POESIE UMORISTICHE E NON

librarybann.gif (6877 byte)
 

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

PE02045A.gif (2715 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

CERCA IN TUTTO IL SITO DEL DAIMON CLUB


Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Come abbiamo già sostenuto nella sezione poetica del Daimon Art e come continueremo a sostenere qui e anche nelle grande Daimon Library per noi vale sempre e comunque la dichiarazione di Rimbaud, il quale ripetendo una concezione piuttosto consolidata della poesia affermava: "Il poeta si fa veggente attraverso un lungo, immenso e ragionato disordine di tutti i sensi. Tutte le forme d'amore, di sofferenza, di follia; cerca se stesso, esaurisce in sé tutti i veleni, per conservarne soltanto la quintessenza. Ineffabile tortura nella quale ha bisogno di tutta la fede, di tutta la forza sovrumana, nella quale diventa il grande infermo, il grande criminale, il grande maledetto - e il sommo sapiente !  "

Il poeta è pertanto assimilabile al grande sciamano, al supremo interprete dell'universo, tanto che per M. Arnold la letteratura e la poesia non sono altro che la vera forma di epsressione della religione. Dunque il poeta viene talvolta paragonato al folle, proprio perché il suo modo di esprimersi non viene inteso dalla gente comune e perché d'altro canto in genere non è molto rispettoso nei confronti del potere. Il poeta trasforma la nostra essenza, i nostri desideri, le nostre ansie, le nostre paure, le nostre rimostranze in un grande sogno onirico, soltanto che nel fare questo egli rimane perfettamente sveglio e desto! Quello che per la gente ordinaria è infatti possibile soltanto durante il sonno, per il poeta è possibile in ogni momento della giornata. Dunque anche il nonsense ed il caos dell'assurdo talvolta sono celebrati nelle poesie, tanto da risultare dei veri e propri divertimenti linguistici, come ci ricordano per esempio le limericks inglesi di Edward Lear, che offrono di sicuro un serio effetto umoristico.

La poesia del resto anche per Platone non è pratica della ragione, ma è quasi una forma di delirio, di religione, di illusione. Il tardo Platone delle leggi giungerà persino a proporre una serie di norme restrittive e censorie dell'attività dei poeti, applicazioni che non servono ai nostri giorni dove è il mercato a occuparsi di fare in modo che la poesia rimanga ai margini della società. In effetti la poesia suscita una certa tristezza ed una certa inquietudine che mal si adattano alle moderne e tecnologiche paure di fine millennio. Forse perché come diceva Leopardi la poesia per essere tale deve suscitare qualcosa di lontano, quindi deve essere necessariamente melanconica e nostalgica, proprio perché la felicità è sempre o passata o futura, ma mai presente. Ecco forse perché l'uomo contemporaneo che invece vorrebbe essere felice ora e subito non la gradisce molto.

Certo la poesia a volte diventa triste e scomoda proprio perché non fa altro che rivelarci la tremenda solitudine dell'uomo, e la fugacità di quelle cose che solamente gli possono arrecare un po' di sollievo in questo difficile cammino che è la vita umana. La poesia insomma non riesce a scalfire quello che anche per Kant è il male più grande dell'uomo, l'egoismo intrinseco della specie e spesso non fa altro che rivelare a chi la frequenta la terribile solitudine dell'artista, il tragico dolore dell'uomo e le enormi difficoltà di comunicazione tra gli esseri viventi. E' in definitiva quasi sempre un disperato tentativo di condivisione che si perde negli sterminati e gelidi silenzi dell'universo, ma, per riprendere e parafrasare ancora Lamb, in ogni caso il suo tentativo è uno di quelli più altamente umani e significati.

La poesia in ogni caso, come riteneva Coleridge, è del tutto simile alla filosofia e quindi deve anch'essa insegnarci a morire attraverso le grandi invenzioni dell'intelletto e del linguaggio, solo così infatti potremo meglio gustare il fatto di essere ancora vivi, anche se moribondi. La poesia inoltre essendo in genere una forma di espressione breve se riesce a trattare nel giusto modo certi argomenti si avvicina enormemente allo stile aforistico e sfruttando al meglio tutte le potenzialità retoriche della parola riesce spesso anche a farci divertire. Per questo dunque in questa sezione cercheremo di raccogliere una serie di poesie che per un motivo o per l'altro possano aiutarci ad affrontare la vita in una forma più gioiosa, serena e scanzonata, ma nache più critica!

In pratica, unendo lo spirito di amore e morte presente in tutta la poesia romantica e non solo alla grande melanconia elegiaca della tradizione classica, mescolando poi il tutto con una sana indignazione satirica e burlesca e ad uno spietato e logico buon senso riuscieremo così ad ottenere delle vere e proprie poesie velate di genialità e di un certo umorismo nero. Di sicuro il compito non sarà facile, ma ad assisterci avremo un grande spirito dell'oltretomba che ci verrà in soccorso, di tanto in tanto uscirà dalla fatidica grotta degli indovini per confortarci e consigliarci, pertanto è con una grandissima stima e simpatia che non indugiamo oltre ed accogliamo salutando e ringraziando colui che è ben più di un giullare, vale a dire il maestoso erede del becchino, scortato dal suo inevitabile spirito immortale!

Se poi per esempio alcuni poeti come l'Aretino fanno del sesso un oggetto di riso, secondo la grande tradizione romana e greca, Carl William Brown fa della metafora del "fottetevi" (vedi il sito www.fottetevi.com ) un grido di allarme e di protesta destinato a coinvolgere la stupida autorità dell'umana vanità. Infine, sempre prendendo spunto dagli scritti poetici dell'Aretino che talvolta risultano essere poco chiari, non devono però mai farci dimenticare la lampante evidenza della nostra poco limpida coscienza.

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Indice Barzellette        Indice Aforismi        Indice Generale        Home Page

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)


PREGHIERA PER L'UMORISMO

Dàmmi una buona digestione, Signore,
e anche qualcosa da digerire.
Dàmmi la salute del corpo, Signore,
con il buon senso che occorre per conservarla.
Dàmmi un'anima sana, Signore,
che conservi ciò che è buono e puro davanti agli occhi,
così che, vedendo il peccato, non si spaventi,
ma trovi il modo di raddrizzare la situazione.
Donami un'anima che non conosce la noia,
che ignori le mormorazioni, le lamentele ed i sospiri,
e non permettere che io mi dia troppe preoccupazioni
per quella cosa ingombrante che io chiamo "Io".
Donami il senso dell'umorismo, Signore,
donami la grazia di saper capire una barzelletta,
affinché io tragga qualche gioia dalla vita
e ne faccia partecipi gli altri.

Thomas More


L'INNO DEL CORPO SCIOLTO

E questo è l'inno
del corpo sciolto
lo può cantare solo chi caca di molto
se vi stupite la reazione è strana
perchè cacare soprattutto è cosa umana.
Noi ci svegliamo e dalla mattina
il corpo sogna la latrina
le membra posano in mezzo all'orto
e questo è l'inno, l'inno sì, del corpo sciolto.
Ci hanno detto vili, brutti e schifosi
ma son soltanto degli stitici invidiosi
ma il corpo è lieto, lo sguardo è puro
noi siamo quelli che hanno cacato di sicuro.
Pulirsi il culo dà gioie infinite
con fogli di zucca di bietola o di vite
quindi cacate perchè è dimostrato
ci si pulisce il culo dopo aver cacato.
Evviva i cessi, sian benedetti
evviva i bagni le toilettes e i gabinetti,
evviva i campi da concimare
viva la merda e chi ha voglia di cacare.
Il bello nostro è che ci si incazza parecchio,
ci si calma solo dopo averne fatta un secchio.
La vogliam reggere per una stagione
e con la merda poi fare la rivoluzione.
Pieni di merda andremo a lavorare
poi tutto a un tratto si fa quello che ci pare
e chi dice te fai questo o quello,
gli cachiamo addosso e lo copriam fino al cervello.
Cacone merdone stronzone puzzone
la merda che mi scappa si spappa su di te!!!

Roberto Benigni


NEBBIA E MISTERI

Scendi fitta nebbia fedele,
avvolgi i nostri dolori
e nascondi i nostri amori;
posati dolcemente
su campi e città,
inonda le strade e
fa si che l'uomo
non veda più i suoi simili,
trasforma i desideri
da falsi in sinceri e magari
fa si che si riempiano
un po' anche i cimiteri.

L'erede del Becchino


SONETTO DEL BUCO DEL CULO

Bruno ed increspato come un garofano viola
respira, umilmente rannicchiato tra il muschio,
umido ancora d'amore, che segue il dolce pendio
delle natiche bianche fino all'estremo dell'orlo.
Filamenti simili a lacrime di latte
hanno pianto al vento crudele che le respinge
attraverso piccoli ciottoli di fanghiglia fulva
per andarsene là dove il pendio le chiamava.
La mia bocca si accoppia alla sua ventosa.
La mia anima, gelosa del coito materiale,
ne fa il suo fulvo lacrimatoio e il suo nido singhiozzante.
E' l'ulivo stordito e il flauto carezzevole,
è il tubo in cui discende la celeste pralina
chanaan femminile nel dischiuso umore.


Paul Verlaine


FOTTIAMOCI

Fottiamoci, anima mia, fottiamoci presto,
poiché tutti per fotter nati siamo;
e se tu 'l cazzo adori, io la potta amo,
e saria 'l mondo un cazzo senza questo.

E se post mortem fotter fosse onesto,
direi: tanto fottiam, che ci muoiamo;
e di là fotterem Eva e Adamo,
che trovarno il morir sì disonesto.

Veramente egli è ver, che se i furfanti
non mangiavan quel frutto traditore,
io so che si sfoiavano gli amanti.

Ma lasciam'ir le ciancie, e sino al core
ficcami il cazzo, e fà che mi si schianti
l'anima, ch'in sul cazzo hor nasce hor more;

e se possibil fore,
non mi tener della potta anche i coglioni,
d'ogni piacer fortuni testimoni.

Pietro Aretino


DUBBIO XXVII

Suor Maria la lussuria avea nel sesso
e volendo la carne lacerare,
prese un cazzo di vetro d'un commesso
e con la potta cominciò a scherzare;
ma spinta dal furore a un colp'istesso
volendo tutto dentro farlo entrare,
le si ruppe la potta e 'l cul che è peggio.
Utrum se per far bene fe' sacrilegio

Pietro Aretino

 


RISOLUZIONE XXVII

Di medicina il principe Galeno
dice che nell'interne infiammazioni
si deve col trar sangue ridur meno
nel paziente le molestazioni;
onde se per smorzar la rabbia appieno,
che sturbar la potea dall'orazioni,
suor Marta si sbregò 'l cul e la potta,
sacrilega non fu, ma divotta.

Pietro Aretino

 


ALL'UNIVERSITA', MA VA A CAGA'

Color che hanno cagato esultino festanti
procedendo nella vita con il cazzo sempre avanti!
Di questo sacro loco giammai nulla si perda,
ciò che ci diede la scienza restituiamo in merda;
in questo luogo che di merda è asilo
feci uno stronzo che pesava un chilo.
Il mio culo per la gioia, di cagare non la smette:
quest'oggi, finalmente, ho preso ventisette;
chi prende all'esame ventisette si metta un
tappo tra le chiappe e poi le tenga strette;
per prendere ventotto occorre perlomeno
avere il culo rotto; chi prende ventinove,
dal culo rotto scagazza come un bove;
chi invece prende trenta nel cul piglia
pannocchie e qui caga polenta;
e chi la lode ha pure meritato,
il culo al professore avrà di certo dato!

Anonimo

 


ODE ALLE V.U. (Vagine Utili)

E' ben noto che la speme
a morir non e' mai prima
e' anche noto che a noi membri,
piace molto la Vagina ;
da codeste due espressioni
dell' umano cogitare
scaturisce un sol pensiero
"Abbiam voglia di trombare"

(Copyright PitoPito 1999)

 

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Diamante_rosso7253.gif (991 byte)   Pagina Successiva   Diamante_rosso7253.gif (991 byte)  Narrativa Comica  

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

daimonew.jpg (8097 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Indice Barzellette        Indice Aforismi        Indice Generale        Home Page

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

dcshobanmov.gif (14871 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

     Copyleft © 1997 - 2020  by  WWW.DAIMON.ORG  and  CARL WILLIAM BROWN

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Daimonecobanner.gif (22169 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

 colorfrec1.gif (483 byte) Daimon Club  colorfrec1.gif (483 byte) Daimon People  colorfrec1.gif (483 byte) Daimon Arts  colorfrec1.gif (483 byte) Daimon News  colorfrec1.gif (483 byte) Daimon Magik
 colorfrec1.gif (483 byte) Daimon Guide  colorfrec1.gif (483 byte) Daimon Library  colorfrec1.gif (483 byte) C.W. Brown  colorfrec1.gif (483 byte) Links Exchange  colorfrec1.gif (483 byte) Daimon Humor

Linea_sfumata1C4.gif (2795 byte)

Daimbanlink.jpg (8751 byte)website tracking