Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

NOTIZIE DELLA PAGINA 13

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

 

121)  Volontariato in Italia 122)  Il Palio di Siena
123)  Ancora Prostituzione 124)  Sequestri e Gorilla
125)  La Questione Irlandese 126)  L'Alluvione in Cina
127)  Stipendi in Europa 128)  I Soldi della Chiesa
129)  Il Pianeta Giovani 130)  Gli Utenti di Internet

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

HH01520A.gif (1047 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Ricerca personalizzata

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

121) VOLONTARIATO IN ITALIA

In Italia il volontariato è molto diffuso e devo aggiungere che forse sarebbe ancora più diffuso se ci fosse più gente a poterlo fare invece di avere la necessità di doverne usufruire; ad ogni modo vediamo alcuni dati che riguardano il fenomeno. Vi sono in totale 12.556 associazioni, 3.500 cooperative sociali e 500 fondazioni. Le persone coinvolte in queste attività sono circa 3.700.000, in pratica il 9,2% della popolazione adulta. Ricordiamo inoltre che negli USA vi sono ben 2.000.000 di associazioni, mentre in Gran Bretagna sono 350.000, anche il Giappone però si difende con oltre 22.000 associazioni. In Italia il lavoro di questi volontari è a favore degli handiccappati per il 13%, degli anziani per il 12,5%, dei malati per l'11%, dei giovani per il 10%, dell'ambiente per il 7,5%, degli immigrati per il 6%, dei tossicodipendenti  per il 5,5%, delle ragazze madri per il 4%, dei malati di mente per il 4%, degli alcolisti per il 3,5%, dei nomadi e della prostituzione per il 3%, per i malati terminali per il 2,5%, per i detenuti per il 2,5%, per i sieropositivi per il 2%, e a favore di altre cose per il 13%. INDICE


122) IL PALIO DI SIENA

Il palio di Siena nasce intorno al 1230, infatti è del 1238 il primo documento in cui se ne parla ufficialmente. All'origine non si correva circolarmente in una pista ad anello, ma alla lunga, cioè su un rettilineo.   Il Palio si trasferì poi a Piazza del Campo nel 1600. Le contrade che vi partecipano sono le stesse che ritroviamo in un atto del 1546, vale a dire: Aquila, Bruco, Chiocciola, Civetta, Drago, Giraffa, Istrice, Leocorno, Lupa, Nicchio, Oca, Onda, Pantera, Selva, Tartuca, Torre, Valdimonte. Il palio si corre due volte l'anno: il 2 luglio e il 16 agosto e vi partecipano le 7 contrade che non hanno corso alla data corrispondente dell'anno precedente. Può anche capitare che una contrada non corra alcun palio durante l'anno. La contrada che non vince da più tempo è quella della Torre. Le regole attuali del palio sono fissate da un bando del 1721 e al vincitore infine va in premio un Palio, detto anche cencio o drappellone, che viene dipinto ogni volta da un artista diverso su commissione del Comune. INDICE


123) ANCORA PROSTITUZIONE

Nell'estate del 1998 molti comuni del nord italia, seguendo l'esempio della Svezia, per arginare il fenomeno della prostituzione decidono di multare i clienti delle puttane con delle ammende fino a un milione. Alcuni ministri pensano poi di fare una legge che preveda la possibilità per le professioniste di riunirsi in cooperative, in questo modo infatti le orge riuscirebbero meglio. Al di là di tutto vediamo però alcuni dati, molto relativi ovviamente, facendoli  inoltre precedere da questa curiosità, nella Roma Imperiale dell'antichità su una popolazione di 400.000 abitanti, si stima che le prostitute fossereo ben 200.000. Al momento invece si stima che le prostitute straniere siano solo 25.000 sui marciapiedi e di queste il 94,2% sono donne, mentre il resto è composto da travestiti. I prezzi per le varie prestazioni variano, da un minimo di 30.000 ad un massimo di un paio di milioni, a seconda ovviamente del tempo e delle prestazioni.  Altri dati curiosi sono che dal 1994 al 1997 le puttane uccise sono state 68 e che il 43% su richiesta del cliente non usa il preservativo. La maggior parte delle prostitute straniere arrivano dalla Nigeria, seguono poi quelle dall'Albania, Romania, ecc. Il giro di affari stimato è di 5.000 miliardi l'anno e proprio per questo c'è chi ha già pensato al marketing da marciapiede; in pratica nelle zone a maggior traffico di sesso verrano distribuiti dépliants, brochures, cartoncini invito e campioncini di prodotti cosmetici, creme depilanti, prodotti di bellezza e via dicendo, il tutto per colpire un target di clienti particolarmente attento al tipo di prodotti reclamizzati.  INDICE


124) SEQUESTRI E GORILLA

In tutto il mondo il sequestro di persona è uno dei reati più gravi e così anche in Italia dove però ne avvengono di frequente, infatti dal 1969 al 1997 sono avvenuti ben 691 sequestri a scopo di estorsione. Di tutte queste persone rapite 479 sono state rilasciate, di cui 372 paganti riscatto, 107 non paganti riscatto e 132 si sono liberati da soli. Inoltre abbiamo avuto 121 ostaggi liberati senza il pagamento di alcun riscatto, e per finire abbiamo avuto anche 80 morti.   In tutto circa 400 miliardi sono finiti nelle mani dell'anonima sequestri e 200 nelle casse dei calabresi. A fronte di questo clima e anche per una questione di moda e status simbol si stanno diffondendo le guardie del corpo private, vale a dire i famosi gorilla. Questi vigilantes costano dalle 35 alle 40 mila lire all'ora, ma questo dipende ovviamente dai personaggi da scortare. Ormai in Italia ve ne sono diverse migliaia e le agenzie che si occupano di fornire questo servizio continuano a crescere. Ecco perché è stata proposta una legge che se approvata permetterebbe di scaricare le spese della sorveglianza dalle tasse. Un ultima cosa da dire è che in Italia, all'opposto di ciò che avviene all'estero, le body guards non sono ufficialmente riconosciute.  INDICE


125) LA QUESTIONE IRLANDESE

Agosto 1998, nell'Ulster a Omagh esplode un'autobomba provocando 28 morti e 250 feriti. I responsabili sono i terroristi cattolici che hanno deciso di colpire un'area mista, abitata cioè da protestanti e cattolici. Ora vediamo i precedenti attentati: il 12 luglio 1998 tre fratellini figli di una coppia cattolico-protestante bruciano nel rogo della loro casa a Ballymoney, sono sospettati dell'accaduto gli orangisti protestanti; il 15 giugno del 1996 una bomba dell'Ira esplode in una strada di Manchester durante il campionato europeo di calcio, ferendo oltre duecento persone; il 9 febbraio 1996 una bomba dell'Ira colpisce il nuovo centro finanziario Canary Wharf Tower a Londra provocando due morti; il 10 aprile del 1992 esplode un ordigno dell'Ira nella City di Londra provocando tre morti; il 12 ottobre 1984 sempre una bomba dell'Ira scoppia al Grand Hotel di Brighton dove è in corso il congresso del Partito Conservatore di Margaret Thatcher, i morti sono cinque; nel dicembre del 1983 esplode una bomba dell'Ira ai grandi magazzini Harrod's nel centro di Londra, sei persone rimangono uccise; il 27 agosto 1979 altre due bombe uccidono 18 soldati britannici nell'Ulster e vi è anche un attentato a Lord Mountbatten cugino della regina, ultimo vicerè dell'India; il 4 dicembre 1971 è il Bloody Sunday, la domenica di sangue, i parà britannici uccidono 13 manifestanti cattolici a Londonderry. Ed ora vediamo il perché di tanto odio in questi territori. In primo luogo riportiamo quanto detto da Bernadette Sands, sorella di Bobby Sands militante dell'Ira (Irish Republican Army) che si lasciò morire in carcere nel 1981 nel più famoso sciopero della fame da Gandhi in poi, allo scopo di rilanciare il movimento, piegato da numerosi arresti, e contrastare la politica della signora Thatcher. Bernadette un mese fa aveva ripetuto che Bobby era morto per la libertà del suo paese e aveva anche affermato che senza il ritiro degli inglesi dalla terra d'Irlanda, senza la fine dell'occupazione e delle interferenze del governo inglese, senza dunque la piena autonomia del popolo irlandese la pace non potrà regnare in questi territori. Detto, fatto. L'Irlanda, in origine abitata dai celti, era stata cristianizzata da S. Patrizio nel V secolo a.C., fu poi invasa dagli scandinavi e nei secoli XII e XIII passò sotto il dominio inlgese, che impose alla popolazione gaelica un regime di sfruttamento coloniale e di discriminazione politica. Il tutto ovviamente non cancellò il forte senso di identità nazionale di quel povero popolo. La lotta per l'indipendenza divenne così lunga e sanguinosa e solo nel 1913 la Gran Bretagna accordò lHome Rule all'Irlanda, ma questa tardiva concessione non impedì il passaggio alla lotta armata dei nazionalisti che imperversò durante la Prima Guerra Mondiale, famosa la rivolta di Pasqua del 1916. Si formò così il  Sinn Fein (gaelico per Ourselves Alone) partito dell'indipendenza il quale sviluppò un'ala armata, vale a dire l'Ira  (Irish Republican Army). Nel 1921 venne formato lo stato libero d'Irlanda, dominion dell'impero britannico, con esclusione delle province settentrionali . Nel 1949 l'Irlanda usci dal Commonwealth e proclamò la repubblica. La rivendicazione dell'unificazione dell'Irlanda del Nord (Ulster) alla Reppublica d'Irlanda mantiene una situazione di grave tensione e il desiderio del popolo irlandese di essere completamente libero ed autonomo è la principale causa di conflitto con i protestanti inglesi, tanto più che gli irlandesi sono anche cattolici. Nel 1985 l'Irlanda e il Regno Unito hanno firmato un accordo che consente all'Irlanda di esprimere parere consultivo nella gestione degli affari interni dell'Ulster, ma nonostante questo le cose non sono migliorate.   INDICE


126) L'ALLUVIONE IN CINA

La Cina pur avendo il 20% della popolazione mondiale ha solo il 3% delle foreste e il 7% dell'acqua disponibile. Ma nonostante questo nell'agosto del 1998 c'è stata una tremenda alluvione con migliaia di morti annegati e circa 20 milioni di senzatetto. Si tratta della più grande catastrofe naturale degli ultimi cinquant'anni e purtroppo al momento in cui sto scrivendo questo breve articolo sta continuando a piovere. L'alluvione sebra inarrestabile ed è stato mobilitato   l'esercito per cercare di arginare lo straripamento dei fiumi. Il principale imputato è il bacino del fiume azzurro, lo Yangtze, che a causa della pioggia ha invaso i territori circostanti, coinvolgendo in un modo o nell'altro 240 milioni di persone. L'alluvione ha fatto saltare acquedotti e fognature e ucciso centinaia di capi di bestiame, ed è proprio per questo che si temono delle epidemie. Le autorità hanno fatto chiudere i pozzi di petrolio e si stima che il disastro abbia già fatto danni per 42 mila miliardi di lire. La situazione si è fatta ancora più critica dopo che sono crollate anche tre dighe. Alla luce dunque del dato iniziale sembra proprio che questa immane tragedia sia proprio una beffa del destino.   INDICE


127) STIPENDI IN EUROPA

Vediamo nei dati che seguono gli stipendi medi dei dirigenti  pubblici in Europa comparati con quelli degli operai e le relative differenze in percentuale. In Italia lo stipendio medio dei dirigenti è di 8.958.000 lire, mentre quello degli operai è di 2.245.000, il Gap è quindi di 3,99 volte; nel Lussemburgo i dirigenti guadagnano 11.730.000 e gli operai 3.033.000, il gap è quindi di 3,86 volte; in Spagna i dirigenti guadagnano 5.074.000 e gli operai 1.537.000 con un gap di 3,30 volte; in Francia i dirigenti guadagnano 7.284.000 e gli operai 2.247.000 con un gap di 3,24 volte; in Grecia i dirigenti guadagnano 3.904.000 e gli operai 1.504.000, il gap è quindi di 2,59 volte; in Germania i dirigenti guadagnano 6.210.000 e gli operai 2.861.000, il gap è quindi di 2,50 volte; in Gran Bretagna i dirigenti guadagnano 5.101.000 mentre gli operai prendono 2.068.000, il gap è di 2,47 volte; in Finlandia i dirigenti guadagnano 6.456.000 mentre gli operai guadagnano 2.861.000 con un gap di 2,26; in Svezia i dirigenti guadagnano 6.362.000 e gli operai prendono 2.929.000 con un gap di 2,17; in Danimarca i dirigenti guadagnano 8.916.000 e gli operai 4.237.000, il gap è quindi di 2,10 volte; in Olanda i dirigenti guadagnano 6.010.000 mentre gli operai prendono 3.037.000, il gap è quindi di 1,94. A fronte di questa situazione il senatore Di Pietro ha proposto di tagliare gli stipendi dei consiglieri del Molise, Bertinotti ha proposto di tagliare gli stipendi degli amministratori pubblici e anche Alleanza Nazionale aveva proposto di bloccare gli stipendi ai vertici delle partecipazioni statali. Le cose comunque nel frattempo procedono inalterate e lo stipendio iniziale di un impiegato alla camera è di 4 milioni per poi arrivare fino a 17 col passare del tempo.  INDICE


128) I SOLDI DELLA CHIESA

Lutero diceva che la chiesa predica la povertà e si veste di ori, sempre per Lutero, poi, il denaro era lo sterco del diavolo ed il Papa era l'anticristo in persona. Nell'agosto del 1998 il cardinale di Napoli viene coinvolto in un'indagine su dei fenomeni di usura in cui era immischiato il fratello, l'evento ci da l'occasione per vedere un po' quali sono i giri di affari delle curie e come vengono spesi i soldi che la chiesa riceve dai vari cittadini attraverso le donazioni dell'8 per mille sulla tassazione generale. Vediamo in primo luogo i soldi della curia di Napoli: 10 miliardi è la somma amministrata dalla curia attraverso i conti bancari; 800 milioni sono i soldi depositati su un conto del cardinale presso la banca di Roma e investiti ogni trimestre con relativo accredito degli interessi; 45 milioni sono le entrate mensili per la facoltà di teologia; 375 milioni annui vengono spesi per le borse di studio dei seminaristi; 100 milioni annui di fondi per le opere di religione relativi ai lasciti e ai legati per la celebrazione di messe su un conto della banca popolare di Napoli; 400 milioni ricevuti come prestito dallo IOR e versati su un conto dell'agenzia del Banco di Napoli; la finanza è in possesso della documentazione su 6 assegni per un importo di 400 milioni versati dall'ex direttore delle opere di religione Aldo Palumbo ai nipoti del cardinale; 200 milioni sono stati spesi dalle opere di religione come parcelle date ai nipoti del cardinale per consulenze varie; 300 milioni sono stati spesi per lavori nella cappella del cardinale all'interno della sede della curia e prelevati dal conto del cardinale e provenienti da offerte. Ora vediamo invece i soldi della chiesa e l'8 per mille: esigenze per nuove chiese nel 1997 corrispondono a 120.000 milioni; esigenze per le diocesi 229.000 milioni; per i beni culturali 100.000 milioni; per l'assistenza domestica del clero 9.300 milioni; per le case canoniche del sud 30.000 miliardi; per le varie fondazioni di catechesi 100.000 milioni; varie finalità di interesse personale 45.000 milioni; interventi caritativi al terzo mondo 140.000 milioni; carità per le diocesi 132.000 milioni; e via dicendo.  INDICE


129) IL PIANETA GIOVANI

Il seguente sondaggio riguarda il pianeta dei giovani in Italia che sono circa 7.640.608 di cui 3.897.126 maschi e 3.743.482 femmine e ci illumina su quelli che sono per i giovani appunto i valori più importanti: la famiglia è sempre tra le cose più importanti per il 76,2 del campione, l'amore segue per il 69,5%, viene poi l'amicizia per il 46,9%, segue la salute per il 40,4%, a ruota c'è poi il denaro per il 12,8%, la carriera conta molto per il 10,1% ed il potere è fondamentale solo per l'1,4%. Altre cose che interessano molto i giovani sono il timore per la disoccupazione per un buon 46,4%, la paura della guerra per il 17,1%, lo spettro della povertà per il 12,1%, l'angoscia della solitudine per il 9,5%, la preoccupazione per le malattie per l'8,4%, e un certo imbarazzo per il problema del razzismo per un 5,2%. Benché i sondaggi e le statistiche siano spesso abbastanza aleatori, in questo caso il dato che emerge con grande forza e verità è che i giovani sono di certo abbastanza ingenui e come al solito non avendo molto potere
non sanno neanche attribuirgli il giusto valore. E' poi ovvio che il sistema non li aiuta di sicuro, anzi!  INDICE


130) GLI UTENTI DI INTERNET

Secondo la fonte Nua, www.nua.net  How Many On Line? gli utenti di Internet sarebbero ben 148 milioni nel mondo; in Usa e nel Canada sarebbero circa 87 milioni, in Europa 33.250.000, in Asia e nell'area del Pacifico 22.000.000, in Sud America 4.500.000, in Italia 1.038.000, in Africa 800.000 e nel Medio oriente 750.000. Ma la cosa più ridicola che si scopre da un'inchiesta finanziata da Intel, Apple e At&t è che il   rimanere per alcune ore collegati in rete favorirebbe la depressione, la tristezza e via dicendo. Insomma la ricerca fatta dalla Carnegie Mellon University su un campione di 169 individui avrebbe dimostrato che le cavie avrebbero ridotto i loro rapporti con le famiglie ed i conoscenti in misura direttamente proporzionale alle ore passate davantio al terminale, in più si sarebbe scoperto che il cyberspazio è si un luogo di incontri, ma di incontri privi di consistenza. Il tutto si aggiunge alle fobie per il pericolo della pedofilia in rete, alle preoccupazioni per la dipendenza da rete, e alle pericolose
paure per le possibili incursioni nella propria privacy. Questo è abbastanza vero se si pensa di trovare in rete la soluzione all'umana incomunicabilità, è invece falso se si usa la rete come mezzo per ricercare informazioni, dati, immagini, notizie e perché no qualche stanca e pigra nuova conoscenza. Del resto si fa fatica a comunicare con il proprio vicino, figuriamoci come si può instaurare un rapporto sincero con gente che ha persino paura a conoscere se stessa. Siamo realisti, la rete non è la soluzione ai nostri problemi, al limite li globalizza e ci fa capire un po' meglio quanta sia grande la mediocrità delle umane relazioni e quanto sia difficile ridurre l'ipocrisia e l'ingordigia dell'uomo moderno.   INDICE

 

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

CERCA IN TUTTO IL SITO DEL DAIMON CLUB


Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

Spirale_blu.gif (150 byte)  Home Page Spirale_blu.gif (150 byte)   Global Forum Spirale_blu.gif (150 byte)   Daimon News

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

librarybann.gif (6877 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)

     Copyleft © 1997 - 2020  by  WWW.DAIMON.ORG  and  CARL WILLIAM BROWN

Turchese_e_grigio.gif (1990 byte)


colorarr.gif (690 byte) Daimon Club colorarr.gif (690 byte) Daimon People colorarr.gif (690 byte) Daimon Arts colorarr.gif (690 byte) Daimon News colorarr.gif (690 byte) Daimon Magik
colorarr.gif (690 byte) Daimon Guide colorarr.gif (690 byte) DaimonLibrary colorarr.gif (690 byte) Daimon Humor colorarr.gif (690 byte) Banners Exchange colorarr.gif (690 byte) Carl William Brown

daimonologyban1.jpg (10828 byte)website tracking