website tracking

BARZELLETTE  E MOTTI DI SPIRITO

SUI GENITALI MASCHILI



Indice Aforismi

 Indice barzellette

Sommario

Citazioni Varie


CERCA IN TUTTO

IL SITO UMORISTICO



TR00260A.gif (2515 byte)



BARZELLETTE E MOTTI DI SPIRITO

SUI GENITALI MASCHILI


Un ragazzo possiede un organo sessuale molto lungo, ma ha l'handicap di essere balbuziente, il che gli rende difficile abbordare le ragazze. Un giorno non ne puo' piu' e decide di fare qualche cosa per cui va dal dottore: "Aaaappena aaaapro la bobobocca le dooonne fufuggono!...nonon popotro' mamai seservirmi di queeeello di cui Dio mimi ha dodotato!". E il dottore: "Non e' grave. Voi conoscete senza dubbio il rapporto fra corde vocali e organo sessuale. Bastera' con una piccola
operazione tagliare il pene e la voce tornera' normale". Dopo l'intervento effettivamente il ragazzo non balbetta piu', ma una settimana dopo ritorna dal dottore per lamentarsi: "Dottore, e' orribile. Ora con quello che mi resta non posso fare grandi cose. Potreste rendermi il pene lungo come prima?". E il dottore: "Tr...Tr... Troppo ta...tardi!".


Una signora di Molinella (ridente localita' vicino a Bologna) denuncia la scomparsa del marito alla locale Stazione dei Carabinieri. Iniziano la ricerche ma sono infruttuose sino a che, dopo un mese, viene trovato il cadavere di un uomo nel fiume. Il maresciallo chiama la signora per il riconoscimento. Il corpo e' quasi irriconoscibile vista la lunga permanenza in acqua. Il maresciallo scopre la testa dell'uomo e chiede alla signora se e' suo marito. La signora: "No, sono sicura, non
e' mio marito". Il maresciallo le consiglia pero' di guardare meglio per essere sicura e cosi' scopre il cadavere fino alla cintola. Ma la signora: "No, no, mio marito era diverso". "Ma e' proprio sicura? Forse sarebbe meglio che lei guardasse anche le parti intime" e scopre il cadavere completamente. E la signora: "Adesso sono proprio sicura che non e' mio marito, anzi, le diro' di piu', questo non e' neanche di Molinella!".


Un contadino sta arando il proprio campo quando un disco volante atterra proprio davanti a lui. Paralizzato dalla paura, il contadino assiste alla discesa dell'omino verde con le antenne che, appena toccato terra, si cala i pantaloni e si srotola un coso incredibilmente lungo. Srotola e srotola, alla fine arriva in fondo, lo impugna alla base e, roteandolo come una frusta, comincia a colpire il contadino che, sempre piu' impietrito, non reagisce. PIM, PUM, SCIAC... il marziano continua a colpire. Alla fine smette, ri-arrotola il suo aggeggio, risale sul disco volante e se ne va, lasciando il contadino pesto e sanguinante. Dopo un paio d'ore, riavutosi dallo shock, questi rientra in casa e la moglie, vedendolo cosi', urla: "Oddio, che ti e' successo?!?!?!". E lui: "Niente, cara: cazzate!!! "


Luca e' afflitto da un problema: un pisello di 60 cm. Cio' gli impedisce di avere regolari rapporti con le ragazze. Gira il mondo ma nessun dottore e' in grado di risolvere il problema. Un giorno viene a sapere dell' esistenza di un posto dove esiste uno stagno con una rana magica. Basta chiederle "Vuoi uscire con me?" e la sua risposta fa accorciare il pisello. Luca allora si reca in cerca dello stagno con la rana e quando la trova le chiede: "Vuoi uscire con me?". "No!" risponde la rana. E subito Luca sente qualcosa, torna in albergo, misura, e, miracolo, il suo pisello misura 50 cm. Luca pensa "Pero', non c' e' dubbio, certo non sono ancora normale, ci debbo ritornare !". E cosi' fa: "Rana, vuoi uscire con me ?". "No!" risponde la rana. Anche questa volta Luca avverte qualcosa, e in albergo misura il pene: 40 cm. Pensa "Finalmente, ci siamo, altro che dottori, sono normale ! Pero' quasi quasi ... un pelo piu' piccolo, ma si', ci ritorno". E allo stagno: "Ciao, vuoi uscire con me ?". "No, No, No e No !!!".


Un tedesco molto tirchio e' in vacanza in Italia e desideroso di amore mercenario va in cerca di una puttana. Ma il prezzo e' troppo alto per lui finche' non capita in una vecchia megera che accetta per 5.000 lire. Giorni dopo il tedesco si sveglia con un gran prurito in sede genitale e preoccupato va dal dottore che gli diagnostica delle piattole. Il tedesco gli chiede: "Cosa essere piattole?". E il dottore: "Sono dei piccoli animali...". Il tedesco incazzato come una belva torna dalla puttana e le rinfaccia: "Tu mi avere attaccato piccoli animali...". E la puttana: "Ma, insomma, per 5.000 lire cosa volevi che ti attaccassi, degli elefanti?!?".


John, Brian, and Amanpreet sono seduti nel porticato bevendo una fresca bevanda e parlando delle loro mogli. "Sapete, ragazzi, mia moglie e' cosi' stupida che e' andata al supermercato e ha comprato un apparecchio per l'aria condizionata! Beh, noi non abbiamo la corrente elettrica!". Gli altri due ridono di gusto e il secondo dice: "Questo e' niente. Mia moglie e' andata anch'essa al supermercato e ha comprato una lavatrice. Ma noi non abbiamo l'acqua corrente!". Tutti ridono a crepapelle, poi il terzo dice: "Beh, mia moglie e' ancora piu' stupida, ragazzi! Ieri cercavo qualche dollaro nella sua borsetta per andare a giocare a poker. Pensate, ho trovato 6 o 7 preservativi... e a che le servono se non c'ha neppure il cazzo!"


Due ragazzini a scuola sentono la parola pene mentre giocano in cortile. Uno chiede all'altro se sa cosa sia il pene, ma il ragazzino non lo sa e si ripromette di chiederlo al papa' appena torna a casa. Dopo pranzo, il piccolo chiede al padre "Papa', cosa e' un pene?". Suo padre risponde: "Figlio mio, invece di dirtelo, te lo mostro". Cosi' vanno nel bagno e il padre s'abbassa i calzoni dicendo: "Figlio, questo e' un pene, anzi e' un pene perfetto". Il giorno dopo a scuola il ragazzo ritrova l'amico e vanno al bagno insieme. Si abbassa i calzoni e dice: "Vedi questo? E' un pene... anzi se fosse stato cinque centimetri piu' corto, sarebbe stato un pene perfetto".


Un gruppo di bambini della terza, quarta e quinta elementare sono accompagnati da due maestre al locale ippodromo per imparare qualcosa sul mondo dei cavalli. Durante il giro alcuni dei bambini decidono di andare alle toilettes per cui viene deciso che le bambine sono accompagnate da una delle maestre, mentre i maschietti dall'altra. Dopo un po' le maestre escono e aspettano fuori, ma poco dopo uno dei maschietti esce dalla toilette e dice alla maestra che alcuni compagni non riescono ad arrivare all'urinatorio. Non avendo altra scelta la maestra entra e comincia ad issare i piccoli ragazzini prendendoli per le braccia uno ad uno. Ma giunto all'ultimo cerca di alzarlo senza riuscirci, notando pero' che e' ben dotato per un ragazzino di scuola elementare. "Io credo che tu sia della quinta..." lei comincia a dire. Ma lui subito: "No madam, io sono della settima, corro su Silver Arrow. Comunque grazie per l'elevazione!".


Un tipo va dal dottore per un dolore al pene. Il dottore dopo averlo visitato dice: "Sono spiacente, ma dobbiamo amputarlo e trapiantarne uno nuovo, solo che al momento non e' disponibile". Dopo averlo operato gli mette in modo provvisorio un pene di legno. Il tipo tutto soddisfatto esce dall'ambulatorio, prende il pulman e va a casa. Il giorno dopo torna dal dottore, spiegando che mentre faceva la doccia gli era cresciuta dell'erba sulla cappella. Allora il dottore lo opera di nuovo e al posto del pene di legno ne mette uno in ferro. Il tipo piu' soddisfatto di prima esce, sale sul pulman e va a casa. Il giorno dopo torna dal dottore mostrandogli il pene tutto arrugginito. Allora il dottore gli dice: "Guardi, ne mettiamo uno di vetro, pero' deve fare molta attenzione perchŽ essendo di vetro e' molto delicato". Il tipo accetta e dopo essere nuovamente operato esce dall'ambulatorio, sale sul pulman e facendosi spazio con le mani dice ad alta voce: "LARGO LARGO, NON MI ROMPETE IL CAZZO..."


Una coppia di sposini giapponesi scelgono di andare a Venezia per il loro viaggio di nozze, durante il quale consumeranno la loro prima volta. Giunti in laguna, si recano subito all'albergo da loro scelto. Sono nella loro stanza e mentre il marito impaziente disfa le valigie la mogliettina si fa una doccia, si profuma per bene e si distende trepidante sul letto. Quindi anche il marito, finito con le valigie, si fa la doccia si profuma ed indossato un accappatoio rientra nella camera da letto. Appena entrato, guarda la sua venere con desiderio, si slaccia l'accappatoio e, mostrando orgoglioso i suoi attributi, urla: "Banzai!!!". La sposina butta l'occhio sul basso ventre del marito e con tono deluso: "Heeeee, banzai.... vorrai dire "bonsai!!"


Bepi e' andato in pensione, ormai ha 65 anni e tutti lo considerano un amabile vecchietto. Un giorno va a trovare l'amico Toni che e' proprietario di un distributore di benzina. Questi lo convince a venire a lavorare alla pompa per arrotondare la pensione. Una mattina arriva una fiammante Ferrari rossa decapotabile con alla guida una splendida bionda che lo chiama: "Ehi, vecchietto, mi fa il pieno per favore...". Bepi a sentirsi chiamare "vecchietto" ci rimane male, vorrebbe rispondere per le rime, ma l'amico Toni lo calma e gli dice che con le clienti deve avere pazienza. Bepi pur fremendo si trattiene e fa il pieno alla bionda. Il giorno dopo la storia si ripete. Arriva la bionda che lo chiama: "Ehi, vecchietto, mi fa il pieno". Bepi e' furibondo, ma Toni riesce a calmarlo". La bionda parte salutandolo: "Grazie vecchietto" e sgomma via. Il giorno dopo Bepi vede arrivare la Ferrari e la bionda e decide di fargliela pagare, tra se' e se' mormora "ora le faccio io vedere il vecchietto". Bepi le si avvicina, mette la pompa della benzina nel serbatoio, si slaccia i pantaloni della tuta e si piazza davanti alla bionda mostrandosi con le gambe aperte: "Ta taaa... guarda qui il vecchietto". La bionda lo guarda ed esclama: "Gia' che c'e' con quella pelle di daino mi da' una pulita ai vetri?".


Un bambino a scuola sente parlare tutto il giorno di cazzo, sempre cazzo, allora appena arriva a casa dal padre, e subito gli domanda cosa sia questo cazzo. Il padre tirandosi gi le braghe, risponde: "Questo  un cazzo, anzi un signor cazzo". Allora il bambino tutto felice torna a scuola, e subito si vanta con gli amichetti di sapere cos' il cazzo; subito i bambini gli chiedono di spiegarglielo e allora lui si tira gi le braghe, e dice: "Questo  un cazzo, e se fosse pi piccolo sarebbe un Signor cazzo!". 


Studio del pene. Nel 1993 il governo americano ha stanziato un fondo per studiare il motivo per cui il cappellino del pene sia piu' largo dell'asta (denotando la famosa forma alla cappello da vigile del fuoco, o pompierino). Dopo un anno e 180.000 dollari e' arrivato alla conclusione che siffatta morfologia sia finalizzata a dare all'uomo maggiore piacere sessuale. Dopo la pubblicazione dello studio del governo americano, il governo francese ha deciso di stanziare un fondo finalizzato alla stessa ricerca. Dopo tre anni e 250.000 dollari e' arrivato alla conclusione che siffatta morfologia sia finalizzata a dare alla donna maggiore piacere sessuale. Il governo polacco (i polacchi all'estero sono sempre presi per i fondelli, esempi massimi di stupidita'), insoddisfatto ha condotto il proprio studio. Dopo due settimane e 74 dollari e' arrivato alla conclusione che siffatta morfologia sia finalizzata a "fondo corsa" della mano, per impedire che questa venga scagliata con violenza sull'occhio o sul naso.


Un palco e' montato in piazza Venezia. Davanti, una moltitudine festante inneggia al Duce, che sta terminando il suo discorso. "Mi avete forse preso per un incapace?". "Noooooooo" risponde compatta la folla. Nel frattempo, il Duce scende di qualche gradino, poi si ferma. "Mi avete forse preso per un visionario?". "Noooooooo". Ancora un paio di gradini, finch giunge a livello del pubblico in visibilio. "Mi avete preso per un cretino?". "Noooooooo" urla ancora la folla. Lo prendono di peso e lo sollevano festanti. "Mi avete preso per un coglione?". "Noooooooo". "Mi avete preso per un coglione!". "Noooooooo". "Mi avete preso per un coglione!!". "Noooooooo". "Mi avete preso per un coglione!!!". "Noooooooo".


Un giorno una signora entra in un negozio di borse e comincia a chiedere al commesso il prezzo di alcune borse. Ne vede una molto grande: "Quanto costa questa?". "500.000 lire, sa... e' una borsa molto grande". Prendendone una piu' piccola: "E questa?". "300.000 lire". Un'altra ancora piu' piccola: "E questa ?". "250.000". Poi ne vede una piccola come un portafoglio e pensando che il prezzo vada in proporzione alla grandezza chiede: "E questa quanto costa?". "900.000 lire". "Ma come, una borsa cosi' piccola costa piu' di quelle grandi?". "Eh, signora, questa e' una borsa di pelle di cazzo, con una carezza diventa un baule!"


Un giorno il cervello, il cuore ed il pene si presentano all'ufficio dove si fa la richiesta di pensione. L'impiegato allora comincia: "Cervello si alzi e spieghi perchŽ vuole andare in pensione". E il cervello: "Sa, alla mia eta' comincio a non riuscire piu' a coordinare i movimenti del corpo, poi mi dimentico facilmente delle cose, etc....". "Cuore si alzi e spieghi perchŽ vuole andare in pensione". E il cuore: "Non riesco piu' a mantenere il ritmo, mi affatico subito, etc...". "Pene si alzi e spieghi perchŽ vuole andare in pensione". E il pene: "Ma le pare che se potessi ancora alzarmi chiederei la pensione!". (In realta' il pene e' quello che merita di piu' la pensione, perchŽ e' quello che ha versato di piu'...).


Una suora mentre e' in viaggio rimane in panne con l'auto. Si incammina e a un certo punto trova un convento, e chiede di essere ospitata per la notte. Durante la notte il frate che le aveva aperto il portone si introduce nella sua stanza e passano insieme una notte di fuoco. Il giorno dopo la suora va via, ma non dimentica l'esperienza vissuta. Dopo alcuni mesi, desiderosa di fare un po' di sesso, fa finta di essere rimasta di nuovo in panne con l'auto e bussa alla porta del convento: "Buongiorno, sono rimasta in panne con l'auto, e' gia' successo un'altra volta e mi ha ospitato un frate alto e biondo". Il frate che le ha aperto e' pero' un altro: "Mi dispiace, ma in questo convento siamo tutti alti e biondi". La suora: "Il frate che mi ha aperto aveva la barba". Il frate: "Mi dispiace ma in questo convento tutti abbiamo la barba". La suora: "Senta, il frate che mi ha aperto aveva un cazzo lungo 28 cm". E il frate allora: "Ah, quello e' padre Gesualdo, di 28 ce n'e' uno, tutti gli altri ne han 31".


Tre nani discutono ad un angolo della strada. Il primo dice agli altri: "Io penso di avere le mani piu' piccole del mondo, guardate come sono piccole". Il secondo gli risponde: "Per me, sono i miei piedi, osservate come sono piccoli. Non ci puo' essere persona al mondo con dei piedi piu' piccoli". Il terzo rincalza: "Per me, e' il mio pene, e' minuscolo!". Il primo suggerisce allora ai due compari: "Smettiamo di lamentarci e, piuttosto, cerchiamo di essere intelligenti e di trarre profitto dai nostri difetti: andiamo a farci omologare al Guinness dei primati, ciascuno di noi ne ricevera' una super notorieta'". Presto detto, presto fatto. Gli altri due accettano immediatamente, entusiasti, e tutti e tre partono per l'edificio dei Guinness. Poco dopo arrivano davanti alle porte dell'immobile, e il primo dice: "Io entro, aspettatemi". Esce 5 minuti piu' tardi con il sorriso sulle labbra: "Adesso e' confermato per iscritto, ho le mani piu' piccole del mondo!". Il secondo a sua volta entra e ne esce poco dopo, tutto gongolante: "E' confermato anche per me, ho i piedi piu' piccoli del mondo". Il terzo entra a sua volta ed esce, 5 minuti piu' tardi, con gli occhi pieni di lacrime e furioso. Gli altri due, stupefatti, si affrettano a interrogarlo, e lui, incazzato, risponde: "Porca troia, ma chi cazzo e' VINCENT VEGA?!?!?" [si puo' sostituire questo nome con uno a vostra scelta] 


Una ragazza che sta per sposarsi, tutta indaffarata per i preparativi del matrimonio, chiede alla madre di comprarle una lunga, sexy camicia da notte nera per la sua prima notte. La madre si dimentica e, all'ultimo momento, corre nel negozietto sotto casa, ma l'unica cosa che riesce a trovare e' un corto pigiamino rosa da bambina. La madre lo compra ugualmente e lo infila in valigia sotto a tutto il resto per non farlo vedere alla figlia. La prima notte di nozze lo sposo, un pochino nervoso, dice alla moglie: "Ora vado in bagno a prepararmi. Ma tu devi promettermi di non sbirciare!!". La moglie promette e, eccitatissima, cerca la camicia da notte comprata dalla madre. Quando vede il pigiamino, esclama con disappunto: "Oh no!! E' corto, piccolo e rosa!!". E lo sposo, dal bagno: "Mi avevi promesso di non sbirciare!!".


Un tipo ha occasione di vedere il pisello di un suo amico negro e rimane sbalordito dalle dimensioni. Preso dall'invidia gli chiede: "Ma com'eÕ che voi negri ce l'avete cosi' lungo? ". "Mah, mi ricordo che mia madre, quando ero piccolo e giravo nudo, mi appendeva un peso sulla punta, forse sara' per quello... ". "BELLO!!! Ora ci provo anche io". Tempo dopo si rivedono e il nero gli chiede: "Allora come va col peso?". "Bene bene, ho ottenuto meta' del risultato... ". "Come META' ? ". "Beh... per ora e' diventato nero... ".


Una vecchietta camminava per la strada trascinando due enormi borse di plastica piene di immondizia. Una delle borse aveva un buco e ogni tanto usciva un biglietto da 20 euro. Vedendo ci˜ un poliziotto ferma la vecchietta e le dice: "Signora, dalla sua borsa escono dei biglietti a 20 euro". "Oh, grazie di avermi avvisato. Torno subito a raccoglierli". "Un momento – dice il poliziotto – Lei dove ha trovato tutti questi soldi? Li ha rubati?". "No – dice la vecchietta – il terreno dietro a casa mia confina con il parcheggio dello stadio e tutte le volte che cՏ una partita i tifosi vengono a urinare, prima di entrare o uscire dallo stadio. Si mettono davanti agli arbusti che danno su casa mia e urinano sui miei fiori appena seminati. Cos“ io mi metto dietro agli arbusti con una grande forbice in mano, e tutte le volte che uno si mette davanti agli arbusti per urinare io gli dico: 'Dammi 20 euro o te lo taglio' . "Buona idea – dice il poliziotto - e buona fortuna. Ma che cosa ha nellÕaltra borsa?". "Vede – dice la vecchietta – Non tutti pagano!"


Il signor Peppino decide di comperare alla moglie un bellissimo ferro da stiro professionale. Entra in un negozio, ma spaventato dal prezzo decide di rubarlo. Il commesso lo scopre e gli dice: "Ehi tu, cosa stai rubando?". "No niente solo un ferro da stiro!". "Bravo, ma se vuoi portartelo via, devi portartelo via legato al cazzo!". L'uomo, dopo tanti sforzi, riesce a portarlo sino all'uscita del locale ed il commesso: "Bravo hai vinto, e' tuo". A casa per mesi e mesi non ha rapporti con la moglie, e si limita a rinchiudersi in una camera da solo. La moglie, una notte entra in questa camera e vedendo il marito in piedi davanti allo specchio, vicino al lettino con su una serie di pesi da 5 Kg, 10, 20, 30, 40... e gli chiede: "Cosa fai, sempre qui?". " Stai zitta, mi sto allenando, gli voglio fregare un frigorifero..."


Una donna, esasperata dall'ennesima scappatella del marito, una sera prende il pene del consorte, lo recide e lo butta fuori dalla finestra. Di sotto sta passando un'automobile in cui ci sono un padre ed una figlia di 10 anni e naturalmente il pene va a cadere proprio sul parabrezza dalla parte della bambina. Qui il pene resta un attimo, e poi vola via lontano. Sorpresa, la figlia domanda al padre: "Papa', che cos'era?". Il padre, per non spiegare cosa fosse veramente, le dice: "Oh, era un insetto, mia cara, una specie molto rara". La bambina rimane perplessa e dopo qualche secondo esclama: "Qualunque razza fosse... aveva un bel pisello!".


Una signora chiede a un commesso di un negozio di stoffa 3 metri di stoffa colore verde. Il commesso porta alla signora la stoffa, ma la signora: "Lo vorrei piu' verde, c'e'?". Il commesso sale su una scala e porta un'altra pezza di stoffa, e la signora: "Potrei vedere il verde bottiglia?". Stesso procedimento, stesso risultato. La signora: "c'e' qualcosa verde mare?". Il commesso incomincia ad innervosirsi, ma porta il verde mare alla signora e lei: "Avete qualcosa sul pisello?". E il commesso:" A signò, sul pisello no... ma sotto!!! Ho due palle cosi'".


Un ragazzo riceve la lettera per partire militare. Inorridito all'idea di dover fare il militare corre dal suo medico pregandolo di trovargli una qualsiasi ragione medica per evitare tale partenza. E il dottore: "Mi dispiace, ma non riesco a trovare nessuna ragione valida di tipo medico per evitare il vostro servizio militare... In effetti. la sola cosa che potrebbe funzionare sarebbe castrarti, ma mi sembra un po' eccessivo". E il tizio: "No, dottore, sono disposto a tutto pur di evitare il servizio militare!!". "Come volete, venite domani nel mio ambulatorio chirurgico e provvedero' alla castrazione totale". Dopo l'operazione il ragazzo si presenta alla visita di leva, e, finita l'accurata visita, il dottore sentenzia: "Mi dispiace, caro giovane, ma lei e' riformato... (e mentre il ragazzo sorride) per piedi piatti!"


Una formosa fanciulla, con minigonna vertiginosa, calze a rete e tacchi a spillo, entra in un sex shop e chiede con un po' di imbarazzo al commesso un ... cazzo finto. Il commesso le indica le scale mobili e le dice di andare al secondo piano. La donna sale le scale e trova un cartello con la scritta: "cazzi piccoli". Chiede della dimensione piu' grande e un commesso le indica le scale mobili verso il terzo piano. La donna sale al terzo piano e sul corridoio trova il solito cartello: "cazzi medi". Pensa sconsolata: "Ma quanti piani mi tocchera' salire per trovare un cazzo decente?". E sale al quarto piano, laddove trova il cartello con su scritto: "cazzi grossi". Sta per comprarne uno quando vede una piccola scala a chiocciola che sale al piano superiore. Incuriosita dal fatto che le scale proseguono, decide di salire al quinto piano. Sale le scale e arrivata sul solaio legge il cartello: "Ma se po' sape' CHE CAZZO VUOI???".


Un tizio vuol morire facendosi trapanare da un uomo da parte a parte. Allora promette a chiunque ci riesca, una lauta ricompensa! Arriva il primo, un tedesco... 25 cm... prende la rincorsa... tum! Non muore! Il secondo, uno spagnolo... 33 cm... prende la rincorsa... tum! Non muore! Il terzo, un africano... 41 cm... prende la rincorsa... tum! Non muore! Il quarto, dall'isola di Cal“... 3 cm! Tutti lo fischiano, pensando che non possa fare nulla con un cos“ piccolo calibro! Prende la rincorsa... TUM!!! Muore! E tutti: "Ooh, ma come hai fatto!?". Lui, sorridendo, appoggia una mano alla spalla, distende il braccio, e canta: "Nel paese di Cal“, un centimetro  cos“!". (tinmartin)


 Dick, sergente dei Marines, finalmente in licenza, si reca in un famoso casino e chiede di una donna. La tenutaria gli fa scegliere la donna che più gli piace e appena sono in camera questa si
spoglia e si sdraia sul letto, mentre il sergente Dick si mette nudo sull'attenti dinanzi a lei e le dice: "Il mio nome è Sergente Dick. Sono nel glorioso corpo dei Marines da 30 anni e sono il padrone della mia mente e del mio corpo. Se io dico "DICK, AT-TENTI!!" immediatamente il mio pene si fa eretto". E in effetti così succede. La puttana è molto meravigliata e gli chiede come ciò possa succedere. E il sergente Dick di nuovo replica: "Sono un Marines da 30 anni e sono il padrone della mia mente e del mio corpo. Se dico "DICK, RI-POSO!!" il mio pene subito diviene flaccido". E infatti così succede. La puttana è ancora più meravigliata e chiede una nuova dimostrazione. Il sergente Dick dice: "DICK, AT-TENTI!!" e il pene si rizza. Poi dice: "RI-POSO!!", ma questa
volta il pene non si affloscia. Prova e riprova, ma niente da fare. Allora il sergente Dick comincia a masturbarsi vigorosamente. La puttana gli urla: "Ma che diavolo stai facendo?". E il sergente: "Questo soldato ha disubbidito ad un ordine superiore ed io lo sto punendo obbligandolo ad una ritirata disonorevole!"


BARZELLETTE SUL SESSO



Indice Aforismi

 Indice barzellette

Sommario

Massime e Proverbi



Daimon Club    Daimon People

Daimon Arts    Daimon News

Daimon Magik    Daimon Guide

Daimon Library    C.W. Brown

Banner Links    Daimon Humor



Follow us on Facebook

Follow us on Twitter

Follow our blogs

Follow us on Instagram

Follow us on Pinterest

Follow us on Tumblr



  Copyleft © 1997-2020  www.daimon.org  C.W. Brown