ÇLIRIM   MUÇA

librarybann.gif (6877 byte)
 

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

newani.gif (2181 byte)   Per una ricerca veloce in tutta la Daimon Library   newani.gif (2181 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

bookpium.gif (2870 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Ricerca personalizzata

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Il PORTINAIO

Ecco, sono pronto. In giacca e cravatta, la mia uniforme insomma. Sono le nove meno un quarto. Di solito cominciano ad arrivare verso quest'ora ed io devo essere sorridente con tutti. Fa parte del mio lavoro. Un sorriso grande così. Il fioraio di fronte vende fiori, io regalo sorrisi, disponibilità e in cambio ho il mio rendiconto mensile. Arrivano. Buongiorno, dottore. Buongiorno...
Buongiorno, signorina. Buongiorno!
Salve!
Ciao.
Ah, ah. Grazie, grazie...
Buongiorno, ragioniere...
Dottoressa, buongiorno.
Ah, professore. Buongiorno, professore. Le casse di vino le ho portate su in studio ieri pomeriggio, mentre Lei non c'era. Le ho sistemate nella Sua stanza... Niente, niente, solo un pelo sulla giacca, professore. Mia moglie? Lavora. Fa la parrucchiera a due isolati da qui. Da donna, sì. Eh sì, si lavora tanto... Mia figlia? Studia ancora, professore. Sì, sì... riferisco, professore, riferisco. L'ascensore è arrivato. Anche a Lei... Buon lavoro, professore. Buongiorno, professore... Tiè, brutto sporcaccione. E' un grande avvocato il professore - se ne avessi bisogno un giorno, lui sarebbe il mio avvocato -, ma da un po' di anni è successo qualcosa nella sua mente. Il modo come guarda le ragazze... non parlo della sua segretaria, sua amante ufficiale. Sbava dietro a tutte. Figuriamoci, anche dietro la donna delle pulizie! E in ascensore, poi?! Fa anche dell'altro in ascensore. Tipo... Posso dirlo? No, è meglio di no. E va bene, lo dico! Scrive: "cazzo - figa, eterna rivalità". Io una volta ho cancellato le parolacce... e ho lasciato il resto perché mi piaceva. E' sceso lui mezz'ora dopo... Sono andato subito in ascensore e ... cosa vedo scritto? "Eterna rivalità" e sotto "cazzo - figa". Ma va là, va là, mente distorta. Ti spacco la faccia, ti spacco.
Oh, buongiorno, dottoressa. La manifestazione? Tutto bloccato? Questi pacifisti poi... Ma dico io: perché gli danno il permesso di fare le manifestazioni in centro? Per carità, non sono contro io, ma il disagio che recano ai cittadini, il traffico che va in tilt! T'immagini l'ambulanza che non arriva in pronto-soccorso perché bloccata dal traffico e il paziente che muore? Dico io, ma andate a San Siro a fare le vostre manifestazioni, se ci tenete tanto. Buona giornata anche a Lei, dottoressa. Buongiorno! Ragioniere, dove va ragioniere? E' tutto bloccato fuori... Alla manifestazione? Vorrei andare anch'io, ma non posso. Lo sa anche Lei che sono legato. A molti eventi di questa città purtroppo io non posso partecipare. Manifestare per la pace... non c'è cosa più nobile. Solo persone come Lei, ragioniere lo possono fare... Le fa onore. Buona manifestazione, ragioniere. Buona manifestazione!

Questa è una palazzina a cinque piani, tutti studi professionali, tranne le due famiglie dell'ultimo piano. Io faccio le pulizie nella maggior parte degli studi. No, non io. Mica posso fare io tutte quelle pulizie? Ho cinque extracomunitari che lavorano per me: filippini e sudamericani. Io tengo i rapporti, tesso le relazioni, molto importanti per me. E sono scattante, sportivo quando porto la posta, quando parcheggio le loro macchine, quando corro ad avvertirli del vigile che gli sta multando la macchina. Uguale per tutti gli impiegati, anche le semplici segretarie, come questa qui, per esempio, che è tornata indietro perché fuori piove.
Hai bisogno dell'ombrello, vero? Certo che ce l'ho. Si chiama Pietro, fa' il servizio e torna indietro... ha, ha. Ma sì, sì, vai tranquilla, ne ho un altro. Succede a tutti di dimenticare... ha, ha, ha. E' proprio stupida questa ragazza. Quando piove dimentica l'ombrello a casa, quando c'è bel tempo se lo porta dietro in ufficio. Proprio scema la ragazza!
Chi è che ha sporcato l'atrio? Ma porca miseria! Se lo becco gli taglio le dita, gli taglio. Perché io sono buono e caro, ma quando me le fanno girare divento una belva, divento. Signora! E' tornata allora? Così presto? Cos'è questo cane? Mastino, vero? Ma com'è bello, com'è carino. Ma no, signora, a me piacciono i cani. Sembra un agnellino. Tutto nero, si nota subito. Come si chiama? Benito? Ma che musone che hai, Benito. Ah, è di suo figlio, quello che vive a Vicenza. Non sapevo avesse un figlio a Vicenza, signora. Adolfo. E come sta Adolfo, signora? Non andavano d'accordo ultimamente? L'ha morso?! Non ci posso credere, così dolce, Benito. Ah, non è stato lui? Ah, è Adolfo che ha.... Quanto mi dispiace, signora! Benito! Oh no, Benito!!! Non si preoccupi, signora, vuole soltanto giocare. Benito! Ahi, mamma mia, Benito! Signora, aiuto, signora. Ahi. Signora, non si preoccupi, signora, non è niente, niente di grave, signora. Dio mio! Sono scampato per miracolo, Dio buono. Ma come si fa a chiamare un mastino Benito, cazzarola. Beh, nella disgrazia sono fortunato. Eh già, se fosse stato un pastore serbo di nome Milosevic mi avrebbe sbranato tutto. Sono veramente fortunato.

La giornata di lavoro è finita. I miei extracomunitari mi hanno appena consegnato le chiavi degli uffici. Mia figlia guarda la TV nell'altra stanza. Io e mia moglie abbiamo mangiato insieme. Anche stasera se l'è presa con me, perché sono ottuso e non sorrido mai. Vai a capire le donne. Le donne sono strane a volte... Io che non sorrido mai? Proprio io?

Buonasera, signori. Buonasera.

Testo tratto dal Libro Racconti della Terra Dimenticata di Çlirim Muça Alba Libri Editore


SENZA VIA D'USCITA

"Tu puoi dire quello ragione" lo interruppe Luli. Stavano parlando di donne e di matrimonio.
"Sempre al sesso vanno i loro pensieri. Tu pensi che nel tradimento d'amore le donne non hanno nessuna colpa?" l'altro mentre parlava si arrabbiava.
"Con calma, aspetta, ti racconto quel che mi è successo" disse Luli.
"Non dirmi che è colpa di quei mentecatti e cornuti dei loro mariti?! "
Erano tra amici d'infanzia, si conoscevano bene tra loro, sapevano che Bomi prendeva fuoco come un filo d'erba d'estate in ogni discussione che facevano.
"Sentite... " Luli cominciò il suo racconto. "Avevo appena finito il militare, era stata dura trovare lavoro. Avevo mobilitato tutti: amici, familiari. Alla fine trovai un posto nella fabbrica di mattoni. Fu ancora più duro il lavoro. Non conoscevo nessuno là. Mi sentivo come un estraneo. Forse perché c'erano più donne che uomini in quella fabbrica. Mi capitava di andare al lavoro o tornare con mia cugina e la sua amica Valbona. Voi conoscete la mia relazione con lei... Questo che sto per dire... non so... ma io me lo sono tenuto sempre per me.
Stavamo tornando dal lavoro, era un pomeriggio di primavera. Sì, mi ricordo bene l'azzurro del cielo, quel giorno. Non so cosa le stavo raccontando, era una delle poche volte che parlavo soltanto io. Per un momento Valbona girò la testa e i nostri sguardi s'incrociarono. Vidi come tremò, una luce muoversi nelle sue pupille... "Ha belli anche gli occhi" dissi tra me e me. Dopo il mio racconto inciampò: era stata la prima volta che la guardavo a quel modo. Quando ci congedammo da lei, mia cugina mi disse: "Sai cosa dice Valbona di te? Mi piace perché è dolce". "Ah sìT' dissi io scocciato. Non avrei mai pensato che quella parola detta da una donna mi avrebbe provocato tale reazione. Passarono un po' di giorni. Anch'io mi stupii della facilità con la quale si aggiustò tutto. La prima volta la incontrai a casa di mia cugina. Rimanemmo insieme soltanto un'ora. Avevamo una gran voglia e parlarono i nostri corpi. Poi mi venne una paura che mi diceva "Basta adesso, hai finito, vattene." E non ci scambiammo una parola. Un'altra volta rimanemmo di più. Mia cugina ci aveva chiusi a chiave ed era andata al mercato, facendo tardi. "Raccontami qualcosa della tua vita" le chiesi. "La mia vita non ha niente d'interessante." Mi rispose.
"Dimmi come fu che ti sposasti con lui, tu così bella... " Quando vidi una nuvola di tristezza sul suo viso, mi pentii di averglielo chiesto. "Stupido che sei!" mi dissi. "Perché ricordarle il marito proprio adesso?" Per un po' cadde il silenzio e i rumori della strada cominciarono a farci visita.
"Bene! " disse Valbona, "la mia storia comincia forse al secondo anno di liceo. Quell'anno conobbi il mio primo ragazzo. Lavorava come tecnico delle sonde in una stazione di ricerca del gas metano alla periferia della città. Ero una ragazzetta allora e avevo perso la testa. Lui mancava spesso per il suo lavoro, giorni, anche settimane... e io che lo aspettavo, gelosa, con il cuore che mi traboccava d'amore. Cominciai anche ad andare male a scuola. Il nostro amore durò ancora un anno dopo che ebbi finito il liceo. Lui si trasferì con lavoro è casa a Tirana, lasciandomi. Come diceva mia zia di lui, "mi aveva usata e gettata via, macchiandomi di vergogna per tutta la vita". Io allora stavo in casa, non riuscivo a trovare lavoro, ero disperata e delusa dall'amore e dalla vita, ma il peggio non era ancora arrivato.
La preoccupazione più grande dei miei familiari era di trovarmi un marito. In ogni famiglia c'è qualcuno che mette zizzania, noi avevamo la zia. All'inizio lei voleva combinare un matrimonio con un meccanico che viveva in un paese vicino. I suoi avevano saputo della mia storia e non accettarono. "A te bisogna trovare un marito un po' scemo e di qualche zona sperduta" diceva mia zia e, rivolta ai miei genitori, rimproverandoli: "Questo succede quando dai a tua figlia ogni giorno i soldi per il pullman per andare a studiare nella scuola migliore della città. Se non vuoi che tua figlia amoreggi con il primo che le capita, devi farla smettere alle medie e prepararla subito per il matrimonio". La ricerca di un marito per me continuò per tutto l'anno.
Quando mi presentarono a casa mio marito dissi a mia madre che era basso e brutto e vecchio per me. Mia zia, che si trovava vicino in quel momento e mi senti sparò: "I fighetti ti stanno cercando, non lo vedi? Chiudi il becco, piuttosto. Hai macchiato la tua famiglia e te stessa e vorresti scegliere adesso?!". Odiavo quella zia, ma mio padre era una marionetta nelle sue mani, Mi aveva anche picchiata, istigato da lei.
Una volta sposati, mio marito cominciò a picchiarmi la seconda settimana dopo il nostro matrimonio. "Chissà con quanti sei andata, tu! " e pum, mi colpiva. Un anno dopo nacque il primo figlio. Lui era felice che il figlio gli assomigliasse, ma continuava a picchiarmi. Una volta me lo disse il perché: "Se vuoi che la donna non muova la coda, le botte le fanno calmare i sensi". Era geloso e me le dava per niente, tipo: "Così bella tu e non cercheresti di tradirmi?". Quando vide un signore che mi salutò per strada mi picchiò selvaggiamente: "Non per niente ti ha salutata, quello lì. E' il dongiovanni del paese lui. E poi, se la cagna non alza la coda, il cane non le va dietro! Lo so, lo so che non dipende da te se gli altri ti salutano, ma hai visto me con la coda dell'occhio e non gli hai risposto".
Allora pensai di scappare da casa, prendere il figlio e separarmi per sempre da lui, ma dove sarei potuta andare? Dai miei? Là mi aspettava un padre fanatico, una madre dispiaciuta e amabile, che però non contava niente, e poi quella zia... No, no, là nessuno mi avrebbe dato ragione. Allora tutti gli uomini mi sembravano
uguali, selvaggi. Poi il bambino... avevo i piedi legati da lui".
Luli si fermò per un momento, come se stesse per pesare quello che doveva dire.
"Chi ha da accendere?" disse Bomi, che aveva tirato fuori una sigaretta.
"Sono scadenti" disse l'altro amico, 'forse non basta un fiammifero per accendere! "
Bomi accese la sigaretta e aspirò forte. "Come andò a finire?" chiese a Luli.
"Nacque una bambina, ma lui continuava con le sue pazzie. Voleva che tutti i figli gli assomigliassero... " Io le chiesi: "Perché hai
detto a mia cugina che sono dolce". Lei sorrise. "Non esattamente, come dire... tu eri da poco entrato in fabbrica, stavi tutto solo, parlavi poco e ignoravi le ragazze, mentre loro parlavano molto di te. Ti guardavo un giorno che c'era un vento forte che ti buttava i capelli sulla fronte, tu con la mano cercavi di rimetterli a posto e la tua fronte, il tuo viso in quel momento mi sembrarono così dolci. Feci il paragone con mio marito... e da quel momento cominciai ad
amarti."
Quando andai al corso del sindacato a Tirana, se lei avesse conosciuto i miei pensieri, a prescindere dall'espressione del mio volto, "Anche lui è come gli altri" avrebbe pensato. Adesso che ero riuscito ad iscrivermi a quel corso pensavo: "Posso costruirmi il mio futuro con più sicurezza, ma mi devo dimenticare certe cose e certe altre nasconderle. La mia relazione con Valbona per esempio, se vengono a saperlo al Comitato sindacale, non solo mi cacciano dal corso, ma mi mandano ai lavori forzati!". Allora Valbona era d'ostacolo alla mia possibile carriera. Mi giustificavo pensando che quella relazione era solo carnale. Che stupido che ero diventato! Una piccola scintilla e sognavo il successo. Mi comportavo con prudenza. Ma a cosa mi portò la prudenza? Allora la pensavo diversamente. Da Tirana tornavo nei fine settimana e trovavamo sempre un momento per vederci. A volte lei non poteva. Un giorno incontrai il segretario del Comitato sindacale che mi disse: "Salve Luli, come va? Mi hanno informato che al corso sei molto bravo, ma te non ti vedo bene... " mentre parlava sorrideva sotto i baffi. "Troveremo un altro momento per parlare noi due. Adesso vado che mi aspettano ad un'assemblea."
Stavo andando all'appuntamento con Valbona. Rinunciai. La paura serpeggiava dentro di me. La paura di essere scoperto. "Non per niente lui mi ha detto Non ti vedo bene" pensavo. "Lui se ne frega della mia salute, ma ci tiene molto all'immagine morale. Se lo viene a scoprire, addio futuro. Le relazioni possono essere consentite ai pezzi grossi, non a me." Quel fine settimana non la incontrai. Rimasi a Tirana per tutto il mese. Avevo deciso di interrompere con lei. Bastava che io non mi facessi vivo. Ecco, tutto qui. Era comportarsi da vigliacco, sì, ma così non avrei dovuto dare spiegazioni.
Alla fine mi decisi di andare al paese, ma rimasi tappato in casa tutto il tempo. La domenica pomeriggio ero pronto a ripartire, quando venne mia cugina, cogliendomi alla sprovvista. Non ero tranquillo. Decisi di non parlare di Valbona. Quando stava per uscire da casa mia, mi disse: "Mi ha mandato qui Valbona. "Se non gli interesso, non dirgli niente" mi ha raccomandato." Cominciarono i rimorsi. Il cuore mi batteva forte, al ritmo del suo nome. Nonostante tutto, lei continuava ad amarmi. Misi da parte la valigia e uscii, deciso ad incontrarla per un'ultima volta. La cercai al mercato e intorno alla sua casa, ma non la vidi. Deluso tornai a casa, ricordando la nostra storia. Lei si era data a me con tanto amore e mi aveva fatto felice e io? Mi stavo dimostrando un vile. Presi l'ultimo treno e partii. Il corso finì e io ritornai al paese. Non erano passati molti giorni, quando la vidi in strada. Veniva da casa sua. La guardai, lei si voltò dall'altra parte e passò senza dire niente. Tremai. Il cuore mi batteva forte e sentii un groppo alla gola. Io l'avevo amata.
L'amavo ancora. Sentivo un dolore trafiggermi l'anima. Sul suo sopracciglio destro avevo intravisto sotto il foulard un cerotto. Quell'idiota l'aveva picchiata ancora! Per tutto il giorno non riuscii a togliermelo dalla mente. Mi dispiaceva per Valbona, ma il nostro amore era senza via d'uscita. In qualunque modo fossero andate le cose, sarebbe finita un giorno!
Non so, ma forse allora ho pensato seriamente all'amore e al matrimonio e quando penso a Valbona, mi duole, come per una persona cara che non rivedrò mai più."

Testo tratto dal Libro Racconti della Terra Dimenticata di Çlirim Muça Alba Libri Editore


Da oltre il mare... il Grido. Dai paesaggi dell'Albania a quelli universali dell'anima, dall'angoscia esistenziale di stile muchiano alla ricomposizione interiore, alla ricerca della serenità con i mezzi formali della poesia e l'inesinguibile senso di appartenenza alla comunità di coloro che vogliono lottare perché l'utopia, non più tale, sappia mutare il mondo. L'itinerario di Çlirim Muça è stato ricco e tortuoso, dal suo villaggio oltreadriatico alle strade di Milano, dalla clandestinità sociale alla ricerca dell'espressione letteraria più pura e cristallina.

Alberto Figliolia   Poesie tratte dal libro Da Oltre il Mare di Çlirim Muça Alba Libri Editore 


Il CLANDESTINO

Si leggeva la paura nei suoi occhi.
Come una gazzella nella savana,
era assalito dal suo destino.
Salì su un camion pieno
di carne macellata,
la carne viva,
da clandestino.
In mano a gente senza scrupoli
e scrupolose burocrazie, il viaggio.
Il suo destino lo precedeva,
effimero e incerto,
come una nuvola di passaggio.

Çlirim Muça


I NAUFRAGHI

Il volto bruciato dal sole hanno i naufraghi,
gli occhi incavati.
Vanno incontro al destino nella traversata.
Il loro "SOS" è un grido nel vuoto,
rivolto a un cielo spietato.
Fra una preghiera e l'altra
la falce della morte fa il suo lavoro.
Chi si salva si sente rinato
nella stessa valle di lacrime.

Çlirim Muça


LE LUCI DELLA CITTA' STRANIERA

Le luci delle vetrine,
le luci delle strade,
le luci dei semafori,
le luci delle macchine,
ai quattro orizzonti luci!
Mi abbaglieranno queste luci!
Perché io sono diventato delicato e sensibile,
perché io adesso ho spento ogni luce.
Le luci della nostalgia,
le luci dell'amore,
le luci dei ricordi,
buio, buio nel cuore.
Ancora un po' e sarò accecato
dalle luci della città straniera.

Çlirim Muça


ILLEGALITA'

Mi fa tremare
la sirena della macchina della polizia.

Il mio passato?
Una miseria.
Mi sentivo sicuro come un tronco.

Il mio presente?
Foglie d'autunno
davanti al fischio del vento.

Il mio futuro?
Oh, come mi fa tremare
la sirena della macchina della polizia.

Çlirim Muça


IL RINNOVO DEL PERMESSO

Il freddo ci pungeva senza pietà.
Stavamo in piedi come cavalli,
aspettando il nostro turno.
L'unica inafferrabile bellezza,
l'infiammarsi dell'Aurora,
l'amore incondizionato del Sole.
Mentre la città dormiva,
noi, gli esclusi, la raccoglievamo nel cuore,
spostando il peso da un piede all'altro,
i sogni da una parte, i problemi dall'altra.
La stanchezza vinceva su tutto.
Il nostro dignitoso silenzio era umano,
il trattamento a noi riservato, bestiale.
Si aprì una porta, si distribuirono i numeri:
"Voialtri tornate domani!"
Si dimentica tutto nella vita,
ma quell'infiammarsi dell'Aurora,
non si dimenticherà facilmente.

Çlirim Muça


LA TUA MANCANZA

Poche cose bastano
per essere felice, amore.
Un tuo sorriso,
un tuo sguardo,
un tuo saluto
con un leggero cenno della testa.
Senza ricordare poi
i tuoi baci,
che cancellano il passato.

Il passato!
Quante volte lo ricordo.
Non posso trattenere le lacrime
nei miei occhi
vuoti
senza te.

Çlirim Muça
 


LA MIA INFANZIA

Come un treno d'altra epoca
è passata la mia infanzia,
avvolta nei vapori del tempo.
Da me partono i binari
che si perdono nel verde degli anni.
Con un fazzoletto di ricordi
sventolo i miei addii.

Dove vai carico d'innocenza,
o treno d'amore con due luci fatue?
Ci rincontreremo
all'ultima stazione,
di nuovo insieme in un ultimo viaggio,
verso l'eterno.

Çlirim Muça


NEANCHE UN'ESISTENZA

La mia anima è come una città
costruita sulle rovine,
i muri antichi e i nuovi palazzi
convivono.
Non sono passate orde di barbari,
soltanto brucianti passioni.
Non sono trascorsi millenni,
neanche un'esistenza
e ho fatto e disfatto
come s'addice all'uomo

Çlirim Muça


L'ULTIMA LUCE

Come nei pomeriggi d'autunno,
con i raggi del sole fra le foglie dorate,
mi siederò in giardino
ad ascoltare il silenzio,
a godere il tramonto,
l'ultima luce della sera,
prima dell'alzarsi del freddo vento,
che mi trapasserà il cuore ingiallito,
come una foglia che cade.

Çlirim Muça 


LE TARME DEL TEMPO

Sentire lo scricchiolio
mentre regna indisturbata la notte,
sogni e incubi scacciano il sonno,
come un coniglio bianco
nel buio più nero.
Al cantar degli uccelli,
all'infiammarsi del cielo,
quando i raggi del sole
irrompono sui tetti,
scopri:
le tarme del tempo
hanno consumato le travi del pensiero.
La mano tremula si riempie di polvere
e pensi alla cattiva qualità
della materia
per scoprire, poi,
che sono intaccate
anche le travi portanti.
Rimediare vorresti
e infili un nuovo pensiero,
ma il sole è passato dall'altra parte del cielo
e t'incammini nella quiete del paesaggio,
dove la luce muore all'imbrunire.

Çlirim Muça 


SOLO CON LA MIA POESIA

Scrivo per arrivare ai cuori della gente
e finisco per trovarmi solo.
Né più amici per dividere la gioia,
né più amore cui dedicare i versi.
Mi sento una barca in tempesta,
più cerco di raggiungere la riva,
più le onde mi portano lontano.
È questo il mio destino?

Cerco d'abbracciare l'umanità
e mi trovo solo con il mio desiderio.
Se non scrivo soffro,
più soffro e più scrivo.
La mia poesia è un concentrato di dolore,
che mi fa chinare verso la terra
ogni giorno di più.

Si scioglierà per sempre
con me nella polvere.

Çlirim Muça 


 

Linea_sfumata1C4.gif (2795 byte)

daimonew.jpg (8097 byte)

Linea_sfumata1C4.gif (2795 byte)

 Diamante_rosso7253.gif (591 byte) Sommario    Diamante_rosso7253.gif (591 byte)  Indice Autori   Diamante_rosso7253.gif (591 byte)  Home page   Diamante_rosso7253.gif (591 byte)  Join Us On Facebook   Diamante_rosso7253.gif (591 byte)  Join Us On Twitter

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

     Copyleft © 1997 - 2020  by  WWW.DAIMON.ORG  and  CARL WILLIAM BROWN

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)


colorarr.gif (690 byte) Daimon Club colorarr.gif (690 byte) Daimon People colorarr.gif (690 byte) Daimon Arts colorarr.gif (690 byte) Daimon News colorarr.gif (690 byte) Daimon Magik
colorarr.gif (690 byte) Daimon Guide colorarr.gif (690 byte) DaimonLibrary colorarr.gif (690 byte) Daimon Humor colorarr.gif (690 byte) Links Exchange colorarr.gif (690 byte) C. W. Brown

librarybann.gif (6877 byte)

ordinabanner.gif (5058 byte)

daimongreenbanner2.jpg (10917 byte)

Visitus.gif (19125 byte)

website tracking