grazie al tuo diritto di cronaca, non costano nulla.

Veramente la Siae non t’impedisce di usare le stesse immagini senza pagarci i diritti sopra.

È vero, ma mi costringe o a metterle sotto chiave, in un’area riservata (il che non è il massimo per un sito culturale), o a usarle con dei link esterni, facendomi così rischiare di avere continuamente dei buchi neri quando il sito di riferimento sparisce dal web, o cambia nome, o quando il webmaster, semplicemente, colloca la propria immagine in un cartella diversa da quella originaria del proprio sito. L’altra soluzione è quella di usare porzioni di immagini, ma in un ipertesto artistico, di commento critico di un’opera, questa soluzione viene generalmente scartata a priori. E poi quelli della Siae, contraddicendo apertamente, in questo, la legge n. 633, con le sue successive modifiche, ritengono l’uso parziale dell’immagine un illecito ancora maggiore.

Strano però che la Siae sia così ossessiva con gli insegnanti, quando la Cassazione è così tollerante nei confronti di chi fa pirateria di film, musica e software in ambito privato, pur senza scopo di lucro.

È che per la Siae c’è una certa differenza tra quanto avviene in un’area privata e quanto invece avviene alla luce del sole. Un ipertesto didattico o culturale che utilizza pubblicamente immagini non autorizzate viola, ipso facto, la dignità morale dell’artista e i diritti patrimoniali degli eredi: nella raccomandata è scritto esattamente così, ed è stato questo che più mi ha sconcertato.

Questo automatismo mi pare un po’ strano, anche perché semmai un ipertesto culturale su un dipinto dovrebbe incrementarne il valore commerciale.

Infatti, io penso che se un erede vedesse i lavori che i docenti fanno nel mio sito, non noterebbe di sicuro una violazione ma semmai un’esaltazione dell’ingegno artistico e intellettuale di un autore. Invece devi pensare che per la Siae costituisce addirittura un’aggravante il fatto che su un dipinto si mettano cerchi, linee e quadrati per poterlo meglio spiegare. Mi hanno addirittura scritto che l’aver usato il volto di Picasso in un puzzle in java avrebbe potuto comportare una richiesta separata di risarcimento danni.

Insomma o paghi i diritti o non fai ipertesti di dominio pubblico su autori viventi o scomparsi da meno di 70 anni?

Purtroppo la Siae non pubblica l’elenco degli eredi ma solo quello degli artisti, e di questi artisti considera protette tutte le opere, tant’è che non hanno neppure voluto dirmi i nomi dei files “incriminati”. Quindi è lei a decidere le regole del gioco, e in queste regole la scuola è costretta a tenere lo sguardo rivolto verso il passato più lontano.

Fonte: Pino Nicotri, giornalista dell’Espresso http://nicotri.blogautore.espresso.repubblica.it/?topic=04/11/16/5181603 
 

IN DIFESA DELL'IMPEGNO DIDATTICO E CULTURALE DEI DOCENTI

Non solo un docente non danneggia la dignità morale di un artista ma in realtà la esalta, mettendo in luce il suo genio creativo, e di conseguenza non fa che incrementare il valore patrimoniale delle sue opere e quindi i diritti degli eredi.
Questo significa che la Siae obbligandomi a rimuovere interi ipertesti ha violato la diffusione della cultura artistica, ha sottratto all’umanità un patrimonio comune, ha offeso la dignità morale e professionale del sottoscritto facendolo passare per un truffatore, un falsario, un ladro peggiore di quegli studenti che scaricano in area privata film musica software e che solo per questo non vengono giudicati colpevoli dalla Cassazione.
Un docente ha meno diritti di un giornalista, il quale, beneficiando del diritto di cronaca, può utilizzare immagini protette senza pagare il diritto d’autore.
Enrico Galavotti   Indice Forum 


Sponsored Links and Publicity


A seguito di queste vicende è nata anche un'interrogazione parlamentare presentata dal senatore Bulgarelli dei Verdi che pubblichiamo qui di seguito.

Interrogazione a risposta scritta

Ai ministri della Giustizia, della Pubblica Istruzione, dei Beni e attività culturali

Premesso che:

l’ufficio Arti Figurative della Siae ha inoltrato varie denunce, con richiesta di ingenti somme pecuniarie, al sig. Enrico Galavotti, insegnante di Cesena, autore di ipertesti pubblicati su sito internet di didattica e cultura non profit di Cesena www.homolaicus.com, da lui realizzato e gestito attivamente da un decennio; Galavotti (meglio conosciuto in rete col nick di Galarico) è uno dei fondatori del web didattico nazionale, ed è stato denunciato per l'utilizzo di immagini digitali riproducenti 74 dipinti protetti dai diritti d'autore;
la decisione della Siae induce a forti preoccupazioni per l'aver introdotto un precedente che potrebbe avere forti ripercussioni negative sull'operato di tutti quegli insegnanti autori di siti internet e divulgatori di preziosi materiali didattici e culturali; la Siae, infatti, applicando in maniera distorta una legge le cui origini risalgono all'anteguerra (legge del 22/4/1941, n. 633 e successivamente adeguata con la cosiddetta “Legge Urbani” - legge 22 maggio 2004, n. 128) e non individuando alcuna differenza tra uso didattico-formativo-istituzionale e uso commerciale, pretende il pagamento di cifre rilevanti relative a diritti d'autore su opere protette realizzate da artisti viventi o scomparsi da meno di 70 anni; in particolare la Siae, applicando impropriamente solo ed esclusivamente l’art.3 della legge 633 del ’41, sostiene discrezionalmente che l'utilizzazione, anche parziale, di un'opera costituisca lesione del diritto morale dell'autore e che la riproduzione non autorizzata delle opere in questione leda gli esclusivi diritti patrimoniali che la legge riconosce a quest'ultimo; al tempo stesso la Siae trascura, però, l’applicazione dell’art. 70 della stessa legge del ’41, che prevede massima libertà per l’uso di immagini a scopo didattico non commerciale e di insegnamento senza
finalità di lucro, a patto di citare la fonte (cosa che è avvenuta regolarmente nel sito in questione); sono innumerevoli le conseguenze dirette che si potranno verificare interpretando in maniera distorta la norma:

• qualsiasi sito scolastico o blog didattico che utilizza per puro scopo didattico file sonori, immagini protette, citazioni d'autore, rischia ingenti sanzioni e quindi la chiusura immediata;
• le rappresentazioni teatrali, i saggi di fine anno caratterizzati da sottofondi musicali alla presenza di pubblico o dei genitori diverrebbero insostenibili dal punto di vista economico;
• la realizzazione di cd rom didattici e la creazione di ipertesti risulterebbe estremamente costosa;
• la libertà didattica e le specifiche competenze professionali degli insegnanti ne risulterebbero pesantemente condizionate;

il comportamento della Siae, in sostanza, appare limitare fortemente la funzione formativa della Scuola e la libertà didattica degli insegnanti; a tale proposito, si fa presente che la legislazione statunitense sul "fair use", permette di pubblicare materiali sotto copyright senza autorizzazione, purchè vi siano fini e intenti educativi; il principio del fair use, infatti, rende i lavori protetti dal diritto d'autore disponibili al pubblico come materiale grezzo senza la necessità di autorizzazione, a condizione che tale libero utilizzo soddisfi le finalità della legge sul diritto d'autore, che la Costituzione degli Stati Uniti d'America definisce come promozione "del progresso della scienza e delle arti utili"; la dottrina tenta in questo modo di equilibrare gli interessi dei titolari di diritti individuali con i benefici sociali o culturali che derivano dalla creazione e dalla distribuzione dei lavori derivanti;

si chiede di sapere:

se i ministri in indirizzo non ritengano opportuno ­ attraverso specifici provvedimenti legislativi ­ esentare gli insegnanti, nell'ambito della propria specifica funzione educativa, formativa e didattica, dall'osservanza del copyright, operando essi in un contesto palesemente senza fini di lucro e di alta utilità sociale;

se non ritengano opportuno introdurre anche in Italia, in materia di diritto d'autore, il principio del "fair use".

Roma, 05/02/07   
Sen. Mauro Bulgarelli  
Indice Forum


Seconda interrogazione parlamentare sul diritto d'autore, alla Camera questa volta, da parte della deputata Cardano Annamaria.

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA

AL MINISTRO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE
AL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITA’ CULTURALI
AL MINISTRO DELLE COMUNICAZIONI

Per sapere premesso che

- la creazione e l’uso in internet di siti didattici e culturali a libero accesso si sta diffondendo sempre più nelle scuole tra le comunità di docenti e di studenti;
- tali siti non sono di natura commerciale;
- da diverse segnalazioni ricevute (ad es. per il sito www.homolaicus.com) risulta che la SIAE richiede il pagamento dei diritti
d’autore per l’uso di alcune immagini utilizzate in ipertesti didattici sulla base della legge 22 aprile 1941, n. 633 modificata con legge 22 maggio 2004, n.128, non individuando essa alcuna differenza tra uso didattico-formativo-culturale-istituzionale e uso commerciale;
- l’art.70 della citata legge 633 prevede la possibilità di citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico se effettuati per uso di critica, di discussione e di insegnamento, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera e che, se effettuati a fini di insegnamento o ricerca scientifica, l’utilizzo deve avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali;
- citare vuol dire anche riprodurre immagini in modo incompleto o degradato (come ad esempio nel caso delle risoluzioni adottate negli ipertesti didattici sugli attuali p.c. con il formato JPEG), quindi la SIAE dovrebbe distinguere tra copie identiche dell’opera, non ammesse, e citazioni delle stessa, ammissibili per legge;
- secondo l’art 90 della suddetta legge la riproduzione è considerata abusiva quando la foto originale riporta nome del fotografo (o ditta), data, nome dell’autore dell’opera d’arte fotografata, ma non lo è se mancano tali indicazioni;
- la soluzione spesso proposta dalla SIAE ai docenti (mettere “sotto chiave”, in area riservata gli ipertesti didattici) non è utile, perché rende inefficace e spesso anche inefficiente l’utilizzo degli stessi siti; - esiste una petizione organizzata da Altroconsumo, associazione per la difesa dei consumatori (www.altroconsumo.it) per una modifica della legge sul diritto d’autore, basata sull’idea che la condivisione di opere multimediali, resa possibile da internet, sia un’occasione di crescita sia del singolo che della collettività;
- nella nostra legislazione è assente il concetto di “Fair Use” o “equo utilizzo” presente invece nella legislazione degli USA, che permette di pubblicare materiali sotto copyright senza autorizzazione, purché a certe condizioni ben definite (eccezioni ai diritti d’autore o diritti connessi), ogni Paese dovrebbe promuovere il diritto di accesso all’informazione come bene comune mondiale, anche alle fasce di utenza svantaggiate.

- se i Ministri interrogati non ritengano che il principio della libera fruizione dei materiali didattici sia un presupposto che garantisce
l’accesso democratico al sapere e che quindi vada salvaguardato in modo particolare;
- se non ritengano necessario, considerata la nuova situazione dovuta all’utilizzo di internet anche nel mondo della scuola, adoperarsi affinché venga modificata la normativa esistente in modo che siano ben differenziati i comportamenti da seguire nel caso di siti culturali e in quello dei siti commerciali, adottando per la scuola, nell’ambito della propria e specifica funzione educativa, formativa e didattica, i presupposti del “Fair Use”;
- se non ritengano necessario adoperarsi affinché venga fornita agli insegnanti un’adeguata informazione sugli aspetti giuridici della gestione dei siti internet;
- se non ritengano necessario, in attesa di modifiche legislative, invitare la SIAE ad una moratoria di almeno un anno per consentire ai docenti, e a quanti gestiscono siti culturali senza scopo di lucro, di controllare i loro patrimoni digitali rispetto all’elenco di artisti le cui opere sono oggetto di tutela.

On. Anna Maria Cardano

Roma, 8 febbraio 2007

La petizione di Altroconsumo cui fa riferimento si trova qui:

www.altroconsumo.it/map/src/140553.htm
www.altroconsumo.it/map/src/140613.htm   
 Indice Forum


MA IL COPYRIGHT PUO' TUTELARE ANCORA IL MERCATO?

Per la Corte di cassazione scaricare da internet files protetti da copyright non è reato se non c'è scopo di lucro. Benché si riferisca in realtà a fatti coperti dalla normativa precedente alla legge Urbani, questa sentenza è un'utile occasione per discutere di proprietà intellettuale (copyright e brevetti) in un'economia moderna. Sulla carta, la legge Urbani (che peraltro non verrà mai applicata) è tra le più severe d'Europa. Ma ha ancora senso la proprietà intellettuale? Lo dico come provocazione personale. So per esempio che il direttore del Sole-24 Ore, anche perché ha fatto l'editore, la pensa in maniera opposta. Ma parliamone... Partiamo dal caso più semplice, il copyright artistico, cioè la proibizione di copiare, rivendere o utilizzare in pubblico un cd o un dvd, che di fatto attribuisce al produttore un diritto di monopolio. L'argomento usuale della Siae e della sua controparte americana, la Riaa, è che questo monopolio permette agli autori di recuperare i costi fissi per produrre una canzone.
Continua u pagina 12In sua assenza, molte opere d'arte non verrebbero prodotte, e il mondo sarebbe più povero culturalmente. Ma questo è falso.
Lo sostengono Michele Boldrin e David Levine (due economisti della Washington University di St. Louis) in un bellissimo libro disponibile su internet, su cui gran parte di questo articolo è basato. Bach, Mozart e Beethoven scrissero la loro musica quando il copyright non esisteva e gli spartiti (i cd del XVIII secolo) venivano copiati liberamente. E certamente Picasso avrebbe dipinto Guernica anche senza royalties su ogni poster che riproduce il quadro.
Abolire il copyright non significa che un artista non possa vivere del proprio lavoro. Se un cd di Madonna potesse essere copiato e rivenduto liberamente, la prima copia costerebbe molto più del prezzo attuale, perché porta con sé il diritto di rivendere il contenuto a qualsiasi prezzo il mercato accetti. Le copie successive scenderebbero progressivamente di prezzo, esattamente come oggi molti spendono 10 euro per guardare un film il weekend dell'uscita mentre potrebbero vederlo a 3 euro dopo due mesi al cineforum.
I profitti degli autori sarebbero in ogni caso sufficienti per coprire i costi iniziali e offrire una remunerazione aggiuntiva; verrebbero però grandemente ridotte le enormi remunerazioni dei cantanti e attori di punta. Si dice spesso che questi guadagni sono determinati dal gradimento del pubblico, e quindi dal mercato. Vero, ma sta a noi decidere se vogliamo che il mercato sia monopolistico o concorrenziale. Per chi crede nel mercato, ma non riesce a riconciliarsi con l'idea che un'artista possa guadagnare milioni per cantare mentre si fa crocifiggere su una struttura di vetro pensando di fare chi sa quale operazione culturale, oppure per fare monologhi più o meno incoerenti alla televisione, la soluzione non è la censura (che non funziona mai), ma l'abolizione del copyright.
Né il mondo sarebbe culturalmente più povero senza copyright, anzi. Scomparirebbero le case discografiche, che oggi si accaparrano enormi rendite e di fatto consentono l'accesso a pochi artisti. Molti più di questi ultimi avrebbero quindi accesso al mercato, non essendovi più bisogno della Siae che, di fatto, tiene alti i prezzi e i costi proteggendo il monopolio di quei pochi che vengono distribuiti. Dobbiamo però temere che gli artisti esteri diserteranno il mercato italiano perché non protetto dal copyright? No, perché il prezzo che potranno ottenere è sempre maggiore di zero.
Lo stesso discorso vale per gli altri casi di copyright artistico, cioè per libri e film, e in genere per la proprietà intellettuale, inclusi quindi i brevetti scientifici. Quasi tutte le industrie nuove non avevano copyright nella fase iniziale e più innovativa. In decine di settori tra i più innovativi (moda, banche d'investimento, open source software) i costi fissi sono alti eppure non ci sono brevetti.
Si dice spesso che il brevetto consente la ricerca in farmaci con alti costi di sviluppo e domanda limitata, e quindi beneficia tutto il mondo. Ma i costi fissi sopportati dall'industria farmaceutica sono più limitati di quanto si creda, e la domanda è elastica. Fino al 1978 in Italia i brevetti farmaceutici erano proibiti, eppure la nostra industria farmaceutica era composta di decine di aziende con una reputazione mondiale di innovazione; sappiamo tutti cosa è successo negli ultimi 30 anni.
Questi sono argomenti delicati, che richiedono un dibattito serio e rigoroso. Per ora potremmo accontentarci di un passo più modesto ma significativo. Se il ministro Bersani cerca già idee per la prossima lenzuolata, eccone una: ministro, abolisca la Siae.
Roberto Perotti  Il Sole 24 Ore 7 febbraio '07 

http://www.micheleboldrin.com/research/innovation.html Il libro di M. Boldrin e D. Levine    Indice Forum


IN INTERNET LA STUPIDITA' PRETENDE I PROPRI DIRITTI D'AUTORE !!!!!!

Pretendere soldi sotto forma di pagamento per i diritti d'autore per l'utilizzo di fotografie di opere artistiche in siti didattici, culturali, scolastici, di privati e di associazioni no profit senza fini di lucro che operano nello spirito del "cooperative learning" non è morale, non è economico, non è intelligente, non è legale, ma è da stupidi e da ignoranti. Queste pagine internet infatti esaltano la creatività degli stessi autori, e di coloro che ne divulgano l'arte, e aiutano tutti i cittadini di buona volontà ad approfondire la propria conoscenza estetica e quindi etica del mondo in cui vivono, ed è inutile dire che questo processo oltre che ad essere didattico e pedagogico aiuta inevitabilmente ad incrementare la sensibilità degli esseri umani e quindi ne stimola il loro progresso e la loro evoluzione. In questa ottica la legislazione americana prevede il "fair use", istituto prettamente statunitense che sancisce la possibilità di utilizzare le immagini protette da copyright senza autorizzazione del proprietario, questo però, a determinate condizioni, ossia, per finalità di promozione "del progresso della scienza e delle arti utili".

Impedire o richiedere il pagamento di esose somme di denaro per l'utilizzo senza scopi di lucro di immagini di vari quadri da parte della Siae impone quindi la nascita di un ampio dibattito sulla moralità e la validità giuridica di un tale comportamento e sulla necessità di interpretare al meglio la legge sui diritti d'autore, che mina gravemente il diritto alla diffusione libera del sapere, della cultura, della conoscenza e che al tempo stesso mira a lasciare i cittadini nell'ignoranza più totale e si accanisce contro quei poveri intellettuali che con grande fatica ed impegno cercano di divulgare e di diffondere una certa sensibilità artistica, letteraria e sociale, ovvero che cercano in pratica di migliorare la sensibilità etica ed estetica di tutta l'umanità del nostro pianeta. Ma questo accade solo in Italia dove la stupidità e la rigidità del nostro sistema bloccano la creatività e la crescita dei siti culturali e quindi al tempo stesso inibiscono la promozione del nostro territorio, del nostro genio, delle nostre imprese e allontanano i navigatori stranieri e locali dalla nostra realtà, la qual cosa costituisce un gravissimo danno per tutto il paese. Questa situazione richiede dunque non solo l'intervento immediato di tutti gli intellettuali di buona volontà che abbiano un minimo a cuore le sorti culturali, sociali, economiche e scientifiche del nostro paese, ma anche di tutti quei naviganti che di questo passo diventeranno sempre più succubi di una cultura straniera, non sempre amicale nei nostri confronti, e che vedranno di pari passo impoverirsi a grandi falcate le loro già misere finanze.

Su internet ormai si può trovare di tutto e soprattutto immagini di opere d'arte, fotografie, filmati, musica, ipertesti didattici, articoli, corsi, e via dicendo, il web sta in pratica trasformando molti principi culturali e la filosofia di fondo che ne sta alla base è quella rivoluzionaria della condivisione e della libera comunicazione di idee, di sentimenti, di pensieri, di testi, di immagini, di critiche e di proposte. I links e gli ipertesti, la multimedialità e la diffusione gratuita di tutto il sapere online, sono i concetti basilari di questa enorme innovazione tecnologica e culturale. Siamo entrati nell'epoca della rete e delle reti di reti. Tutto il mondo del business, delle istituzioni e dell'educazione deve ormai puntare su internet. L'innovazione più importante di questa rivoluzione è che la premessa per lo sviluppo ed il successo della grande rete non è più l'individualismo e l'egoismo, come nel mondo reale in cui viviamo, ma la condivisione di interessi e bisogni. La messa in comune di conoscenze, competenze e capacità. Solo così infatti la nostra umanità può crescere e risolvere i problemi spinosi che la assillano.

Ma in Italia come al solito il "digital divide" aumenta implacabilmente rispetto all’Europa. Aumenta insieme agli stipendi, al potere, e alle risorse finanziarie dei manager di tantissime aziende pubbliche e private che ostacolano e limitano lo sviluppo del paese e la crescita armonica della nostra società. Negli Stati Uniti più del 50% delle famiglie ha la banda larga. La banda larga, non l’ADSL, in Italia invece ci sono zone dove non è coperto neppure il cellulare. Per non parlare poi dello stato della nostra ricerca, delle nostre scuole, di tanti nostri ospedali, delle nostre aziende, delle nostre città, sempre più caotiche e disorganizzate, della nostra burocrazia e della nostra giustizia, e in mezzo a tutta questa caotica imbecillità c'è anche chi si perde ancora a chiedere i diritti per qualche misera foto a bassa risoluzione di autori ormai morti da tempo. Inoltre il web significa libertà di espressione e se passa il concetto che gli unici a poter fare critica o cultura sono solo le "testate registrate" allora qualcuno mi spieghi cosa cavolo è stato inventato a fare il www, Berners Lee non poteva dedicarsi a qualcosa di più utile? Poteva trovare un vaccino contro l'AIDS, studiare un po' i tumori, pensare a qualcosa contro le PM10, contro il surriscaldamento del pianeta o le catastrofi ambientali che ci travolgeranno.
Certo le cose non sono semplici, infatti in questo settore la concorrenza è spietata e tutti cercano di garantirsi il più alto numero di utenti, causando così in parecchi casi la soppressione di molte realtà. E così operando la Siae sta causando la morte dei nostri siti scolastici, culturali, didattici, artistici e divulgativi.

Ma una cosa deve essere chiara, ormai è finita l'epoca in cui le grosse aziende riuscivano a controllare l'accesso alle informazioni, e oggigiorno sono proprio i consumatori, le loro associazioni e le grandi organizzazioni no-profit, non governative e anti-globalizzazione la migliore risorsa di informazione per il nostro mondo in fase di grande mutamento. Pensate che più di 23.000 scienziati nel mondo si sono impegnati a boicottare le riviste che non renderanno i propri articoli accessibili gratuitamente su internet entro sei mesi dalla pubblicazione. In pratica una vera e propria rivoluzione. Tutto il sapere deve essere messo in rete e deve essere fruibile da parte di tutti; solo così potremo migliorare la nostra umanità e diffondere il pluralismo e la vera ricerca globale. Questo ovviamente contrasta con gli interessi dei grossi editori che da soli riescono a controllare la pubblicazione di migliaia di riviste, si pensi per esempio al colosso anglo-olandese Reed Elsevier che gestisce con pochi altri un giro di affari di 10 miliardi di dollari all'anno. E' evidente che queste situazioni di monopolio devono alla lunga essere ridimensionate. Perciò se anche voi credete che in questo mondo tutti debbano aver voce in capitolo, unitevi a noi, e combattete con noi questa battaglia per la libertà di espressione creativa e per la crescita del nostro web didattico, artistico e culturale, infatti l'unione fa la forza e solo in questo modo le vostre idee, le vostre iniziative e le vostre aspirazioni potranno crescere e contribuire al miglioramento e alla piena realizzazione di tutta l'umanità.

Negli Stati Uniti già dalla fine dell'anno 2003 si stava costruendo una rete di connessioni tra tutte le università e i laboratori del paese, questa Internet Speciale chiamata e-science sarà in grado di collegare tutti i ricercatori mediante fibre ottiche alla velocità di 10 mega bits al secondo. Grazie a questo progetto, che si spera verrà poi allargato anche ad altre realtà, sarà possibile trasferire e condividere enormi quantità di dati e di ricerche, compreso la mappatura del genoma umano e sarà inoltre possibile lavorare con grande velocità e nello stesso tempo su modelli tridimensionali delle varie proteine. Purtroppo invece dobbiamo allo stesso tempo constatare che nel nostro paese oltre a non favorire lo sviluppo della ricerca, delle tecnologie e a non incentivare economicamente gli scienziati, si fa di tutto per bloccare e limitare anche la buona volontà degli insegnanti che fanno cultura in rete e che cercano di unire le due culture, umanistica e scientifica, al fine di aumentare la creatività di tutti. E così mentre gli altri paesi avanzano, da noi c'è un marciume stagnante che impedisce qualsiasi progresso e questo è dovuto anche alle nostre stupide e ataviche leggi e a chi le prende a pretesto per fare due soldi alle spalle del buon senso, della logica, della creatività e del progresso scientifico e culturale. Quindi senza far riferimento ai pietosi dati delle statistiche sull'utilizzo di Internet e della banda larga in Italia, dobbiamo rilevare che procedendo in questa direzione il nostro paese risulterà sempre più abitato da un popolo tecnologicamente, scientificamente, culturalmente e artisticamente analfabeta, stupido, violento, incolto, ignorante, insensibile, cafone, infelice, chiuso, introverso, e che alla fine non riuscirà più a rimanere al passo dei paesi più liberi e più civilizzati e sarà quindi sempre più costretto a vivere in un paese squallido, triste, cupo, misero, ingiusto, ridicolo ed ignobile.

Carl William Brown    Indice Forum


CONSIDERAZIONI SUL DIRITTO D'AUTORE PER LE IMMAGINI IN INTERNET

Senza una cultura libera non si ha sviluppo del sapere.  Lessig

Legge 22 aprile 1941 n. 633

Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio

(G.U. n.166 del 16 luglio 1941)

(Testo coordinato con le modifiche introdotte dalla legge 22 maggio 2004, n. 128)

Fonte http://www.interlex.it/Testi/l41_633.htm#87

CAPO V - Diritti relativi alle fotografie

Art. 87

Sono considerate fotografie ai fini dell'applicazione delle disposizioni di questo capo le immagini di persone o di aspetti, elementi o fatti della vita naturale e sociale, ottenute col processo fotografico o con processo analogo, comprese le riproduzioni di opere

Dell'arte figurativa e i fotogrammi delle pellicole cinematografiche.

Non sono comprese le fotografie di scritti, documenti, carte di affari, oggetti materiali, disegni tecnici e prodotti simili.


Da ciò io capisco che le fotografie di dipinti di autori vari prelevate da Internet sono a tutti gli effetti delle semplici fotografie e quindi non sono copie dell'opera stessa, come si evince dal testo sotto riportato.

Da aggiungere inoltre che una fotografia di un dipinto NON E’ una COPIA dell’ opera. Anche se l’ articolo 13 della LDA riporta la fotografia fra i modi di produrre “copie”, questo non significa che qualunque modo sia adeguato a produrre una copia di qualunque opera, ma semplicemente che per alcune opere dell’ ingegno (film, composizione fotografiche, testi, spartiti) la fotografia è un mezzo adeguato per produrre una copia abbastanza fedele all’originale da permetterne la stessa fruibilità. Per un dipinto, “copia” può essere soltanto un’ imitazione, più o meno fedele, eseguita da un altro pittore con tecniche simili: “disegno, pittura o scultura che riproduce più o meno fedelmente un originale, talvolta a scopo di contraffazione, o a scopo di esercitazione o di diffusione” (DeMauro).

La foto di un dipinto è semplicemente una fotografia, e viene quindi regolamentata dagli art. 87 – 92 LDA. A conferma di questo, l’ art. 87: sono considerate fotografie ai fini dell'applicazione delle disposizioni di questo capo le immagini di persone o di aspetti, elementi o fatti della vita naturale e sociale, ottenute col processo fotografico o con processo analogo, comprese le riproduzioni di opere dell'arte figurativa e i fotogrammi delle pellicole cinematografiche. Non sono comprese le fotografie di scritti, documenti, carte di affari, oggetti materiali, disegni tecnici e prodotti simili.

E l’ art. 90: gli esemplari della fotografia devono portare le seguenti indicazioni: 1) il nome del fotografo, o, nel caso previsto nel primo capoverso dell'art. 88, della ditta da cui il fotografo dipende o del committente; 2) la data dell'anno di produzione della fotografia; 3) il nome dell'autore dell'opera d'arte fotografata. L’ art. 90 prosegue: qualora gli esemplari non portino le suddette indicazioni, la loro riproduzione non è considerata abusiva e non sono dovuti i compensi indicati agli articoli 91 e 98, a meno che il fotografo non provi la malafede del riproduttore.

Quanto sopra riportato a mio avviso vale a tutti gli effetti benché l'Art. 13 della Legge sul Diritto d'Autore del 22 Aprile 1941, nr. 633 affermi che: "Il diritto esclusivo di produrre ha per oggetto la moltiplicazione in copie diretta o indiretta, temporanea o permanente, in tutto o in parte dell'opera, in qualunque modo o forma, come la copiatura a mano, la stampa, la litografia, l'incisione, la fotografia, la fonografia, la cinematografia ed ogni altro procedimento di riproduzione". 

La produzione in Internet di ipertesti o pagine web conteneti fotografie a bassa risoluzione di dipinti di autori vari in siti di natura didattica, culturale, divulgativa, a scopo formativo e pedagogico, senza alcun fine di lucro né tanto meno commerciale da parte di docenti, siti amatoriali, scuole o associazioni no-profit non viola la dignità morale degli artisti e i diritti patrimoniali degli eredi, e quindi non va contro l'articolo 20 della stessa legge, in quanto in realtà, esalta la creatività degli uni e, indirettamente quindi, le risorse degli altri. Questa attività contribuisce invece a diffondere una certa sensibilità etica ed estetica e a migliorare le potenzialità creative della nostra umanità.

In subordine, ammesso e non concesso che una fotografia possa essere considerata una copia di un dipinto: un’ immagine digitale Jpeg < 640 x 480 pixel x 24 bit tratta dalla foto non può essere considerata riproduzione dell’ intera opera, ma solo di una piccola percentuale di parti di essa e può essere quindi utilizzata liberamente per uso di critica o di discussione (art. 70 LDA) che autorizza espressamente il diritto di citazione. “Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera, per scopi di critica, di discussione ed anche di insegnamento, sono liberi nei limiti giustificati da tali finalità e purché non costituiscano concorrenza alla utilizzazione economica dell'opera”. A sostegno della seconda tesi vi sono online diverse perizie tecniche di esperti informatici che convalidano quanto sto dicendo. 

L'articolo 70 della stessa legge aggiunge inoltre che: il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera per scopi di critica, di discussione ed anche di insegnamento, sono liberi nei limiti giustificati da tali finalità e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera. Si tratta infatti di riproduzione senza alcun profitto e, quindi, sarà l'autore a dover dimostrare che questo utilizzo dell'opera rappresenta per lui è un danno economico e che sono stati superati i limiti di tolleranza previsti dal citato articolo 70. Anche nel caso di alcune fotografie di dipinti di un autore riportate in una pagina web, se non vi sono finalità di lucro, e se questo non danneggia la reputazione dell'artista, a mio avviso si tratta di una mera citazione che non può che dare lustro e fare pubblicità all'artista stesso. Pertanto non si dovrebbero in teoria pagare dei diritti, in teoria, poi dipende dal paese in cui si vive. In Italia, per esempio dove le varie autorità cercano di mungere i cittadini in tutti i sensi, non si può mai stare tranquilli, e tutti ci marciano, legali compresi.  Carl William Brown   Indice Forum

COMMENTO

L'immagine digitale di un opera di Matisse per esempio ha pochissimo in comune con Matisse stesso. L'immagine digitale per sua natura è un "fac simile" (nella migliore delle ipotesi) ed è presumibilmente molto poco "simile" per via di ovvi limiti (numero di colori precisione e fedeltà del fac-simile stesso). Inoltre l'opera di matisse ha una caratteristica peculiare che consiste nella sua UNICITÀ essendo un dipinto a mano e quindi essenzialmente irriproducibile. Dedurre oggi che Matisse volesse o potesse volere limitare la diffusione di fac-simile digitali della sua opera tramite tecnologie che neppure poteva immaginare è quantomeno ridicolo, paradossale e forzato! La riproduzione digitale di un opera di Matisse non conserva praticamente nulla, se non eventualmente la più o meno approssimata riconoscibile similitudine con l'originale.
È cioè, nella più estensiva delle ipotesi, non un opera o la sua copia o un suo multiplo, ma un richiamo o un riferimento ad un immagine in qualche misura simile, ma con forma e sostanza completamente diversi! Si tratta (ne più e ne meno) di un LINK da un punto di vista logico ed effettivo! Per vedere l'opera di matisse occorre infatti andare fisicamente davanti ad essa! Vedere il suo fac simile significa semplicemente vedere una rappresentazione (dichiaratamente non originale) che la "ricorda" in qualche modo (in genere piuttosto approssimativo). Mentre questo è utile a spiegare un concetto o una sensazione che l'autore può avere voluto esprimere è palesemente molto ma molto diverso dal "fruire" dell'opera in se! Per questo motivo credo che assimilare un quadro o un opera unica ad un "marchio" (cosa diversa) o una rappresentazione cui sono associati diritti commerciali o simili sia improprio, immorale e poco o nulla rispettoso nei confrontti dell'artista che sicuramente aveva ben altri intenti, dato che ha prodotto un opera UNICA e IRRIPRODUCIBILE! 
Commento presente sul forum di Punto Informatico  Indice Forum

COMMENTO

Per Carl William Brown: se questo ragionamento fosse esatto, e cioè se la foto di un quadro fosse una semplice foto e non una riproduzione del quadro stesso, dovremmo ritenere che la legge tutela il supporto materiale dell’opera e non il suo contenuto. Non è così. Una foto di un quadro, se riproduce il quadro stesso, e non ad esempio, la gente in un museo che guarda il quadro, è di fatto una riproduzione del quadro effettuata con il mezzo della fotografia. L’art. 87 infatti non elimina il diritto dell’autore dell’opera figurativa a controllare le riproduzioni ma crea il diritto connesso del fotografo che riproduce fotograficamente l’opera.
Elvira Berlingieri  
 Indice Forum

COMMENTO

Se l’art. 87 non elimina il diritto dell’autore dell’opera figurativa a controllare le riproduzioni ma crea il diritto connesso del fotografo che riproduce fotograficamente l’opera, questo non toglie che una fotografia di un dipinto e' sempre e comunque una fotografia e quindi se e' effettuata con tutti i carismi del caso ed e' idonea alla stampa o ad altre riproduzioni di qualita' puo' essere considerata una copia dell'opera, e puo' essere tutelata dai diritti d'autore, se riporta il nome dell'autore o della ditta che l'ha eseguita, viceversa e' solo una riproduzione senza valore del quadro, che non puo' in alcun modo essere considerata lesiva dei diritti dell'autore stesso, tanto piu' e a maggior ragione se e' usata senza fini di lucro e per la divulgazione culturale. In ogni caso, e ribadisco il ragionamento, essendo una fotografia dell'opera deve comunque essere soggetta a tutti gli articoli sulle fotografie, infatti l'art. 87 cita testualmente: "sono considerate fotografie ai fini dell'applicazione delle disposizioni di questo capo le immagini di persone o di aspetti, elementi o fatti della vita naturale e sociale, ottenute col processo fotografico o con processo analogo, comprese le riproduzioni di opere dell'arte figurativa e i fotogrammi delle pellicole cinematografiche." e quindi in quanto fotografia deve assolutamente essere soggetta all'art. 90 che afferma: gli esemplari della fotografia devono portare le seguenti indicazioni: 1) il nome del fotografo, o, nel caso previsto nel primo capoverso dell'art. 88, della ditta da cui il fotografo dipende o del committente; 2) la data dell'anno di produzione della fotografia; 3) il nome dell'autore dell'opera d'arte fotografata.  L’ art. 90 prosegue: qualora gli esemplari non portino le suddette indicazioni, la loro riproduzione non è considerata abusiva e non sono dovuti i compensi indicati agli articoli 91 e 98, a meno che il fotografo non provi la malafede del riproduttore. Pertanto se non riporta il nome dell'autore o della ditta che l'ha eseguita, a mio avviso non puo' essere coperta da copyright. Questa e' la mia interpretazione e non sono il solo a pensarla così. Tanto più che le leggi, oltre ad essere fatte dai politici che notoriamente non sono il massimo del livello intellettuale di un paese, cambiano nel tempo, e sono dunque mutevoli, mentre la logica e il buon senso sono da sempre molto piu' stabili e sono alla base del nostro progresso culturale e scientifico, ovviamente anch'esso minato dalla stupidità di chi gestisce il potere, ovvero politici, amministratori, e burocrati del diritto in tutte le sue forme. Se poi gli avvocati o i tutori della legge vogliono aver ragione a tutti i costi, risponderò loro con le parole di William Shakespeare che affermava: "Uccidiamo tutti gli avvocati", tanto è vero che oggigiorno in molti si ricordano del grande drammaturgo e nessuno invece sa quali fossero i poveri azzeccagarbugli dell'epoca.  
Carl William Brown
   
Indice Forum


Against Intellectual Monopoly   Michele Boldrin and David K. Levine


LA SIAE E L'ARTE

Ecco cosa succede nel Belpaese, la terra dell’arte e degli artisti

Da quando è nel web (1997) è la prima volta che la Siae s’accorge dei suoi ipertesti culturali (in http://www.homolaicus.com/ ) e gli commina una sanzione di 4.700 euro per royalties non pagate ad artisti come Picasso, Kandinsky, Klee e alcuni futuristi o ai loro eredi. Sono bastate 74 images (per lo più pescate dalla stessa rete), usate “abusivamente” per quattro anni e mezzo, per essere tacciato di due vergognose violazioni: alla dignità morale dell’artista e ai diritti patrimoniali degli eredi. La legge europea parla chiaro: chi fruisce di immagini protette dal marchio Siae deve pagare, anche se non ne fa un uso commerciale (è sufficiente che dalla morte dell’artista non siano passati più di 70 anni).

Quindi, in pratica, pensando di favorire, coi propri ipertesti, la dignità morale dell’artista e, indirettamente, i diritti patrimoniali degli eredi, l'Autore di uno dei siti più colti e più ricchi di materiali didattici del Belpaese si trova oggi a essere considerato quasi alla stregua di un truffatore.

"La Siae vuol forse chiudere il web artistico nazionale? " si chiede ora attonito e senza parole, pensando che proprio l'Italia, terra d'arte e d'artisti, dovrebbe favorire al massimo la diffusione di questa forma espressiva.

Gentilmente, l'Autore ha voluto fornire links utili, approfondimenti e riferimenti legislativi in materia di diritti da mettere a disposizione del popolo del Web. La sua esperienza potrà essere così utile a tutti e far riflettere su quali sono oggi in realtà le 'libertà' nel Web italiano.

Ma ecco quello che è accaduto dalle sue stesse parole.

****************************

Dalla lunga chiacchierata col responsabile immagini del settore Internet della Siae, ho capito le seguenti cose.

Se un artista è protetto da loro, tutte le sue opere lo sono (gli avevo chiesto di sapere esattamente i nomi dei files protetti, ma non me li ha detti). Nel loro sito c’è un pdf scaricabile da qui www.siae.it/documents/zip/olafav_utilizzatori_ElencoArtistiTutelati.zip che indica i nomi di tutti gli artisti protetti.

Chi lo scarica noterà che sono talmente tanti che se la Siae si mette a lavorare seriamente (come da quattro anni sta facendo, m’ha detto), saranno tanti i siti a chiudere. Cioè per loro non ha alcun valore che il sito sia no-profit o che si citi la fonte.

Se si prova a prendere di un’immagine protetta un piccolo pezzo, il danno morale recato all’artista è maggiore ed è ancora di più se l’immagine viene messa nella home.

La Siae si muove autonomamente, di concerto con la polizia postale e le altre Siae estere: non è indispensabile che le giungano segnalazioni da parte degli autori o degli eredi.

Gli ho chiesto se l’unico riferimento legislativo per le immagini fosse la legge 22 aprile 1941 n. 633 www.siae.it/utilizzaopere.asp#doc : me l’ha confermato, aggiungendo che esistono ulteriori modifiche che però non mutano la sostanza della legge. Stando alla Siae la legge 633 e successive modifiche non fa differenza tra siti amatoriali e commerciali quando sono in causa cose protette dalla Siae. L’unica differenza è l’importo dovuto. (La legge non l’ho ancora letta, ma la trovate qui www.interlex.it/Testi/l41_633.htm . Aiutiamoci a decifrarla).

Comunque tutte le leggi sono qui: www.siae.it/bg.asp?click_level=1400.0300&link_page=bg_DA_Nazionale.htm&level=1400.0300 . Gli ho detto che nella home del mio sito ho messo la dicitura: “Questo sito è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons < http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/>. Se trovate che qualcosa violi le leggi vigenti in materia di diritti d'autore, comunicatecelo e provvederemo tempestivamente a rimuoverlo”. S’è messo a ridere. In effetti l’avevo presa dal blog di Grillo, e siccome lui è un comico, ho fatto 2+2.

Non è che la Siae metta sullo stesso piano un sito commerciale con uno didattico di un semplice webmaster (persone fisica): semplicemente se vuoi usare immagini di artisti dalla cui data di morte non siano passati 70 anni, devi pagare, secondo un preciso tariffario. Questo: www.siae.it/documents/zip/olaf_av_utilizzatori_tariffe.zip . Si può usare il tag iframe per testi e immagini di altri siti, con sorgente chiaramente e facilmente leggibile, senza incorrere in sanzioni.

È del tutto irrilevante mettere gli ipertesti zippati con immagini protette e non pagate.

Se l’ipertesto è messo in area riservata risulta non pubblico, quindi non si pagano diritti Siae.

Se si pagano i diritti Siae, gli eredi o gli artisti viventi non possono denunciarci ulteriormente per conto loro.

Gli adsense di google non trasformano automaticamente un sito da culturale a commerciale.

Che il server ospitante il nostro sito sia su suolo italiano o straniero (fosse anche un “paradiso fiscale”) è indifferente per la Siae.

Non si possono mettere su un’immagine dei segni a scopo didattico (triangoli, cerchi, linee) per spiegarne il significato, se prima non si è ottenuto il permesso dell’autore o dell’erede.

Non esiste un elenco pubblico degli eredi, ma solo degli autori protetti da Siae.

Se l’autore o l’erede ci autorizza a usare le proprie immagini gratuitamente, la Siae non ci chiede nulla, ma è sempre meglio informarla, perché non è detto che l’autore o l’erede lo faccia. E poi va comunque messa una dicitura che la stessa Siae possa leggere.

I diritti si pagano a prescindere dalla grandezza o risoluzione dell’immagine.

Non serve a nulla prendere un’immagine da Wikipedia e scriverci sotto la dicitura della loro licenza d’uso.

Se eliminate gli ipertesti prima che arrivi la raccomandata Siae, anche se i vostri contenuti sono stati indicizzati dai motori, non si pagano diritti.

Professor Enrico Galavotti  Indice Forum


Sponsored Links and Publicity


SENTENZA ANTI COPYRIGHT MOTIVI DELLA DECISIONE

Mohammed Tizio, colto in possesso di cd sprovvisti di contrassegno SIAE e abusivamente duplicati, è stato tratto a giudizio, chiamato a rispondere dei reati di cui alla rubrica.

In via preliminare il Giudice, dopo aver accertato che non risultano nelle carte del P. M. atti tendenti a dimostrare che il prevenuto straniero abbia altre forme di sostentamento oltre quella illecita rilevata, invitava le parti a svolgere i loro rilievi, considerando che ricorresse un caso di obbligo di immediata declaratoria di causa di non punibilità ex art. 129 c.p.p. per aver l'imputato agito in stato di necessità essendo mosso nella sua azione di venditore di cd contraffatti dalla necessità di salvare se stesso dal pericolo attuale di un danno grave alla salute e alla vita rappresentato dal bisogno alimentare non altrimenti soddisfatto.

Essendosi opposto il P. M. per la declaratoria de quo e avendo la difesa concordato, il Giudice si ritirava in Camera di Consiglio per la decisione, rilevando la sussistenza dell'esimente ex art. 54 c. p. sulla base delle seguenti considerazioni.

In via preliminare va notato che la vecchia giurisprudenza secondo cui l'onere della prova incombeva all'imputato risulta superata dal nuovo 111 della Cost. e dal giusto processo instaurando per il quale, nella paritaria posizione delle parti, è compito del giudice, in un rinnovato spirito del favor rei, valutare anche d'ufficio già a monte qualunque elemento possa escludere la responsabilità del prevenuto.

Nel merito valga quanto segue.

La consuetudine è una manifestazione della vita sociale che si concreta in un'attività costante ed uniforme dello Stato-comunità(Tesauro). Ad essa può essere attribuita funzione di mezzo d'interpretazione di principi e norme(consuetudine interpretativa) ma anche di fatto idonea a disapplicare la norma scritta(consuetudine abrogativa).

Il nostro ordinamento considera contra legem la consuetudine abrogativa perché contraria al dettato dell'art. 8 delle preleggi che comporta l'applicabilità della consuetudine(usi) solo se richiamata da leggi e regolamenti.

Nessuna norma, invece, vieta la consuetudine interpretativa che anzi il magistrato penale applica continuamente come nei processi indiziari ad esempio, quando tenda a trarre conclusioni da comportamenti umani logici e regolari individuati in un ambiente con un determinato background socioculturale.

Anche la legge penale va interpreta alla luce del mondo concreto in cui si sviluppa, con tensione dinamica e non statica ad evitare una discrasia tra il dover essere normativo e quello reale. "La dottrina - come leggiamo in Antolisei - è concorde nell'attribuire alla consuetudine la più grande importanza nell'interpretazione della legge, specie nei riguardi dei fatti che sono valutati in diverso modo nei vari ambienti sociali"(F. Antolisei, Manuale di diritto penale, Parte generale - Giuffrè Milano, 1969, p. 51-52, in cui si cita il Codex iuris canonici <ca. 29>: Consuetudo est optima legum interpres). Secondo Antolisei è addirittura da ammettersi la consuetudine integratrice o praeter legem che sorga per integrare i precetti della legge qualora essa non si risolva in danno dell'imputato(F. Antolisei, ibid.).

La legge e la giustizia vanno applicate in nome del popolo ad esso spettando la sovranità(art. 1 della Cost.) e il metro di questa sintonia è proprio la rispondenza piena del popolo alle leggi penali emanate dal Parlamento, il quale può andare "controcorrente" quando contraddica lo spirito del comune sentire della popolazione che ad esso ha dato mandato, incorrendo in tal maniera di fatto nella disapplicazione della norma scritta.

Nel caso di specie la norma repressiva di base, la protezione penalistica - e non meramente civilistica del diritto d'autore - è desueta di fatto per l'abitudine di molte persone di tutti i ceti sociali, che, in diuturnitas, ricorrono all'acquisto di cd per strada o li scaricano da Internet. Anche grossi network come Napster si sono mossi da tempo in senso anticopyright e hanno permesso copie di massa dell'arte musicale. Fenomeno appena sfiorato dalle recenti sentenze degli USA che si sono espresse nel senso di regolamentare la materia della riproduzione di massa, ma con un pagamento ridottissimo in un nuovo mercato dove il guadagno dei produttori è quantificato su "minimi diffusissimi". In linea con questa strategia si è espresso recentemente il Parlamento europeo con la direttiva per "la protezione del diritto d'autore nella società dell'informatica" avanzando al più l'ipotesi di un equo compenso per gli autori per la diffusione globale della loro opera.

Il fatto è che la strategia del regalo è uno dei punti centrali nel mondo digitale, tanto che si parla di free economy, economia del gratis appunto, o di gift economy, economia del regalo. "Nell'età dell'accesso si passa da relazioni di proprietà a relazioni di accesso. Quello di proprietà privata è un concetto troppo ingombrante per questa nuova fase storica dominata dall'ipercapitalismo e dal commercio elettronico, nella quale le attività economiche sono talmente rapide che il possesso diventa una realtà ormai superata"(Vedi New economy in http://mediamente.rai.it/biblioteca).

Anche la New Economy depone, dunque, nel senso dell'arte a diffusione gratuita o a bassissimo prezzo, per rendere effettivo il principio costituzionale dell'arte e la scienza libere(art. 33 della Cost.) e quindi usufruibili da tutti, cosa non assicurata dalle attuali oligarchie produttive d'arte che impongono prezzi alti, contrari a un'economia umanistica, con economia anzi diseducativa per i giovani spesso privi del denaro necessario per acquistare i loro prodotti preferiti e spinti, quindi, a ricorrere in rete e fuori a forme diffuse di "pirateria" riequilibratrice.

L'azione degli oligopoli produttivi appare quindi in contrasto con l'art. 41 della Cost. secondo cui l'iniziativa economica privata libera "non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana". Solo un'arte a portata di tasca di tutti i cittadini e soprattutto dei giovani può essere a livello produttivo umanitaria e sociale come richiesto dalla Costituzione, per far sì che davvero tutti possano godere dei prodotti artistici.

In definitiva, se compito dello Stato ex art. 2 della Costituzione è rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che si frappongono al libero ed egualitario sviluppo della comunità, risulta la normativa penalistica a favore del copyright tendenzialmente abrogata di fatto ad opera dello stesso popolo per desuetudine, con azione naturale tendente a calmierare le sproporzioni economiche del mercato capitalistico in materia. Tale consuetudine non è quella abrogativa canonica ex lege ma di fatto incide sull'interpretazione della norma penalistica, quanto meno nel senso di far percepire al giudice quanto possa essere ridotta la forza cogente di una norma espressa, imposta ma non accettata dalla maggioranza del consesso sociale. Nel contempo permette di rilevare come ai fini dell'enunciando stato di necessità il fatto del vendere cassette per sopravvivere è più che proporzionato al pericolo connesso alla lesione del copyright(art. 54 ult. parte co. 1).

L'azione di depenalizzazione strisciante e non legalizzata del fenomeno trova appiglio de iure condendo nei lavori della Commissione ministeriale per la riforma del codice penale (istituita con d.m. 10 ottobre 1998) che nel progetto preliminare di riforma del codice penale avanza il principio della necessaria offensività del fatto, e soprattutto, quello della sua irrilevanza penale.

La Commissione ha preso innanzitutto atto del fatto "che il principio di necessaria offensività costituisce ormai connotato pressoché costante dei più recenti progetti riformatori. Esso ha trovato ingresso nello schema di legge-delega Pagliaro, che in uno dei primi articoli, collocato non a caso subito dopo la enunciazione del principio di legalità, invita a "prevedere il principio che la norma sia interpretata in modo da limitare la punibilità ai fatti offensivi del bene giuridico" (art. 4 comma 1). Ed è stato enunciato a tutto campo nel Progetto di revisione della seconda parte della Costituzione, licenziato il 4 novembre 1997 dalla Commissione Bicamerale: "non è punibile chi ha commesso un fatto previsto come reato nel caso in cui esso non abbia determinato una concreta offensività".

La Commissione ritiene che, al di là delle opinioni specifiche di ciascuno sulle modalità di inserimento di tale principio nel codice, le posizioni sopra enunciate esprimano la esigenza insopprimibile di ancorare, anche visivamente, la responsabilità penale alla offesa reale dell'interesse protetto, nel quadro di un diritto penale specificamente finalizzato a proteggere i (più rilevanti) beni giuridici".

Anche sul campo della concreta offensività la New economy ha dimostrato come addirittura la diffusione gratuita delle opere artistiche acceleri paradossalmente la vendita anche degli altri prodotti smistati nei canali ufficiali, e se ciò vale nello spazio virtuale di Internet deve valere anche nello spazio materiale con vendita massiccia di prodotti-copia che alimentano l'immagine e la vendita dello stesso prodotto smistato in via "legale".

Naturalmente in questa sede la depenalizzazione in re, per mancanza di una reale offesa al copyright(tutelabile al più civilmente ma non penalmente), non può essere ancora invocata e lo si potrà probabilmente con la riforma del codice penale, ma il dato acquista rilievo di fatto ai fini di stabilire la proporzione dell'azione svolta dai venditori di cd con l'offesa arrecata ai diritti d'autore.

In tema di stato di necessità, a fronte dei dubbi interpretativi suscitati dall'espressione "danno grave alla persona", ancora la Commissione succitata ci illumina avendo proposto di "chiarire quali beni siano effettivamente "salvabili" (lo schema di legge-delega Pagliaro sembra considerare rilevanti agli effetti della esimente tutti gli interessi personali propri o altrui, siano essi oggetto di pericolo di un danno grave o non grave, attengano alla integrità fisica o a quella morale della persona, compensando tuttavia questo ampliamento con una drastica delimitazione della scriminante sul terreno della proporzione)".

Quanto ai venditori di cd per strada è fatto notorio che trattasi di soggetti privi di lavoro, in condizioni spesso di schiacciante subordinazione. Notoria non egent probatione, i fatti notori non richiedono prova dal momento che la nozione di fatto de quo rientra nella comune esperienza. Si aggiunga che dalle carte processuali non emergono elementi per dedurre che il prevenuto avesse altre forme di sussistenza e si può, quindi, presumere che la vendita del prevenuto oggi incriminato sia fatta esclusivamente per il proprio sostentamento vitale.

Nel caso di specie è innegabile che il venditore di cd è un extracomunitario che agisce spinto dal bisogno di alimentarsi. Una vecchia giurisprudenza escludeva lo stato di necessità per chi agisca spinto da necessità attinenti all'alimentazione "poiché la moderna organizzazione sociale, venendo incontro con diversi mezzi ed istituti agli indigenti, agli inabili al lavoro e ai bisognosi in genere, elimina per costoro il pericolo di restare privi di quanto occorre per <omissis> il loro sostentamento quotidiano"(Cass. Sez. III 24 maggio 1961, P. M. c. De Leo, Giust. pen. 1962, II 81, m. 68).

Trattasi di giurisprudenza riferentesi a un contesto sociale diverso da quello attuale dove l'entrata in massa di extracomunitari rende praticamente impossibile predicare l'esistenza di organizzazioni atte ad accoglierli e a nutrirli in massa. E quindi più che mai si pone il problema di affrontare modi e forme del loro sostentamento, rendendosi necessario ampliare il concetto di stato di bisogno quando vengano da essi commesse infrazioni minime al consesso sociale, soprattutto in materie ai limiti del danno puramente civile, ove questo stesso mai esista. Ciò è tanto più vero ove si pensi che il fondamento della scriminante è stato colto nell'istinto della conservazione, incoercibile nell'uomo(Maggiore, Diritto Penale, Parte generale, 5a ed., Bologna 1951, p. 319).

Tale inquadramento risponde anche a principi fondamentali garantiti dalla Costituzione come i diritti inviolabili dell'uomo(art. 2 della Cost.), in cui è da ricomprendersi il diritto a nutrirsi, e il diritto alla salute(art. 32 della Cost.) compromesso naturalmente in chi, non riuscendo a procurarsi un lavoro normale suo malgrado, non abbia i mezzi minimi per il suo sostentamento alimentare. Le norme costituzionali testé citate rendono anche edotti della gravità del danno(attuale e continuato) derivante alla persona dalla mancanza assoluta di mezzi per sostentarsi, altro requisito richiesto dalla giurisprudenza costante(Cass. sez. III, 4 dicembre 1981, n. 10772) per potersi configurare lo stato di necessità da mettere in rapporto col danno in concreto arrecato.

In conclusione, tenendo anche conto che ex art. 4 della Cost. è compito dello Stato garantire il diritto al lavoro e promuovere le condizioni che rendano effettivo questo diritto, non c'è fine di lucro illecito "penalmente" in chi venda per strada cd a prezzo ridotto (in linea con la New Economy) al fine di procurarsi da mangiare, con azione accettata e condivisa dalla maggioranza del consesso sociale. Quell'azione, formalmente contra legem, è scriminata da uno stato di necessità(art. 54 c.p.) connesso alla sopravvivenza degli extracomunitari entrati nel nostro paese senza alcuna regolamentazione lavorativa, essendo la loro attività di venditori operanti per sopravvivere assolutamente necessaria per sopravvivere e proporzionata al pericolo di danno(minimo se non inesistente visto il numero modesto di cassette contra legem trovate) arrecato ai produttori.

Necessitas non habet legem, quindi. Difetta l'antigiuridicità del comportamento incriminato per mancanza del danno sociale rilevante ai fini penalistici, anche se non si può escludere un risarcimento civilistico alla SIAE ex art. 2045 c.c. da coltivare e realizzare eventualmente in sede civile.

Si ordinerà confisca e distruzione del materiale in sequestro.

P.Q.M.

visto l'art. 129 c.p.p.

assolve Mohammed Tizio dai reati ascrittigli perché i fatti non costituiscono reato per aver agito in stato di necessità ex art. 54 c.p..

Ordina confisca e distruzione del materiale in sequestro.

Così deciso in Roma il 15.2.2001

IL GIUDICE

GENNARO FRANCIONE   
Indice Forum


AI CONFINI DELLA REALTA': la legge Urbani 106/2004.

Urbani, ora ex-ministro, ha presentato e fatto approvare lo scorso anno la legge 106/2004 che impone a chiunque distribuisca contenuti per via telematica, quindi Internet, di inviarne copia alle biblioteche centrali di Firenze e di Roma.

Chi ha un sito, una newsletter o una mailing list dove vengono diffuse informazioni, deve farne copia ed inviarla periodicamente alle biblioteche, in caso contrario è soggetto ad un’ammenda di 1.500 euro.

La legge vuole "conservare la memoria della cultura e della vita sociale italiana".

Ma Urbani sa cos’è Internet, sa che i suoi contenuti cambiano ogni secondo, sa che i siti registrati in Italia sono circa un milione, o forse ha chiesto una consulenza a Stanca?

Potremmo fare un’urbanata, ed inviare siti, blog, newsletter alla Biblioteca di Firenze, alla cortese attenzione di Urbani, per conoscenza Stanca: peccato che neppure la Biblioteca di Firenze sappia cosa farsene. 

Dal Blog di Beppe Grillo Leggi Tutti i Commenti in Proposito !!!       Indice Forum


PARERE GIURIDICO  Oggetto: C.W. Brown / SIAE

L'utilizzo delle opere dell'ingegno è, in linea di principio, assoggettato al consenso dell'autore, in conformità a quanto dettato in materia, dalla Convenzione di Berna (artt. 1 e 6 bis), dal codice civile (art. 2577) e della legge speciale sulla protezione del diritto di autore del 22 aprile 1941, nr.633.
L'articolo 1 di quest'ultima prevede che: "Sono protette ai sensi di questa legge le opere dell' ingegno di carattere creativo che appartengono alla letteratura, alla musica alle arti figurative , all'architettura, al teatro ed alla cinematografia, qualunque ne sia il modo o la forma di espressione... "
L'articolo 2 specifica ulteriormente: "In particolare sono compresi nella protezione: ...4) le opere della scultura, della pittura, dell'arte del disegno, della incisione e delle arti figurative... "
L'articolo 13 prevede che: "Il diritto esclusivo di produrre ha per oggetto la moltiplicazione in copie diretta o indiretta, temporanea o permanente, in tutto o in parte dell'opera, in qualunque modo o forma, come la copiatura a mano, la stampa, la litografia, l'incisione, la fotografia, la fonografia, la cinematografia ed ogni altro procedimento di riproduzione".
La normativa stabilisce, inoltre, all'articolo 12, il principio per il quale solo l'autore ha il diritto di pubblicare l'opera, nonché il diritto di utilizzarla economicamente, "...in ogni forma e modo, originario o derivato ... in particolare con l'esercizio dei diritti esclusivi indicati negli articoli seguenti..." Pertanto gli articoli 13 e 14, chiariscono l'oggetto del diritto esclusivo di riproduzione dell'opera d'arte e quello di trascrizione. Chiariscono cioè che il diritto di pubblicare non si esaurisce nella prima pubblicazione dell'opera, ma in quanto funzionale anche all'utilizzazione economica esclusiva, si ripropone in ogni ipotesi nelle quali, con qualunque mezzo, dice la legge, "si consenta al pubblico di usufruirne". La dottrina dominante sul punto ha sempre ritenuto la derivazione di tali regole dal principio contenuto in modo sintetico nell'articolo 2577 codice civile secondo il quale: "L'autore ha il diritto esclusivo di pubblicare l'opera e di utilizzarla economicamente in ogni forma e modo, nei limiti e per gli effetti fissati dalla legge... ". Tale norma riunendo nella stessa formula il diritto di pubblicare e quello di utilizzare economicamente l'opera d'arte in ogni modo e forma, delinea il divieto di invasione di tale potere come difesa della concorrenza nello sfruttamento dell'opera stessa.
La legge, tuttavia, prevede delle deroghe al generale principio del consenso preventivo a qualsiasi opera coperta dal diritto di autore.
Infatti, in virtù della particolare natura del diritto di autore, l'opera che esplichi un'azione sociale, conoscitiva, educativa, ricreativa può essere liberamente utilizzata per soddisfare in tal modo, non soltanto l'interesse personale del creatore dell'opera ma anche quello generale del pubblico. L'articolo 70 della legge dichiara: "Il riassunto, la citazione o la riproduzione di brani o di parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi se effettuati per uso di critica o di discussione, nei limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all'utilizzazione economica dell'opera; se effettuati a fini di insegnamento o di ricerca scientifica l'utilizzo deve inoltre avvenire per finalità illustrative e per fini non commerciali".
La liceità delle libere utilizzazioni delle opere è, dunque, delimitata, dalla stessa formulazione legislativa.
L'autore dell'opera perciò può, in virtù dell'art. 70 L. 22 aprile 1941 nr 633 e secondo la dottrina prevalente, impedire ogni utilizzo da parte dei terzi che sia economicamente rilevante, e/o anche solo potenzialmente dannoso, ovvero qualsiasi riproduzione di brani, o di opere suscettibile di arrecare pregiudizio ingiustificato ai propri legittimi interessi, e che esuli dalle finalità indicate dalla legge.
Il lavoro critico e didattico, giustifica, dunque, l'utilizzo libero di opere altrui, tuttavia queste finalità, proprio perché chiaramente definite a livello normativo, non possono essere suscettibili di applicazioni estensive, o analogiche, trattandosi in definitiva di utilizzazioni previste e consentite da norme (art. 70 L. 633/1941 e art. 10 Convenzione di Berna) che hanno comunque una portata eccezionale, così come ritiene la dottrina più autorevole.
La giurisprudenza sia di merito che di legittimità appare in tema sufficientemente consolidata nonché priva di contraddizioni al propri interno. E' a citarsi in primo luogo una sentenza del Tribunale di Verona la quale potrebbe, prima facie, apparire favorevole ad un libero sfruttamento dell'opera purché lo stesso non sia accompagnato da alcun fine lucrativo.
Secondo il Tribunale di Verona, infatti, pronunciatosi con sentenza del 11/07/2001: "Costituisce violazione del diritto di autore non ogni attività di fotocopiatura di opere tutelate o di parti di esse, ma soltanto quella che viene svolta in forma imprenditoriale per conto terzi o dei clienti nei locali dell'impresa, poiché in tale ipotesi l'utilizzazione dell'opera avviene all'interno di un processo produttivo diretto al profitto. "
Più nette nell'orientamento nonché autorevoli per la fonte le successive massime.
La Suprema Corte (Sezione 1) con sentenza del 29/05/2003 nr. 8597 prevede che: "I diritti di utilizzazione economica spettanti all'autore si estendono a qualsiasi forma e modo di utilizzazione, anche parziale, dell'opera, purché sia tale da consentire di coglierla nella sua individualità quale oggetto di elaborazione personale di carattere creativo da parte di un determinato
autore ".
Ed ancora: "La libertà ex art. 70 comma I, legge sul diritto di autore, di riassumere citare o anche riprodurre brani di opere, per scopi di critica, discussione o insegnamento è ammessa e si giustifica se l'opera di critica o didattica abbia finalità autonome e distinte da quelle dell'opera citata e perciò i frammenti riprodotti non creino neppure una potenziale concorrenza con i diritti di utilizzazione economica spettanti all'autore dell'opera parzialmente riprodotta" (Cassazione Civile 07/03/1997 nr. 2089).
La massima della sentenza di cui sopra evidenzia come l'art. 70 della citata legge sul diritto di autore e l'art. 10 della Convenzione di Berna prevedono limitazioni dell'esclusiva economica riservata all'autore, allorquando da un'opera protetta vengono tratte parti o brani per specifiche finalità o entro precisi limiti che dalle rispettive norme si desumono.
La legge sul diritto di autore come la Convenzione di Berna contengono, come poc'anzi citato, strumenti volti alla protezione del diritto di autore, prevedendo fattispecie di libertà di utilizzazione che si pongano come eccezionali, perché situate oltre le frontiere dell'esclusiva riservata all'autore.
Ecco, dunque, che l'articolo 70 della norma nazionale, prevede che la libertà di utilizzazione di un'opera si possa giustificare essenzialmente con la circostanza che l'opera di critica, di discussione, di insegnamento abbia fini del tutto autonomi e distinti da quelli dell'opera citata, i cui, "frammenti" riprodotti, per ciò stesso, non creano una neppure potenziale concorrenza con i diritti di utilizzazione economica spettanti all'autore.
Nello stesso senso la giurisprudenza di merito: "La riproduzione di opere dell'arte figurativa in cataloghi d'arte o di mostre rientra nel diritto esclusivo dell'autore di utilizzazione economica dell'opera; la disposizione dell'art. 70 (libere utilizzazioni) della legge sul diritto di autore 22 aprile 1941 nr. 633, può trovare applicazione nel campo della riproduzione di opere dell'arte figurativa, solo nell'ipotesi di riproduzione parziale (c.d. particolare) dell'opera, nei limiti giustificati da finalità critica, discussione e anche di insegnamento e purché la riproduzione non costituisca concorrenza alla riproduzione economica dell'opera" (Tribunale Roma, 10/08/1990)
Infine la Suprema Corte stabilisce che: "La pubblicazione di un catalogo contenente la riproduzione fotografica di opere d'arte inserite in una mostra è idonea a fondare le pretese della SIAE di riscuotere i diritti di riproduzione spettanti agli autori, in quanto l'art. 13 della L n. 633 del 1941 non vieta solo la moltiplicazione di copie fisicamente identiche all'originale, ma protegge l'utilizzazione economica che può effettuare l'autore anche mediante qualunque altro tipo di moltiplicazione dell'opera in grado d'inserirsi nel mercato della riproduzione, né l'indicata riproduzione, allorché sia integrale e non limitata a particolari delle opere medesime, quale che sia la scala adottata nella proporzione rispetto agli originali, integra alcuna delle ipotesi di utilizzazione libera, previste in via di eccezione al regime ordinario dell'esclusiva dall'art. 70 della citata legge" (Cassazione civile, Sezione 1, 19/12/1997, nr. 11343)
Non vi è dubbio, dunque, anche alla stregua del chiaro principio enunciato dalla Corte di Cassazione, come la legge non abbia voluto vietare solo la riproduzione di copie fisicamente identiche all'originale, così da moltiplicare lo stesso messaggio estetico, bensì abbia voluto proteggere l'utilizzazione economica che possa effettuare l'autore mediante qualunque tipo di moltiplicazione in grado di inserirsi nel mercato della riproduzione. La riproduzione di cui all'articolo 13 della legge sul diritto di autore, infatti, si riferisce senza alcun dubbio, ad una riproduzione integra dell'opera quale che sia la scala adottata e dunque la proporzione rispetto all'originale.
Si sottolinei inoltre il contenuto dell'articolo 87 secondo cui: "Sono considerate fotografie, ai fini dell'applicazione delle disposizioni di questo capo, le immagini di persone o di aspetti, elementi o fatti della vita naturale e sociale, ottenute con il processo fotografico o con processo analogo..."
L'articolo 90 prevede che: " Gli esemplari della fotografia devono portare le seguenti indicazioni
1) il nome del fotografo, o, ...della ditta da cui il fotografo dipende; 2) la data dell'anno di produzione della fotografia;
3) il nome dell'autore dell'opera d'arte fotografata.
Qualora gli esemplari non portino le suddette indicazioni, la loro riproduzione non è considerata abusiva e non sono dovuti i compensi indicati agli articoli 91 e 98 a meno che il fotografo non provi la malafede del riproduttore". Appare evidente, da una attenta lettura della norma di cui sopra, come la stessa analizzi esclusivamente l'opera c.d. "fotografica" costituendo, dunque, specifica disciplina di tale fattispecie artistica, nulla avendo a che vedere con l'opera pittorica.
Si precisi, infine, per mero scrupolo, come la fattispecie in oggetto non integri alcuna violazione di cui all'articolo 20 della legge sul diritto di autore così come impropriamente dichiarato dagli uffici della SIAE nella lettera raccomandata a Lei inviata. Tale articolo dichiara, infatti: "Indipendentemente dai diritti esclusivi di utilizzazione economica dell'opera, previsti nelle disposizioni della sezione precedente... l'autore conserva il diritto di rivendicare la paternità dell'opera ...e di opporsi a qualsiasi deformazione, mutilazione od altra modificazione, ed ad ogni atto a danno dell'opera stessa, che possano essere di pregiudizio al suo onore o alla sua reputazione... "
Nessuna violazione di tale tipo veniva da lei integrata. 
Avvocatessa di C.W. Brown   Indice Forum


CHI FA CULTURA A TITOLO GRATUITO?

docenti, studenti, studiosi, autodidatti, casalinghe, disoccupati, collezionisti, fotografi e disegnatori amatoriali, ecc. (può darsi che me ne sia dimenticato qualcuno).
Insomma tutti i liberi cittadini che in tutte le parti del mondo stanno arricchendo la rete di contenuti liberi e intenzionalmente condivisibili.
Forse dovrebbe essere la SIAE a far mettere sottochiave le opere degli artisti che intende tutelare e permetterne l'accesso tramite password e a pagamento. A quel punto nessuno degli artisti beneficerebbe più di tutta la pubblicità gratuita che la rete potrebbe dispensare loro attraverso la pubblicazione del/la loro nome, immagine, video, audio... Evidentemente il libero web fa comodo alla SIAE!
Fatto curioso: spesso mi giungono delle richieste di pubblicazione sul mio sito web, da parte di gruppi editoriali di rilevanza nazionale, di recensioni di libri scolastici e di romanzi realizzati da autori SIAE-dipendenti. Quando li informo che la pubblicità si deve pagare per finanziare parte del nostro lavoro volontario, spariscono come un fulmine...
Circa dieci anni fa mi ritrovai a discutere con il responsabile di una notissima casa editrice di libri scolastici sull'idea di un prodotto editoriale accessibile a tutti (libri di testo, romanzi di autori affermati ed emergenti, ecc.) e che, soprattutto, costasse poco. Mi guardò stralunato dicendomi che quando quelle cose sarebbero entrate nella sua casa editrice, lui sarebbe andato via dalla porta...
Risultato: lui siede ancora su quella poltrona (anche grazie all'esistenza dell'assurda adozione obbligatoria dei libri di testo), i libri, i cd, i dvd costano più di prima e in più dobbiamo pagare degli invisibili balzelli che vanno a finire nelle tasche della SIAE. Anche per quello che non leggiamo.
Le case editrici, i gruppi editoriali e moltissimi enti inutili vengono finanziati con i soldi delle nostre imposte e delle nostre tasse; la RAI prende i nostri soldi per fare dei programmi spazzatura e poi, se li vogliamo rivedere, li dobbiamo acquistare. Così li paghiamo due volte (se non di più).
Spazzatura sono anche i progetti di lettura dei quotidiani a scuola: molta carta straccia e trash-informazione che sottraggono soldi alla scuola istituzionale indebolendola sempre di più senza............... contribuire ad "aprire" la mente alle giovani generazioni.
Proposta: boicottiamo la SIAE non solo per le immonde richieste fatte al web scolastico nazionale ma soprattutto perché vuole continuare a speculare sulla cultura ad uso e/o di produzione dei privati cittadini che, grazie alla condivisione delle reti e dei computers, sta (fortunatamente) crescendo a vista d'occhio.
Boicottiamo le case editrici e le major discografiche per il prezzo esagerato dei libri e dei prodotti multimediali.
Partecipiamo attivamente a rendere più libero il web incoraggiando i nostri studenti e i nostri colleghi più o meno giovani a pubblicare e a condividere le proprie idee e conoscenze attraverso la rete (esistono migliaia di progetti liberi che lo permettono).
Pubblichiamo i nostri appunti e mettiamoli a disposizione dei nostri e di altri studenti e ricordiamoci che la prepotenza di pochi loschi individui si consolida laddove le maglie del tessuto sociale sono sfilacciate.

Davide Suraci    www.territorioscuola.it 
  Indice Forum



VIVERE IN UN PAESE DA BARZELLETTA

Quando sono sotto la doccia canto a squarciagola le canzoni di Elio e le Storie Tese. Mi sente tutto il palazzo. Ne traggo profitto, perche' mi sento meglio e quindi ci guadagno in salute. Devo pagare la SIAE?

Quando sono per strada o quando prendo la metro, fischietto motivetti di brani musicali. Mi sentono tutti quelli che incontro. Ne traggo profitto, perche' mi sento meglio e quindi ci guadagno in salute. In piu' metto allegria a quelli che mi incontrano. Devo pagare la SIAE?

Nel mentre digitavo questo messaggio mi sono accorto di battere sui tasti riproducendo il ritmo di "Macarena". La cosa mi ha divertito, quindi ne ho tratto, ancora una volta, profitto. Devo pagare la SIAE?

E vabbe'. Ma se mando affanculo la SIAE a ritmo di Samba, traendone il dovuto profitto morale (quando ce vo', ce vo'), devo pagare la SIAE?

**********************************

La cosa è molto più tragica. it.wikipedia è stata diffidata dalla Galleria degli Uffizi! Nientepopodimenoche per la pubblicazione di "copie" di opere di secoli fa. Come se poi fosse la stessa cosa godersi la Primavera del Botticelli a due metri di distanza dal vero o in una foto - magari anche ad una risoluzione accettabile - su un video. Ma per favore...
Insomma, se ho capito bene esisterebbe una norma che da facoltà al Ministero dei Beni Culturali di avere il copyright su opere che dovrebbero essere patrimonio dell'umanità.


Quante persone nel mondo potranno permettersi di fare un viaggio a Firenze per visitare la galleria degli uffizi? Ebbene, si vuole negare a gran parte dell'umanità il diritto, non dico di apprezzare, ma semplicemente di *conoscere* l'esistenza di un'opera realizzata 4-6 secoli fa per il semplice fatto che non può permettersi di arrivare fisicamente a Firenze? Paradossalmente il rampolletto di una famigliola europea può permettersi un viaggetto-premio di due giorni a Firenze ed accedere gratuitamente alla Galleria degli Uffizi, mentre il figlio di un operatore ecologico aborigeno australiano non potrà mai farlo, pur magari avendo la possibilità di accedere gratuitamente o a un costo sostenibile ad una connessione Internet e ottenere - sia pur nel suo piccolo - uno scampolo di conoscenza.

Certo, esiste http://www.polomuseale.firenze.it ma la funzione didattico-educativa di questo sito a mio parere lascia molto a desiderare se confrontata con un articolo scritto su un'enciclopedia libera e corredato di qualche illustrazione. Che senso ha descrivere la Primavera di Botticelli se non offri almeno un'illustrazione di supporto? Come cercare di inculcare il concetto di tempesta di ghiaccio ad uno Yanomani. Mah...

Naturalmente estendendo il concetto, a questo punto non ci sarebbe da stupirsi se l'Egitto vietasse di pubblicare foto delle piramidi, se la Francia pretendesse una royalty per ogni foto della Torre Eiffel, ecc. ecc.

Aspetto con ansia una legge che obblighi chiunque a fare formale richiesta di autorizzazione a respirare da parte del Ministero dell'Ambiente.

**********************************

Società Italiana Anonima Estorsori 

**********************************

Tutti coloro che hanno un sito dove sono raffigurati quadri, immagini e altro per i quali la SIAE pretende qualcosa, adesso, dovrebbero sostituire quelle immagini con un riquadro dove appare un testo descrittivo dell'opera.

Il tutto linkato a google immagini, con apposita stringa di ricerca.
Il testo descrittivo dovrebbe riportare anche la dicitura "Immagine non inserita, in ottemperanza alla legge sul diritto d'autore", possibilmente in più lingue.

Inoltre ognuno di noi dovrebbe girare per i siti delle PP. AA. (possibilmente quelle estere) in cerca di immagini protette e segnalarle all'apposito ufficio SIAE.

**********************************

Fanno ridere i polli. Che è, si mettono a denunciare tutti i siti del mondo ? Tutti i forum ed i siti di appassionati di questa o quella serie tv, gruppo musicale e così via ?
Siamo alla follia totale. Questa gente come i loro cuginetti RIAA,MPAA,BSA *VANNO BANDITI* !
E' ora che i politici muovano le chiappe e stronchino queste associazioni inutili, burocratiche e rubasoldi che danneggiano l'economia, causano problemi ai cittadini e creano solo caos in ogni sede.
Quando ci saranno politici che tireranno fuori gli attributi per rendere illegali queste associazioni di profittatori che blaterano di proteggere le aziende ma che rappresentano esclusivamente se stessi e danneggiano in realtà le aziende ed i clienti della aziende medesime, allora finalmente ci sarà un mercato più libero, maggiore concorrenza e meno cartelli dei prezzi. Queste ignobili associazioni hanno trasformato il capitalismo in quello che è oggi, intaccandone le basi.

**********************************

In altre nazioni civili dove si rispetta il diritto d'autore si paga a forfait in base alla dimensione della diffusione.
Puoi copiare tutto a stock 100 libri 100 euro mille 500 euro no limit alla copia 2000 euro cifre simboliche ma che siaccostano.
Noi no si discute di non pagare non di modificare cosa si paga a quanto.
Sito amatoriale 100.000 visitatori l'anno 1000 euro disiae l'anno sono troppi facciamo 200
paghiamo poco ma paghiamo tutti.
fai 100.000.0000 di visite sei il top incassi miliardi di pubblicità paga 1000 euro al mese sono troppi pagane 500.
Il concetto siae si siae no è stupido.
Non sono della siae e ne pago il meno possibile grazie ciao 

Fonte Forum Punto Informatico   Indice Forum

 

 

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Against Intellectual Monopoly   Michele Boldrin and David K. Levine

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

smallbot.gif (578 byte) Daimon Writers Forum smallbot1.gif (569 byte) Daimon Club Global Forum smallbot2.gif (582 byte) Daimon General Archive
smallbot.gif (578 byte) Satiric Free Fun Forum smallbot1.gif (569 byte) Daimon Lib Chat smallbot2.gif (582 byte) Daimon News Forum
smallbot.gif (578 byte) Firma il nostro GuestBook smallbot1.gif (569 byte) Sign our Guest Book smallbot2.gif (582 byte) Various Daimon Essays
smallbot.gif (578 byte) Mynetopinion.it smallbot1.gif (569 byte) It.ciao.com smallbot2.gif (582 byte) Dooyoo.it
smallbot.gif (578 byte) Newspaper Links smallbot1.gif (569 byte) Magazine Online smallbot2.gif (582 byte) Riviste di Informatica
smallbot.gif (578 byte) Forum sul Libro smallbot1.gif (569 byte) Good Forum Links smallbot2.gif (582 byte) Other Chat Links

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

smallbot.gif (578 byte) Sommario    smallbot.gif (578 byte)  Home page   smallbot.gif (578 byte) Book Spider  smallbot.gif (578 byte)   Scrivici!

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

     Copyleft © 1997 - 2020  by  WWW.DAIMON.ORG  and  CARL WILLIAM BROWN

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)


colorarr.gif (690 byte) Daimon Club colorarr.gif (690 byte) Daimon People colorarr.gif (690 byte) Daimon Arts colorarr.gif (690 byte) Daimon News colorarr.gif (690 byte) Daimon Magik
colorarr.gif (690 byte) Daimon Guide colorarr.gif (690 byte) DaimonLibrary colorarr.gif (690 byte) Daimon Humor colorarr.gif (690 byte) Links Exchange colorarr.gif (690 byte) Carl William Brown

daimonologyban1.jpg (10828 byte)website tracking