DAIMON ARTS AND POETRY

librarybann.gif (6877 byte)
 

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Ricerca personalizzata

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Diamante_rosso320.gif (591 byte) Poesie Famose   Diamante_rosso320.gif (591 byte)  Altre Poesie   Diamante_rosso320.gif (591 byte)  Poesie Umoristiche   Diamante_rosso320.gif (591 byte)  Poems Books

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Questa sezione della Daimon Library sarà dedicata alla poesia e alle arti letterarie; per intenderci non che le altre arti verranno snobbate, anzi, ma dobbiamo chiarire subito che non esiste alcuna manifestazione artistica senza poesia nel suo DNA, non potevamo quindi dimenticarci della sublime musa e visto che sono già in troppi infatti a non tenerla in debita considerazione, dobbiamo ancora dire che nessuno può essere considerato un artista senza essere nel suo intimo un poeta. La poesia del resto anche per Platone non è pratica della ragione, ma è quasi una forma di delirio, di religione, di illusione. Il tardo Platone delle leggi giungerà persino a proporre una serie di norme restrittive e censorie dell'attività dei poeti, applicazioni che non servono ai nostri giorni dove è il mercato a occuparsi di fare in modo che la poesia rimanga ai margini della società. In effetti la poesia suscita una certa tristezza ed una certa inquietudine che mal si adattano alle moderne e tecnologiche paure di fine millennio. Forse perché come diceva Leopardi la poesia per essere tale deve suscitare qualcosa di lontano, quindi deve essere necessariamente melanconica e nostalgica, proprio perché la felicità è sempre o passata o futura, ma mai presente. Ecco forse perché l'uomo contemporaneo che invece vorrebbe essere felice ora e subito non la gradisce molto.

Come ribadirò in varie sezioni di questo sito, anche i personaggi più famosi tra qualche anno saranno morti e nessuno più si ricorderà di loro. C'è dunque una sola via per dare un senso alla propria memoria ed appunto quella di considerare maggiormente la poesia e la voce dei letterati. Dobbiamo dare spazio alla loro creatività ed unirci a loro, facendo sentire i loro lamenti. La poesia è certamente una forma di religione e di illusione, proprio questo pensava anche Matthew Arnold, soprattutto quando crede di poter, come si auspicava il Leopardi stesso nella Ginestra, creare tra gli uomini una forma di solidarietà e di amore. Purtroppo invece la poesia diventa triste e scomoda proprio perché non fa altro che rivelarci la tremenda solitudine dell'uomo, e la fugacità di quelle cose che solamente gli possono arrecare un po' di sollievo in questo difficile cammino che è la vita umana. La poesia insomma non riesce a scalfire quello che anche per Kant è il male più grande dell'uomo, l'egoismo intrinseco della specie e spesso non fa altro che rivelare a chi la frequenta la terribile solitudine dell'artista, il tragico dolore dell'uomo e le enormi difficoltà di comunicazione tra gli esseri viventi. E' in definitiva quasi sempre un disperato tentativo di comunicare che si perde negli sterminati e gelidi silenzi dell'universo.

In ogni caso, comunque la pensiate, c'è da aggiungere che scrivere poesie non è assolutamente facile e per di più come riteneva Coleridge nessuno è mai stato un grande poeta senza essere nello stesso tempo anche un grande filosofo, e quindi è chiaro che il compito si fa sempre più arduo. Ma noi che ci sentiamo un po' folli, e R. Burton ci conforta rammentandoci che tutti i poeti sono pazzi, crediamo di poter scorgere nella poesia, che del resto a volte si può benissimo identificare con la prosa, come ci ha insegnato T. Mann, una forma d'arte che si avvicina ai nostri intenti e che comunque rimane un utile e divertente esercizio della parola e dell'intelletto. Inoltre si spera che come sostenne in un suo discorso R. Kennedy la poesia aiuti l'uomo, quando il potere lo spinge all'arroganza, a ricordarsi i suoi limiti, e lo aiuti altresì a purificarsi dalle sue malefatte, dai suoi abusi, dalle sue meschinità e ipocrisie. Siamo dunque proprio nell'ambito delle illusioni, ma non è detto. La poesia, come la letteratura in generale, deve spingere anche all'azione, dev'essere un'opera pragmatica e civile, con intenti che possono senz'altro essere anche politici e sociali. Per questo talvolta la poesia diventa anche umoristica e satirica e aiuta i nostri ideali repressi ad uscire allo scoperto e a gridare parole di protesta, dandoci al tempo stesso il conforto della fantasia, della risata, e del buon umore che cerca di vendicarsi per tutti i torti e le ingiustizie subite.  Alla fine sarà poi vera gloria, ai sempre più esigui lettori  l'ardua sentenza.  

In questa sezione comunque riporteremo alcune delle poesie più significative, per gli autori ovviamente, cercando di mescolare opere magari tristi e melanconiche con lavori un po' più allegri e disincantati scelti da tutte le epoche letterarie e da ogni parte del mondo. Vi è poi un'altra sezione in cui sono riportate alcune poesie di autori meno noti, ma non per questo meno artistiche, che per un motivo o per l'altro sono venuti direttamente in contatto con i curatori del sito e specialmente con Carl William Brown, il quale vi ricorda inoltre che se anche voi nutrite una certa passione per la poesia potete segnalare alcuni siti interessanti o addirittura potreste inviare  alcune delle vostre creazioni per vederle poi pubblicate proprio in questo spazio. A questo punto chiudo questa breve introduzione e vi auguro una buona lettura.


  smallbot.gif (578 byte)  SCRIVI NEL NOSTRO FORUM   smallbot.gif (578 byte)   VARIOUS DAIMON ESSAYS 


L'ARTE DELLA LETTERATURA

La letteratura è sicuramente una delle arti dalle potenzialità più provocatorie; con il linguaggio infatti possiamo dire ogni cosa e spesso le parole non fanno altro che rappresentare nelle nostre menti tutto lo squallore della stupida umanità. La letteratura può inoltre migliorare le nostre azioni, purché non rimanga solo uno sterile e indecente esercizio retorico di poveri accademici, di editori miserabili o di critici inconsapevoli. La vera letteratura nasce come ogni forma di vera arte dal dolore e dal disagio, viceversa potrà anche essere grande, ma non avrà la profondità dell'umana sofferenza che cerca invano di mitigare il suo viaggio con la speranza di un amore vero e fantastico tra tutti gli uomini che pagano un caro prezzo per alloggiare su questa stanca terra e che perciò talvolta preferiscono andarsene, anche se magari non proprio in silenzio.

Così si esprime Natsume Soseki: " Se si usa la ragione il carattere s'inasprisce, se si immergono i remi nel sentimento si e' travolti. Se s'impone il proprio volere ci si sente a disagio. E' comunque difficile vivere nel mondo degli uomini. Quando il malessere d'abitarvi si aggrava, si desidera traslocare in un luogo in cui la vita sia piu' facile. Quando si intuisce che abitare e' arduo, ovunque ci si trasferisca, inizia la poesia, nasce la pittura. " , e la protesta, la rivolta, la ribellione, lo sfogo, l'urlo, la fede, la compassione.

Alcuni giorni prima del Natale 1997 nel villaggio di Acteal, nel Chiapas, alcuni gruppi paramilitari, (gli eserciti nascono sempre dalla misera instabilità dell'umanità) simpatizzanti del partito di governo hanno interrotto una funzione cui assisteva una folla di profughi e hanno sparato nel mucchio. All'ospedale Salubridad di San Cristobal de Las Casas c'è una bimba di quattro anni che sta morendo con il cranio fracassato da una pallottola dum-dum, altri quattro bambini si lamentano dalle brandine, uno con un braccio distrutto da un'esplosione, un altro con il collo perforato, un terzo con la faccia sfregiata dalle pallottole. Quarantacinque persone inermi sono morte e altre ventidue sono rimaste gravemente ferite. I poliziotti erano lì a duecento metri, e non sono intervenuti. Questa azione è stata effettuata per colpire le mamme, i cuochi, le infermiere, i figli, insomma le basi di questa rivoluzione da poveri che da anni insaguina il paese.

Il triste evento nella mente del letterato finisce dove inizia il suo urlo di protesta, il suo sfogo senza luogo né tempo, indirizzato al cuore del potere e della stupida e umana inconsistenza. Non sempre il delitto è una forma d'arte, e non sempre le frasi provocatorie della letteratura sono aspre e senza senso. Soprattutto quando sono rivolte verso l'ipocrisia e l'indifferenza di un'umanità lontana, assonnata, ingorda, insensibile, stupida, atrocemente perbenista e schifosamente anche se geneticamente egoista e materialista. Contro questa umanità si scagliano imperiture e ammonitrici le parole dell'arte, della filosofia e della letteratura:

"Ch'io mi volga indietro a guardarti. O tu, muraglia che ricingi quei lupi, sprofonda nella terra e non proteggere più Atene! Diventate incontinenti, matrone! L'obbedienza sparisca nei fanciulli! Schiavi e pazzi, strappate i grinzosi senatori dai loro seggi e amministrate le leggi in loro vece! In pubbliche bagasce mutatevi all'istante, fresche virginità! Fatelo sotto gli occhi dei vostri genitori! Voi, falliti, tenete duro, e invece di pagare, fuori i coltelli e tagliate la gola dei vostri creditori! Servi giurati, rubate! I vostri austeri padroni sono ladri a man bassa e saccheggiano in nome della legge. E tu serva, va' nel letto del padrone, poiché la tua signora è di bordello. Figlio sedicenne, strappa la gruccia imbottita del tuo vecchio padre zoppicante e con essa spaccagli il cervello! Pietà, timore, devozione agli dei, pace giustizia, verità, domestica reverenza, riposo notturno, buon vicinato, cultura, costumi, arti e mestieri, gerarchie, riti, consuetudini e leggi, decadete nei vostri deleteri opposti, e solo viva il caos! Pestilenze che colpite gli uomini, ammassate le vostre potenti e infette febbri su Atene, matura alla rovina! E tu, fredda sciatica, storpia i nostri senatori, così che lussuria e libidine, nel cuore e nel midollo della nostra gioventù, in dissolutezza! Rogne e pustole, disseminatevi sul petto degli Ateniesi e la loro mèsse sia una lebbra universale! L'alito infetti l'alito, sì che la loro società, come la loro amicizia, sia solo veleno! Da te voglio portar via nient'altro che nudità, o città detestabile! Prendi anche questa con innumerevoli maledizioni! Timone se n'andrà nelle foreste dove troverà bestie selvagge molto più miti dell'uman genere. Confondano gli dei (uditemi voi tutti. buoni dèi!) gli ateniesi, dentro e fuori queste mura! E concedano che con la vita di Timone cresca anche il suo odio per tutta la razza degli uomini, grandi e umili! Amen.

William Shakespeare dal Timone d'Atene (e se Atene non fosse altro che un mondo in miniatura?)

L'associazione di idee è alla base della creazione letteraria e non solo, anche la psicanalisi infatti e persino la scienza si basano su questa procedura psichica. Il linguaggio figurale e metaforico traggono così le loro migliori creazioni da queste capriole delle nostre sinapsi e talvolta ne scaturiscono delle storielle molto brillanti e significative, è il caso del breve passo che riportiamo, tratto dal Dizionario Filosofico di Voltarie, un filosofo francese del periodo illuminista.
" I siriani immaginarono che l’uomo e la donna , creati nel quarto cielo, si azzardarono a mangiare una focaccia, invece dell’ambrosia, che era il loro cibo naturale. L’ambrosia si esalava attraverso i pori; mentre, dopo aver mangiato la focaccia, bisognava andare al cesso. L’uomo e la donna pregarono un angelo d’insegnar loro dove si trovasse detto luogo. Vedete, disse l’angelo, quel piccolissimo pianeta laggiù, a circa sessanta milioni di leghe da qui? E’ il gabinetto dell’universo; andateci subito. essi ci andarono, e ci restarono. E da allora il nostro mondo è quel che è."
Se dobbiamo dunque dar fiducia alla creatività del grande e famoso inventore di uno dei più divertenti romanzi filosofici di tutti i tempi, ovvero Candido o dell'ottimismo, a quanto pare ci ritroviamo a vivere nella merda, ma in fondo in fondo non dobbiamo avere grossi motivi per lamentarci, dopotutto il classico prodotto è un ottimo fertilizzante! Soprattutto per la nostra stupidità! E allora cosa fare? Semplice, dobbiamo dare spazio alla nostra creatività, alla nostra solidarietà, alla nostra umanità e dobbiamo far sentire la nostra voce contro la ridondanza della più stupida e capitalistica vanità! Tra alcuni anni nessuno di noi sarà ancora su questa terra ed è proprio per questo che dobbiamo lasciare in eredità delle idee creative, poetiche, amicali, fraterne e geniali. Viceversa tra poco tempo nessuno più saprà che siamo esistiti. Vi invito pertanto a leggere il nostro lascito, il testamento di Carl William Brown ed il nostro statuto e ad unirvi a noi. Ma forse sto parlando solo al vento, forse voi non esistete neanche! E se esistete, fate sentire la vostra voce scrivendo nel nostro forum!

Carl William Brown and the Daimon Club

 

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

smallbot.gif (578 byte)  Sommario    smallbot.gif (578 byte)  Cerca Libri    smallbot.gif (578 byte)  Join Us on Facebook   smallbot.gif (578 byte)  Join Us on Twitter   smallbot.gif (578 byte)  Area Riservata

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

     Copyleft © 1997 - 2020  by  WWW.DAIMON.ORG  and  CARL WILLIAM BROWN

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

votaci.gif (11517 byte)


colorarr.gif (690 byte) Daimon Club colorarr.gif (690 byte) Daimon People colorarr.gif (690 byte) Daimon Arts colorarr.gif (690 byte) Daimon News colorarr.gif (690 byte) Daimon Magik
colorarr.gif (690 byte) Daimon Guide colorarr.gif (690 byte) DaimonLibrary colorarr.gif (690 byte) Daimon Humor colorarr.gif (690 byte) Links Exchange colorarr.gif (690 byte) C. W. Brown

website tracking