BARZELLETTE SU PIERINO

Sponsored Links and Publicity


 

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

SO00850A.gif (1566 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Ricerca personalizzata

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Indice Barzellette        Indice Aforismi        Indice Generale        Home Page

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

In salotto, insieme alla mamma di Pierino ci sono le signore piu' importanti del quartiere, Pierino entrando esclama: -Mamma, mamma devo pisciare! La mamma non appena le donne se ne sono andate richiama il figlio e gli raccomanda di non essere piu' cosi' maleducato, semmai in futuro usi il verbo fischiare piuttosto che pisciare. Durante la notte Pierino si sveglia e fa al padre: -Papa', papa', devo fischiare. -E tu mi svegli nel cuore della notte per dirmi che devi fischiare? Dormi su! Dopo qualche attimo si sente nuovamente il bambino: -Papa', papa', devo fischiare! -E va bene ma fischia piano qua' nell'orecchio di papa'...
 

C'era una volta Pierino, Pierina e la madre. Un giorno la madre disse:<<Pierino e Pierina perchè non andate a giocare in giardino?>>. E loro risposero:<<Va bene>>. Dopo qualche minuto di gioco si sente Pierino che chiede a sua sorella:<<Pierina me la prendi una mela che io non mi posso arrampicare?>> <<Va bene!>> Rispose Pierina. Ritornati a casa pierina raccontò alla madre quello che era successo e la madre rispose:<<Cretina, era una scusa per guardarti le mutande!>>. Il giorno dopo la madre disse di nuovo a i due ragazzi:<<Pierino e Pierina perchè non andate a giocare di nuovo in giardino?>>. E loro risposero:<<Ok mamma!>>. In giardino risuccesse lo stesso episodio del giorno prima. Ritornati a casa Pierina raccontò di nuovo quello che successe in giardino e la madre rispose:<<Cretina, era una scusa per guardarti le mutande!>>. E Pierina rispose:<<Ma mamma, io le mutande non le avevo!!!>>>.


Il Maestro assegna a Pierino questa tema "La cosa più bella". Pierino svolge il tema con poche parole:"Per me la cosa più bella è quella che hanno davanti le donne". Indignato il Maestro dice a Pierino: "vai a casa e domani fatti accompagnare dal babbo.Il giorno dopo Pierino torna a scuola da solo. Il Maestro allora gli chiede: "e tuo padre perchè non è venuto?" "Perchè mio padre" - risponde Pierino - "ha detto che con i finocchi non ci parla".


Pierino, in macchina col padre, passando per la periferia della città vede delle mignotte. "Papà, cosa fanno quelle signore per la strada?" Il padre, imbarazzato: "Regalano...la felicità se tu le paghi." Per nulla soddisfatto dalla risposta, il giorno dopo Pierino si avvicina a una delle baldraccone, chiedendole se è vero quanto gli ha detto il papà. Piuttosto sorpresa, la professionista lo porta a casa sua e gli prepara pane e nutella, che Pierino mangia con grande contentezza. La sera torna a casa e dice al padre: "Papà, sai che sono andato dalle donnine che ti danno la felicità?" "Cosa??? Cos'hai fatto??" "Sì...beh...le prime due ancora ancora...ma la terza ho dovuto leccarla tutta!!"


A scuola un giorno la maestra spiega ai bambini il significato della parola "comunque". Al termine invita i bambini a scrivere un pensierino con la parola comunque. Ogni bambino scrive il pensierino e la maestra è soddisfatta del suo lavoro.Giunto il turno di Pierino la maestra legge:Mia sorella è entrata in bagno, il suo fidanzato la ha seguita in bagno, allora io sono andato a curiosare dal buco della serratura ed ho visto mia sorella che si toglieva i vestiti, ma pure il fidanzato si toglieva i vestiti..... comunque, non hanno fatto nessun bisognino.
 


E' il primo giorno di scuola. il maestro chiama Pierino e gli dice: "Ascoltami bene, io non amo far tante parole!" "anche a me non piace" risponde Pierino. "facciamo così, allora: quando io ti faccio un cenno alzando la mano e indicandoti, tu ti alzi e vieni subito qui, hai capito?" "Sì che ho capito!però quando io scuoto la testa vuol dire che non ne ho voglia e quindi non vengo!"
 


Il maestro dice ai suoi alunni di stare buoni per alcuni minuti perchè è stato chiamato dal preside.Quando ritorna sente un puzzo tremendo e scopre che qualcuno ha fatto un bisogno dietro la lavagna. <Ora ognuno di voi passerà dietro la lavagna e il colpevole scriverà il suo nome.Se lo farà gli prometto di non punirlo!>I bambini cominciano a passare uno per volta e alla fine il maestro va dietro la lavagna e vede in terra un altro...bisogno,guarda la lavagna e vi trova scritto:< Il cacatore misterioso ha colpito ancora!>
 


La maestra ha chiesto agli alunni di portare ognuno qualcosa che riguardi la medicina, per la lezione di oggi. "anna, cos'hai portato?" "la cassettina del pronto soccorso" "bene, e tu marco, che hai"? "il bisturi di mio zio che fa il chirurgo" "bene"....poi la maestra vede pierino a braccia conserte con il banco completamente vuoto: "pierino, tu?" "sig.ra maestra, quello che ho portato non entrava in classe, cosi' l'ho lasciato nel corridoio" "e cosa hai portato???" la maestra esce dall'aula e nel corridoio vede un enorme cilindro metallico...un polmone d'acciaio!* la maestra, preoccupata: "pierino, ma chi te l'ha dato?" "mio nonno, sig.ra maestra...." "tuo nonno???? e che ti ha detto?" "AAAARGHHHH....."
 


Un giorno la madre di Pierino chiede al figlio:"Pierino, mi vai a comprare una scatola di supposte?" E lui "Va bene, mamma". Nello stesso momento il padre gli chiede:"Pierino, visto che esci, compra anche una scatola di proiettili per il mio fucile" e lui "Va bene papà". Quando torna però, egli scambia le due scatole, sicchè da al padre la scatola di supposte e alla madre quella di proiettili. Il giorno dopo Pierino chiede al padre."Papà, come è andata la caccia?" e il padre sconsolato:"Male, quando sparavo i proiettili si sono sciolti". Dopo chiede alla madre:"Com'è andata con le supposte?" e lei:"Beh, che ti devo dire, quando ho scureggiato ho ammazzato il gatto!"
 


Pierino a scuola ascolta di nascosto i bidelli che stanno facendo pesanti apprezzamenti su una professoressa.
Tornato a casa, pero', ha dei dubbi su alcuni termini che non ha capito: "Fica" e "Troia".
Va a chiedere informazioni alla mamma che pero' gli risponde che la Fica e' la femmina del Fico e che una Troia e' la femmina del maiale. Questa risposta lo lascia alquanto perplesso.
Allora pone la stessa domanda al papa', che ritenendolo ormai cresciuto, decide di raccontare a Pierino le prime verita' della vita: si arrampica sulla libreria, e tira fuori una copia nascosta di Play Boy, con un bel paginone centrale dedicato ad Alba Parietti. Poi con un pennarello traccia un cerchio sulla foto e dice: "Vedi questo cerchio? Quello che vedi all'interno viene comunemente chiamato "Fica". Pierino si illumina: i discorsi dei bidelli cominciano ad essere piu' chiari.
Gli rimane ancora la curiosita' di sapere cosa significhi "Troia". Il papa' allora gli spiega: "Bene. Tutto quello che vedi al di fuori del cerchio e' una Troia!"
 


Pierino torna a casa da scuola e chiede rivolgendosi al padre: "Papa', cosa mangiamo stasera?".
Ma il padre con gli occhi pieni di lacrime, sconsolato, si lancia in un pianto a dirotto. Allora va dal nonno e gli fa la stessa domanda: "Nonno, cosa c'e' stasera da mangiare?" e il nonno, come il padre, risponde con un pianto a dirotto e poi fugge dalla stanza. Allora Pierino corre dalla sorella facendo la stessa domanda, ma anche la risposta e' la stessa e la sorella si mette disperata a piangere e fugge dalla stanza. Ormai sull'orlo della disperazione Pierino, con le lacrime agli occhi, entra in cucina dove la madre sta cucinando e chiede: "Ma allora, mamma, cosa c'e' stasera da mangiare?".
"Lingua!".
 


La mamma di Pierino ha bisogno di un duplicato delle chiavi di casa: "Pierino corri in ferramenta a farmi la copia di queste chiavi, ma corri, fai in fretta, mi raccomando perche' mi servono subito". "Va bene - fa Pierino - vado e torno".
Passa un'ora.
La mamma si affaccia al balcone per vedere se Pierino torna, e lo vede che invece di affrettarsi se ne sta tranquillo a parlare con delle amichette sotto casa.
"Pierino, insomma! Le chiavi!".
"Ma no mamma, le ho appena conosciute!".
 


La maestra pone un quesito a Pierino: - Stai attento, su un albero ci sono dieci uccellini, un cacciatore spara uccidendone tre. Quanti uccellini rimangono sull'albero? - Nessuno signora maestra, perchè gli altri sette si spaventano e scappano. - No Pierino, gli altri sette restano fermi lì sull'albero, però il tuo modo di pensare mi piace. Allora Pierino dice: - Ora signora maestra le faccio io un indovinello. Su una panchina del parco ci sono tre donne che mangiano un gelato. Una lo morde, una lo succhia e l'altra lo lecca. Saprebbe dirmi quale di queste tre donne è sposata? La mestra ci pensa un attimo e poi risponde: - Mah, quella che lo succhia? - No signora maestra, quella che ha la fede al dito, ma il suo modo di pensare mi piace...
 


Una signora e' a passeggio col figlio. Incontrano una vicina, molto giovane e prosperosa. "Pierino, bacia la signora". "No, mamma". "Pierino, e' un ordine". "No, mamma". "Ma insomma, perche' non vuoi baciare la signora?". Perche' ci ha provato ieri papa', e si e' preso due sberle".
 


La maestra alla fine della giornata di scuola dice ai suoi alunni: "Per domani vi do un compito diverso dal solito.
Ognuno di voi domani portera' qualcosa di eccitante su cui discutere in classe".
Il giorno dopo i bambini arrivano ognuno con qualcosa di strano e la maestra li interroga ad uno ad uno.
Quando arriva il turno di Pierino questi si presenta con la sua bici.
La maestra allora gli chiede: "Scusa, Pierino, ma non capisco cosa ci sia di eccitante in una bici?".
E Pierino: "Questo non lo so, ma questa mattina mia sorella ha detto che aveva perso uno dei suoi cicli.
Allora il papa' ha avuto un attacco di cuore, la mamma e' svenuta, e il vicino di casa si e' sparato!".
 


Pierino chiede al padre: "Papa', che cosa vuol dire contemporaneamente ?". "Vedi Pierino, io non ho studiato, ma comunque provero' con parole mie a spiegarti il significato di questa parola; dunque, vediamo .... quanti anni hai tu, Pierino ?". "Ne ho nove, Papa' !". "Bene, allora devi sapere che 10 anni fa io sono partito per la Germania per andare a lavorare in fabbrica e ci sono rimasto tre anni". "Ma Papa'!, allora sei cornuto!". "Si', e contemporaneamente tu sei un figlio di puttana".
 


Pierino passegiando con la nonna vede 100 lire a terra:nonna nonna le posso prendere???quante volte te lo devo dire che le cose da teraa non si prendono. dopo 10 minuti:nonna 1000 lire ateraa posso??no dopo 5 minuti 2000 lire a terra:Posso??no dopo 20 minuti la nonna cade:Pierino dai dammi una mano,no nonna me lo dici sempre tu che le cose da terra non si prendono!!!!!!
 


Pierino è stato bocciato per l'ennesima volta all'esame... -Prof perfavore non può ancora rimandarmi a casa...mio padre mi ucciderà!!! Il prof allora :-Pierino....non potrei ma....va bene... vieni,in via eccezzionale, domani mattina alle 10 Pierino:-ehm.....professore io mica so dov'è qui a Milano via eccezzionale...
 


Pierino e suo fratello piu' grande sono il terrore del quartiere: ne combinano ogni giorno di tutti i colori.
La madre non ne puo' piu' finche' un giorno viene a sapere che e' arrivato nella parrocchia un nuovo prete con una buona fama di educatore.
La madre si confida con lui e il prete le dice di portargli Pierino per primo e da solo.
Il giorno dopo Pierino va dal prete e lo trova dietro una grande scrivania; lo fa sedere davanti a lui, lo fissa a lungo negli occhi e alla fine puntandogli un dito verso il viso gli chiede con tono autoritario: "Dov'e' Dio?".
Pierino si guarda attorno, ma non dice niente.
Il prete gli punta ancora il dito contro e grida piu' forte: "Dov'e' Dio?".
Stessa scena di prima, ma Pierino non dice nulla. Allora il prete si alza, sale sulla scrivania e con voce ancora piu' forte e puntando il dito sul naso di Pierino gli grida: "Dove' Dio?". Pierino questa volta e' preso dal panico e scappa a casa; sale in camera dal fratello e gli dice: "Stavolta siamo proprio nella merda!". Il fratello gli chiede perche' e Pierino: "Dio e' scomparso e nel quartiere pensano che siamo stati noi a rapirlo!"
 


La maestra ai ragazzi:"Fate un pensierino con la parolina forse"I ragazzi tornano a scuola e la maestra:"Giovanni dimmi il pensierino!" Giovanni"Se vado a scuola forse la mamma mi compra la bicicletta"La maestra"Pierino dimmi il pensierino"Pierino"Ieri sono andato in pineta con la mi sorella e il su ragazzo, dopo un po loro sono andati dietro un cespuglio, FORSE cacavano ma non ne son sicuro".
 


La mamma di pierino gli dice:"Vammi a comprare una maglia gialla ma nu gialla ma gialla gialla giallaaa.Pierino va al negozio e dice al negoziante:"Dammi una maglia gialla ma nu gialla ma gialla gialla giallaaa.Il negoziante gli fa vedere tutte le maglie gialle che tiene ma Pierino dice:"Questa e' troppo chiara, questatroppo scura , troppo brutta"e continua a parlare fino a quando il negoziante si scoccia e dice:" Pieri mo si nu t n vagl t rong nu cavc ngul ma nu ngul ma ngul ngul ngul!!!
 


Pierino va' dal babbo e gli dice... "papa' come arrivano i bambini?" il papa' risponde..."pierino li porta la cicogna..." Dopo nove mesi, Pierino ha una nuova sorellina... e torna dal padre e' dice... "papa' perche' la cicogna non si e' presentata a casa, quando ha portato la mia nuova sorellina"? -"Veramente,(risponde il papa' di pierino) non mi ero accorto neppure io della cicogna, e per questo che ho chiesto alla mamma il divorzio!!!!.
 


Il nonno chiede a pierino se gli conpra il viagra in farmacia con la promessa che gli avrebbe regalato 20.000 lire.... pierino accetta. il giorno dopo pierino trova ben 50.000 sul comodino e stupito chiede al nonno il quale dice :"" 20.000 sono mie... le altre 30.000 te le regala la nonna."
 


La maestra a scuola interroga per verificare l'acquisizione del verbo mescere da parte dei bambini. Maestra:"Carlo fammi una frase col verbo mescere..." Carlo:"La mamma mesce la polenta." Maestra:"Bravo, vedo che hai studiato!,ora Francesco,provaci tu." Francesco:"La mamma mesce il sugo." Maestra: "ok, va bene. Ora pierino, falla tu!" Pierino: "La mamma mi ha comperato le mutande larghe" Maestra: "E cosa centra col verbo mescere?" Pierino:"Eh... m'esce 'na palla!"


C'è Pierino che è con la mamma in un taxi. Ad un certo punto, Pierino chiede alla mamma. -Mamma, chi sono quelle donne sul muro? E la mamma risponde -Tesoro, stanno aspettando il tram- Ma il taxista interviene -Per carità signora, quelle sono puttane- Chiede Pierino -mamma, ma le puttane fanno i fligli- La mamma -Come no, altrimenti non ci sarebbero tassisti!
 


Pierina partecipa per la prima volta a un matrimonio. A un certo punto si volta verso la madre e le chiede sussurando "Perché la sposa è vestita di bianco?""Perché il bianco è il colore della felicità e oggi è il più bel giorno della sua vita" Pierina ci pensa un po' sopra, poi dice"Ma allora... perché lo sposo è vestito di nero?"
 


Dei genitori dovevano assolutamente recarsi ad una festa importante, ma non volevano lasciare solo in casa, il loro bambino tredicenne.
Cosi' chiamarono una baby-sitter, una bellissima diciassettenne bionda, abitante nei pressi.
Quando i genitori tornarono dalla festa e la baby-sitter fu congedata, il ragazzino, i cui appetiti sessuali erano stati soddisfatti in tutte le maniere, sbadiglio' felice, sorrise e languidamente disse: "Se voi due vecchi intendete farne un'abitudine, avro' bisogno di dormire il maggior tempo possibile!"
 


Una bambina entra in un negozio di giocattoli per comprare una Barbie, ma possiede solo 10.000 lire.
Allora chiede all'impiegato: "Quanto costa la Barbie Ballerina?".
"20.000 lire".
La bambina amareggiata chiede ancora: "E quanto costa la Barbie Impiegata?". "20.000 lire".
"E la Barbie maestra?".
"20.000 lire".
"E la Barbie contadina?".
"20.000 lire".
"E la Barbie Dizorziata?".
E l'impiegato: "Beh, quella costa 100.000 lire".
"Mah, signore, perche' mai la Barbie divorziata costa tanto?".
E il venditore: "Perche' si porta con se' la casa di Ken, l'auto di Ken, la barca di Ken..."
 


Un giorno Pierino torna a casa e chiede alla mamma: "Mamma, il nonno e' un meccanico?". La mamma perplessa per la domanda risponde: "Certo che no!". E Pierino ribatte: "E allora cosa ci fa sotto l'autobus?".
 


Pierino: "Mamma, quanto pesa il mio pisellino?". La mamma: "Pierino, tu sei piccolo, pesera' 2 etti!".
Pierino: "Mamma, quanto pesa quello di papa'?". Mamma: "UHH! tanto, tanto. Pensa, Pierino, che pesa cosi' tanto che non riusciamo, in due, a tirarlo su!" Pierino chiede al padre: "Papa', quando sono venuto al mondo, chi mi ha dato la mia intelligenza?". E il padre: "Certamente tua madre, perche' io c'ho ancora la mia".
 


La mamma di Pierino è incinta e promette al figlio di dargli una sorellina.Però quando torna dall'ospedale ha in braccio un maschietto. <Mi hai imbrogliato,mamma,mi avevi promesso una sorellina!> <Non è colpa mia,Pierino,ma è la cicogna che ci ha imbrogliati!> <Allora mamma cambia uccello!>

 

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Indice Barzellette        Indice Aforismi        Indice Generale        Home Page

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

daimonew.jpg (8097 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

dcshobanmov.gif (14871 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

     Copyleft © 1997 - 2020  by  WWW.DAIMON.ORG  and  CARL WILLIAM BROWN

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Daimonecobanner.gif (22169 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

colorfrec1.gif (483 byte) DaimonClub colorfrec1.gif (483 byte) DaimonPeople colorfrec1.gif (483 byte) DaimonArts colorfrec1.gif (483 byte) DaimonNews colorfrec1.gif (483 byte) DaimonMagik
colorfrec1.gif (483 byte) DaimonGuide colorfrec1.gif (483 byte) DaimonLibrary colorfrec1.gif (483 byte) C.W. Brown colorfrec1.gif (483 byte) Links Exchange colorfrec1.gif (483 byte) DaimonHumor

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Daimbanlink.jpg (8751 byte)

daimonologyban1.jpg (10828 byte)website tracking