STATUTO DEL DAIMON  CLUB

librarybann.gif (6877 byte)

 

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Ricerca personalizzata

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)


STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CULTURALE

"DAIMON CLUB"


Art. 1 - Costituzione dell'Associazione e relativo statuto

1) A Brescia, con sede in via San Zeno n. 142, è costituita l'Associazione Culturale Daimon Club, parte integrante del Daimon Center, vale a dire l'associazione culturale virtuale non registrata di natura eclettica e surrealista fondata da Carl William Brown su internet nel 1997 e che ha come denominazione internazionale il seguente marchio www.daimon.org di proprietà esclusiva del suddetto Carl William Brown sino all'anno 2009 e come denominazione nazionale il marchio www.daimonclub.it sempre di proprietà dello scrittore C.W. Brown.
2) L'Associazione ha durata fino al 31 dicembre 2020 e può essere prorogata o sciolta anticipatamente con deliberazione dell'assemblea dei soci ai sensi dell'Art. 21.
3) L'associazione può istituire con delibera del Consiglio Direttivo, su proposta del presidente, sezioni staccate anche in altre città sia in Italia sia all'estero. Può aderire ad organismi regionali, comunitari o internazionali, in armonia con i propri scopi sociali.
4) L'associazione culturale Daimon Club è disciplinata dal presente Statuto e agisce ai sensi e per gli effetti delle leggi relative agli enti non commerciali di utilità sociale che operano senza fine di lucro e dei principi generali dell'ordinamento giuridico.

Art. 2 - Scopi dell'associazione

Diffondere una concezione artistica dell'esistenza, promovendo una visione olistica della cultura e della creatività umana. Agevolando la divulgazione di ogni sorta di sapere a tutti i livelli, in tutti i luoghi ed in tutte le categorie sociali, l'Associazione si propone di coinvolgere in un unico ma articolato progetto persone di competenze, di ideologie e di possibilità diverse, portandole in primo luogo a conoscenza della nostra filosofia di vita, alla quale si ispira tra le altre cose anche la nostra "Daimonologia", la quale non è altro che la versione letteraria della nostra metodologia.
L'Associazione che non persegue fini di lucro è democratica ed ha come scopo lo studio e la soluzione dei problemi concernenti lo sviluppo ed il miglioramento dell'esistenza in tutti i suoi aspetti, con particolare riferimento alla tutela della libertà e della comunicazione globale ed effettiva di tutta l'umanità in generale. Per questo vuole impegnarsi per favorire la critica, la solidarietà, la beneficenza, e più in generale la condivisione dell'attività intellettuale e spirituale di tutti i cittadini del mondo, al fine di migliorare la loro geniale creatività e di contrastare al tempo stesso la loro stupida e vanitosa avidità.

In particolare l'Associazione si propone di intraprendere azioni ed iniziative per:

a)    Rendere visibili sulla rete Internet e sul territorio i propri scopi, azioni ed iniziative e quelle dei soggetti che via via aderiranno ai vari progetti senza alcuna forma di censura, limitazione o controllo, purché non in antitesi o contrasto con gli scopi dell'Associazione.
b)    La divulgazione e l'approfondimento di nuove proposte culturali con la relativa pubblicizzazione di idee originali di natura filosofica, letteraria, sociologica, religiosa e scientifica elaborate espressamente dall'associazione e dai suoi soci fondatori.
c)    L'organizzazione di eventi culturali, di corsi, di dibattiti, di happenings e di pubblicazioni allo scopo di diffondere l'amore per lo studio e la ricerca e con l'intento di alimentare una sana lotta contro la stupidità della nostra specie.
d)    Ricercare collaborazioni, contatti, e sviluppare una rete di pubbliche relazioni per favorire la diffusione di un'estesa cultura informatica, filosofica, spirituale e scientifica.
e)    Collaborare, anche su scala internazionale, con altre associazioni, organizzazioni od enti che perseguono fini analoghi e comunque connessi allo scopo di migliorare la capacità comunicativa di tutti.
f)    Migliorare le relazioni umane favorendo gli incontri, i rapporti intellettuali, sociali, politici, economici, sentimentali, religiosi, mediante collaborazioni di ogni tipo rivolte a favorire la diffusione delle idee e delle opere dei soci dell'associazione e più diffusamente di tutta l'umanità.
g)    Perseguire finalità di solidarietà sociale, operando nell'ambito del volontariato attivo, direttamente o indirettamente e rivolgendosi alla totalità della popolazione, in primo luogo per quanto riguarda l'area di intervento del disagio esistenziale.
h)    Diffondere e promuovere le opere letterarie e artistiche di tutti i soci aderenti all'associazione e a maggior ragione gli scritti ed i testi di Carl William Brown, socio fondatore del Daimon Club.
i)    Diffondere la propria concezione di "terapia vitalistica", contenuta nelle linee guida della propria filosofia daimonologica, al fine di migliorare attraverso i contatti di ogni tipo la condizione esistenziale, vale a dire psichica, fisica, sociale, economica e spirituale, di tutte le persone che approveranno i principi delle nostre metodologie e più diffusamente di tutti gli esseri umani che leggeranno le nostre opere.

In ultima analisi la nostra finalità principale è quella di divulgare pensieri, parole ed opere per lasciare in eredità un'unica idea che potrà essere tramandata e che renderà orgogliosi tutti quelli che come noi e prima di noi l'hanno coltivata. Un'idea di fratellanza, di equità, di giustizia, di solidarietà e di ricerca intellettuale, l'unica che possa dare un minimo di senso alla nostra bizzarra, misteriosa ed assurda realtà e che possa al tempo stesso contribuire a migliorare la serenità della nostra non sempre facile esistenza.

Art. 3 - Per raggiungere i propri scopi l'Associazione potrà e dovrà:

a)    Promuovere e organizzare dibattiti, conferenze, corsi, lezioni, seminari, spettacoli, viaggi, pellegrinaggi, eventi di beneficenza, concerti, proiezioni, mostre, feste (anche con servizio di catering), ai fini dell'autofinanziamento e della promozione culturale e sociale.
b)    Elaborare, pubblicare e diffondere opuscoli, giornali, libri, materiali informativi su qualsiasi supporto mediale (audiovisivo, discografico, informatico, fotografico, etc.).
c)    Acquisire strumentazioni informatiche e servizi telematici; svolgere qualsiasi altra attività attinente o connessa, in maniera diretta o indiretta, con lo scopo sociale.
d)    Divulgare e promuovere su Internet e sul territorio l'attività artistica, sociale, umanitaria ed imprenditoriale di tutti gli uomini di buona volontà e di tutti coloro che collaboreranno con la nostra associazione.
e)    Garantire a tutti i soci un'ampia visibilità nei suoi spazi in rete e nelle sue pubblicazioni, o manifestazioni sul territorio, fornendo agli stessi ogni tipo di consulenza e di aiuto al fine di poter perseguire al meglio i propri obiettivi.
f)    Svolgere qualsiasi altra attività attinente o connessa, in maniera diretta o indiretta, con lo scopo sociale, soprattutto nell'ambito del volontariato e della promozione culturale e sociale in genere.
g)    Promuovere i propri scopi e la propria immagine attraverso le relazioni sociali e la distribuzione di prodotti culturali, idee e gadgets di ogni tipo.
h)    Salvaguardare i diritti di autore dei propri iscritti. In ogni caso i diritti legali per le opere di natura artistica, letteraria e informatica create dai soci fondatori e dagli aderenti all'associazione, anche su commissione e per conto della stessa, sono di esclusiva proprietà degli autori stessi.
i)    Ottimizzare il rapporto tra obiettivi, capacità, risorse e strategie in quanto il nostro successo sarà ovviamente direttamente proporzionale alla volontà artistica e alla ricezione intellettuale di tutti gli individui che parteciperanno alle nostre iniziative.

Art. 4 - Adesione all'associazione

1) Può aderire alla Associazione chiunque (singolo, gruppo o associazione) senza distinzione di razza, sesso o religione, ad esclusione di coloro che si trovino in una qualsiasi posizione di antitesi o contrasto con gli scopi sociali. Si ritiene ammesso all'Associazione chiunque, fattane richiesta e ottenuta l'accettazione ai sensi del punto d) dell'Art. 8 verserà una quota di iscrizione di:

a) Quota di ingresso e iscrizione annuale di base di 25 € ; (socio ordinario).
b) Quota di iscrizione annuale collaborativa di 50 € ; (socio collaboratore).
c) Quota di iscrizione annuale e supporto all'associazione di un importo superiore ai 100 € ; (socio sostenitore).
d) Quota di iscrizione annuale di finanziamento dell'associazione; (socio benemerito).

2) Le predette quote associative di ammissione possono essere periodicamente adeguate su proposta del presidente del Consiglio Direttivo o dei membri del consiglio stesso.
3) È ovvio che per chi intende partecipare attivamente e fruire a pieno regime delle potenzialità dell'associazione la quota di riferimento è da intendersi quella al punto b) dell'art. 4. Per quanto riguarda invece i soci iscritti prima della registrazione di questa associazione si ricorda che non esistevano all'epoca quote di iscrizione. Da ricordare infine che sarà anche possibile l'inserimento gratuito nell'associazione di artisti che accetteranno un accordo di reciprocità di intenti e di promozione attraverso varie forme, previo consenso di almeno due dei soci fondatori dell'associazione.
4) Per tutti i casi citati nel comma precedente è ovvio che i soci inseriti nel sito internet dell'associazione a titolo gratuito, senza cioè aver fatto un regolare versamento in denaro all'associazione, non avranno la possibilità di partecipare all'assemblea dei soci, né tanto meno avranno il diritto di voto o il diritto di decidere le linee editoriali del sito, né potranno influire sulla scelta organizzativa e amministrativa dell'associazione.
5) Le quote di iscrizione potranno essere versate attraverso bonifico bancario, assegno circolare, bollettino di conto corrente postale, vaglia telegrafico sui conti che verranno in seguito indicati o in contanti presso la sede dell'associazione.
6) I soci, una volta iscritti, avranno diritto alla promozione della loro attività artistica o sociale nel sito del Daimon Club e più diffusamente su internet; inoltre potranno partecipare attivamente allo sviluppo, agli eventi e alle manifestazioni dell’associazione; riceveranno poi la tessera di iscrizione, dei bigliettini da visita, il cd rom del Daimon Club ed il libro contenente la storia e le linee guida dell’associazione; inoltre avranno diritto ad uno sconto di almeno il 30% su tutte le pubblicazioni dell’associazione, sui corsi svolti, sulle consulenze, e sull’erogazione di tutti gli altri servizi o gadgets realizzati in futuro da e/o per conto dell’associazione.
7) Gli aderenti all'associazione che svolgono mansioni attive e reali all'interno della stessa sono assicurati per infortunio e per la responsabilità civile verso terzi.
8) Il numero dei soci teoricamente può essere illimitato.

Art. 5 - Recesso, decadenza od esclusione

La qualità di socio si perde per recesso, scadenza dell'iscrizione annuale, decadenza od esclusione; tali ipotesi sono così regolate:
a.    Il socio può recedere quando abbia perduto i requisiti dell'ammissione o quando non si trovi più in grado di partecipare al raggiungimento degli scopi sociali. La ricorrenza dei motivi per il recesso deve essere constatata dal Consiglio Direttivo con delibera adottata a maggioranza semplice.
b.    Il recesso, che deve essere comunicato dal socio per posta ordinaria o elettronica, ha efficacia dal mese successivo a quello nel quale il Consiglio Direttivo riceve la notifica della volontà di recesso.
c.    La scadenza dell'iscrizione annuale mette di fatto il socio fuori dalla nostra associazione, sarà poi discrezione del Consiglio Direttivo dare ospitalità virtuale al medesimo su internet o nelle iniziative dell'associazione.
d.    La decadenza è pronunciata dal Consiglio Direttivo nei confronti dei soci interdetti o inabilitati o di quelli che vengono a trovarsi in situazione di incompatibilità con gli scopi dell'associazione e dei suoi regolamenti, ivi compresi i soci nominati nel Consiglio Direttivo.
e.    L'esclusione è pronunciata dal Consiglio Direttivo nei confronti dei soci:

1.    Che non ottemperino alle disposizioni del presente statuto, dei regolamenti sociali, delle deliberazioni regolarmente adottate dagli organi sociali (ivi compreso il mancato versamento della quota sociale annuale).
2.    Che svolgano o tentino di svolgere attività contraria agli scopi sociali.
3.    Che in qualunque modo arrechino danni gravi, anche morali, all'associazione o fomentino in seno ad essa dissidi e disordini pregiudizievoli. Tanto per la decadenza quanto per l'esclusione le deliberazioni devono essere adottate con il voto favorevole di almeno i due terzi dei soci fondatori per i primi cinque anni di vita dell'associazione, ed in seguito con il voto favorevole di almeno il 75% del Consiglio Direttivo. I soci esclusi per morosità potranno essere riammessi inoltrando una nuova domanda di iscrizione e versando una nuova quota di iscrizione, solo se il Consiglio Direttivo esprimerà parere favorevole.

I soci esclusi potranno ricorrere al collegio dei probiviri contro il provvedimento.

Art. 6 - Patrimonio dell'Associazione

Questo è costituito:

a)    Dalle quote di ammissione dei propri soci e da forme di autofinanziamento.
b)    Dalle quote associative annue.
c)    Da eventuali titoli di debito pubblico o privato che potranno essere acquistati in seguito ad economie di amministrazione.
d)    Da oblazioni volontarie, donazioni, erogazioni, finanziamenti, lasciti o contributi di qualsiasi tipo, liberamente erogati.
e)    Da corrispettivi per cessione di beni e prestazioni dei servizi resi ai soci in conformità ai propri fini associativi.
f)    Dai proventi eventualmente derivati dalla gestione economica del bilancio e del patrimonio. Le quote, i contributi e le donazioni di ogni tipo non sono rimborsabili in nessun caso.
g)    Da contributi corrisposti da amministrazioni pubbliche o private per lo svolgimento di attività aventi finalità sociali.
h)    Da piccole attività produttive e commerciali di natura marginale ed inerenti agli scopi dell'associazione.
i)    Da rendite provenienti da attività reali.

Art. 7 - Spese dell'associazione

1) Le spese dell'associazione si distinguono in ordinarie e straordinarie. Le prime attengono al funzionamento della normale attività associativa; le seconde possono implicare movimenti finanziari da effettuare una volta tanto per importi superiori a complessivi 10.000 euro oltre l'IVA.
2) Non rientrano tra le spese straordinarie:

a) quelle relative al personale sia interno che esterno.
b) quelle relative all'esecuzione dei programmi di attività culturale, scientifica o didattica.
c) quelle relative all'acquisto dei mezzi per il funzionamento dell'associazione.

3) Per le piccole spese che singolarmente non eccedono la somma di lire un milione al mese il Presidente è esentato sotto la sua personale responsabilità dall'obbligo di documentazione. Tali spese vanno comunque annotate nel registro di cassa e giustificate nei dettagli. Esse non devono comunque eccedere i dodici milioni all'anno per ogni anno.
4) Ai successivi adeguamenti dei limiti di spesa di cui ai precedenti commi, provvede il consiglio direttivo.
5) Al Presidente e ai membri del Consiglio direttivo possono essere assegnati i rimborsi delle spese sostenute più un gettone di presenza non superiore a 50 euro per ogni riunione operativa a titolo di rimborso delle spese di trasporto non documentate, di quelle telefoniche e postali.
6) L'associazione per perseguire i suoi scopi potrà avvalersi della collaborazione dei soci, ed in questo caso l'unico compenso che potrà erogare sarà costituito dai rimborsi spese, mentre per l'utilizzo di operatori e professionisti non soci provvederà a concordare dei compensi e dei rimborsi spese a seconda del tipo di prestazione svolta.
7) L'associazione, previa delibera del Consiglio Direttivo, può assicurarsi per i danni derivanti da responsabilità contrattuale ed extracontrattuale dell'Associazione stessa.

Art. 8 - Organismi dell'associazione

Sono organismi dell'Associazione:

a)    Il Consiglio Direttivo sarà composto esclusivamente da soci fondatori e da un numero di membri da due a cinque. Il Consiglio Direttivo dura in carica cinque anni ed è nominato dall'assemblea dei soci fondatori con la maggioranza dei due terzi dei presenti. Il presidente e il vicepresidente vengono nominati dal Consiglio medesimo, e per la prima volta nell'atto costitutivo.
b)    Il Presidente dura in carica cinque anni ed è rinnovato di diritto qualora non venga presentata una candidatura alternativa almeno quattro mesi prima della chiusura del bilancio dell'associazione. Detta richiesta dovrà contenere l'indicazione della candidatura con l'accettazione dell'interessato, in caso di elezione favorevole.
c)    L'Assemblea dei soci fondatori è composta dalle persone che hanno costituito l'associazione e che sono menzionate nell'atto costitutivo. Possono tuttavia divenire soci fondatori quei soci ordinari, collaboratori, sostenitori o benemeriti, che, fattane richiesta e versata la quota sociale, siano cooptati a maggioranza assoluta dell'assemblea dei soci fondatori.
d)    L'Assemblea dei soci ordinari è composta dai soggetti che, fattane richiesta, siano stati accettati dall'assemblea dei soci fondatori ai sensi dell'Art. 4. I soci ordinari partecipano alle attività dell'associazione, usufruiscono a pieno titolo dei servizi della stessa, ma possono ricoprire cariche sociali solo dopo aver militato attivamente nell'associazione per almeno quattro anni e solo dopo aver assimilato integralmente i principi della sua filosofia ispiratrice.
e)    Il Collegio dei Probiviri che è istituito e svolge le sue mansioni secondo le norme indicate nell'art. 24 del presente statuto.

Art. 9 - Assemblee

Le assemblee dei soci potranno essere ordinarie o straordinarie (ai sensi dei successivi articoli 10 e 11), aperte a tutti o riservate ai soci fondatori nel caso che questi ultimi lo ritengano necessario. La data, l'ora e l'ordine del giorno dell'assemblea devono essere pubblicizzati almeno 15 giorni prima.
Nel caso dei soci fondatori la convocazione deve essere personale e scritta, in caso di estrema urgenza può essere convocata telefonicamente due giorni prima. Ogni socio sia fondatore sia ordinario ha un singolo voto nell'ambito dell'assemblea di appartenenza. Ogni socio può delegare per iscritto un altro socio a partecipare all'assemblea ed a esprimere il voto per suo conto. Nessun socio può ricevere più di una delega. Per l'elezione delle cariche sociali non è ammessa la delega. Dato la natura della nostra associazione si prevede anche la possibilità di svolgere queste assemblee in teleconferenza o comunque atraverso l'utilizzo di una chat interattiva su internet, sempre che queste metodologie rendano possibili il regolare svolgimento dell'assemblea stessa. In questo ultimo caso il voto chiaramente sarà elettronico.

Art. 10 - Poteri dell'assemblea

L'assemblea è costituita da tutti i soci ed è presieduta dal Consiglio Direttivo, che nomina un segretario anche non socio, con funzioni di verbalizzante e viene convocata almeno una volta all'anno entro il 31 marzo, nonché negli altri casi previsti dall'Art. 20 del C. C. La convocazione dell'assemblea deve contenere l'ordine del giorno e deve essere comunicata telefonicamente, per posta ordinaria o elettronica almeno dieci giorni prima della data prestabilita. Essa:
a.    Approva le linee generali del programma di attività per l'anno sociale.
b.    Procede all'approvazione di eventuali nuove cariche sociali.
c.    Nomina il Consiglio Direttivo, il Collegio dei revisori dei Conti e dei Probiviri.
d.    Determina eventuali rimborsi spese per mansioni sostenute dai soci incaricati.
e.    Approva il bilancio preventivo e consuntivo.
f.    Approva gli stanziamenti per le iniziative previste.
g.    Delibera su tutte le questioni attinenti alla gestione sociale.
h.    Delibera circa l'accettazione, la decadenza o l'esclusione dei soci ordinari.
i.    Delibera circa il riconoscimento della qualifica di socio fondatore.

Art. 11 - Assemblea straordinaria

L'assemblea straordinaria è convocata:

a.    Tutte le volte che il Consiglio direttivo lo reputi necessario.
b.    Quando l'assemblea precedente abbia ritenuto necessario aggiornarsi.
c.    Allorché ne faccia richiesta motivata almeno un quinto dei soci.

L'assemblea dovrà essere convocata entro trenta giorni dalla data in cui viene richiesta.

Art. 12 - Validità dell'assemblea

In prima convocazione l'assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è regolarmente costituita con la presenza di metà più uno dei soci. In seconda convocazione, l'assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è regolarmente costituita qualunque sia il numero degli intervenuti e delibera validamente a maggioranza assoluta dei voti dei soci presenti. La seconda convocazione può avere luogo mezz'ora dopo la prima.

Art. 13 - Votazioni

Le votazioni avvengono per alzata di mano, salvo diversa deliberazione dell'assemblea. È in ogni caso escluso il voto segreto.

Art. 14 - Delibere dell'assemblea

L'assemblea, tanto ordinaria che straordinaria è presieduta dal presidente, le deliberazioni adottate dovranno essere riportate su apposito libro dei verbali e messe a disposizione di tutti i soci nel sito internet dell'associazione. In caso di impedimento grave del presidente, l'assemblea può essere presieduta dal vicepresidente o, in extremis, da un membro del consiglio direttivo. In questo ultimo caso la scelta deve essere approvata dalla maggioranza dei soci fondatori.

Art. 15 - Il Consiglio Direttivo

Il Consiglio direttivo si riunisce almeno una volta all'anno su convocazione del Presidente, è presieduto dallo stesso, dura in carica cinque anni e delibera a maggioranza semplice. Può altresì essere convocato su richiesta di almeno un terzo dei consiglieri; in assenza del presidente la riunione sarà presieduta dal vicepresidente. Le riunioni saranno valide con la presenza di almeno la metà più uno dei membri che lo compongono.

Il Consiglio Direttivo deve:

A.    Redigere i programmi di attività sociale previsti dallo statuto sulla base delle linee approvate dall'assemblea dei soci fondatori e ordinari.
B.    Deliberare la convocazione dell'assemblea.
C.    Amministrare il patrimonio sociale, predisporre i bilanci preventivi e i rendiconti consuntivi, nonché le variazioni del bilancio.
D.    Autorizzare le spese straordinarie.
E.    Determinare l'adeguamento delle quote sociali.
F.    Compilare i progetti per l'impiego dei residui del bilancio da sottoporre all'assemblea.
G.    Formulare il regolamento interno.
H.    Nominare il presidente ed il vicepresidente.
I.    Deliberare su ogni altro affare demandato alle sue competenze dal presente statuto.
J.    Favorire la partecipazione dei soci all'attività dell'associazione.

Le riunioni del Consiglio Direttivo e l'ordine del giorno sono resi pubblici sul sito internet dell'associazione. Analoga trasparenza viene data a tutti gli atti e le delibere del Consiglio Direttivo e/o del Presidente ed ai verbali del Consiglio Direttivo per i quali è previsto un archivio informatico consultabile via internet da parte di tutti i soci.

Art. 16 - Votazioni nel Consiglio Direttivo

Le votazioni interne del Consiglio Direttivo avvengono a maggioranza semplice e le delibere approvate sono vincolanti purché adottate in presenza di almeno la metà più uno dei suoi membri compreso il presidente. Non è consentita la formula dell'astensione se non nel caso di conflitti di interesse.

Art. 17 - Dimissioni del Consiglio Direttivo

In caso di dimissioni del Consiglio Direttivo ovvero ove lo stesso scendesse al di sotto di un membro effettivo più il presidente, si promuove un'assemblea straordinaria dei soci fondatori secondo i termini dell'art. 11.

Art. 18 - Amministrazione

1) L'associazione è amministrata dal consiglio direttivo. Il presidente ha la rappresentanza legale, amministrativa e processuale dell'associazione di fronte a terzi e in giudizio.
2) Il Presidente ha il potere di firma e stipula tutti i negozi giuridici, commerciali e finanziari e adotta tutte le iniziative che ritiene utili per gli scopi associativi. In caso di sua assenza o impedimento, tale rappresentanza è attribuita al Vicepresidente.
3) Il presidente assume i provvedimenti necessari in materia di assunzioni, distribuzione degli impieghi, licenziamenti, contratti e nomine del personale e dei consulenti.
4) Nel caso il consiglio direttivo lo ritenga necessario, e attraverso una votazione a maggioranza assoluta, il presidente ha facoltà di assumere personale retribuito per servizi di gestione dell'associazione.
5) Il Presidente stabilisce le linee programmatiche e le sottopone all'approvazione del Consiglio Direttivo.
6) Il Presidente organizza le strutture operative dell'associazione, sia per mezzo dei soci, sia per mezzo di collaboratori esterni, professionisti o consulenti dei quali ritiene necessaria la collaborazione.
7) Al Presidente sono conferiti i più ampi poteri di rappresentanza, amministrazione e gestione dell'associazione senza bisogno di autorizzazione, limitatamente alla legislazione vigente per gli enti non commerciali e le organizzazioni non lucrative di utilità sociale.
8) In caso di dimissioni il Presidente dura in carico sino alla nomina del successore solo per l'attività ordinaria; durante tale periodo non potrà compiere attività sul patrimonio associativo senza approvazione scritta del consiglio direttivo.

Art. 19 - Il Bilancio

Il bilancio comprende l'esercizio sociale dal 1° gennaio al 31 dicembre di ogni anno e deve essere presentato all'assemblea dei soci entro il 31 marzo dell'anno successivo.

Art. 20 - Residui di Bilancio

Nel caso di residuo attivo del bilancio dell'esercizio annuale, esso sarà devoluto come segue:

A.    il 10% al fondo di riserva.
B.    il rimanente a disposizione per le iniziative di cui all'art. 3.

Art. 21 - Scioglimento dell'associazione

La convocazione dell'assemblea per la delibera di scioglimento dell'associazione dovrà essere decisa da una assemblea comune dei soci fondatori e dei soci ordinari che delibererà a maggioranza assoluta dei presenti. Tale assemblea preliminare sarà validamente costituita, in prima convocazione, con la presenza di almeno il 50% più uno dei soci, sia fondatori che ordinari, iscritti. In seconda convocazione sarà validamente costituita qualunque sia il numero dei presenti. La deliberazione dovrà essere adottata da almeno il 50% più uno dei presenti.
L'assemblea comune dei soci, sia fondatori che ordinari, che dovrà deliberare sullo scioglimento dell'associazione dovrà essere convocata a mezzo avviso inviato per posta a tutti gli aventi diritto, nonché con avviso affisso nei locali della sede, almeno otto giorni prima della data fissata.
L'assemblea comune dei soci, sia fondatori che ordinari, delibererà con la maggioranza di almeno i 3/5 dei presenti. L'assemblea comune sarà validamente costituita in prima convocazione con la presenza di almeno il 75% dei soci iscritti. In seconda convocazione, da convocare almeno 15 giorni dopo la prima, sarà validamente costituita qualunque sia il numero dei presenti.

Art. 22 - Liquidazione del patrimonio sociale

In caso di scioglimento dell'associazione, dopo aver provveduto alla liquidazione di tutte le passività e pendenze, i beni residuali saranno devoluti ad altra associazione con finalità analoghe o ai fini di pubblica utilità, sentito l'organismo di controllo di cui all'articolo 3, comma 190, della legge 23 dicembre 1996, n° 662, e salvo diversa destinazione imposta dalla legge in vigore al momento dello scioglimento.

Art. 23 - Collegio dei Probiviri

Il Collegio dei Probiviri, che dura in carica cinque anni, è composto da tre soci eletti singolarmente dall'assemblea a scrutinio segreto con maggioranza di almeno i due terzi dei voti assembleari totali e per la prima volta dal Consiglio Direttivo nell'atto costitutivo.
Il Collegio dei Probiviri è competente a decidere: in materia disciplinare su sua iniziativa o del Consiglio direttivo:

1) su controversie sull'attuazione e lo svolgimento dell'attività dell'associazione.
2) su controversie di soci con l'associazione.
3) su ricorsi di soci inerenti a delibere degli organi dell'Associazione e lo svolgimento di riunioni medesimi.
4) in materia disciplinare il Collegio dei Probiviri, dopo aver preso in attento esame la vicende e comunque disposta l'audizione degli interessati può comminare:

a) la sospensione dei diritti di socio fino a sei mesi, per fatti rilevanti nei comportamenti sociali o in rapporto agli scopi dell'associazione.
b) la proposta di decadenza da socio per morosità non sanata nel pagamento della quota sociale annua, qualora sia stata deliberata dall'Assemblea dei Soci.
c) la proposta di esclusione dell'Associazione per conflitti con gli scopi dell'associazione.
d) la proposta di esclusione dell'Associazione per grave violazione degli scopi sociali o per fatti gravi che abbiano arrecato pregiudizio morale o materiale all'Associazione.
Salvo la facoltà di ricorrere all'autorità giudiziaria nei casi espressivamente previsti dalla legge, le decisioni dal Collegio dei Probiviri sono definitive.

Art. 24 - Rinvio

Per quanto altro non sia espressamente previsto dal presente statuto si richiamano le vigenti norme di legge in materia.

Brescia, Marzo  2002                                              In fede      Carl William Brown


Il Consiglio Direttivo dell'associazione al momento della sua costituzione è composto dai seguenti soci fondatori:

Presidente    Mensi Bruno (alias Carl William Brown)
Vice Presidente  Laffranchi Innocenza
Consigliere  Mensi Luciano

Durante lo svolgimento della prima assemblea che si terrà al più presto verrà nominato anche un segretario e verranno eventualmente assegnati anche altri incarichi.

In seguito alla prima assemblea avvenuta in data 05-05-2002 il comitato direttivo ha eletto come segretario il socio Mensi Bruno e come responsabile per il settore artistico musicale del Daimon Club la signora Comparin Maria Angela. I seguenti soci sono reperibili per eventuali comunicazioni telefoniche ai seguenti numeri di cellulare:
Bruno 
340-2167326   Maria Angela 339-3387944


P.S. Sempre in questa sede voglio ricordare a tutti che le donazioni alle Associazioni O.N.L.U.S. (Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale) comportano un vantaggio fiscale che si concretizza in un risparmio diretto sull'imposta, nella misura del 19% sull'importo della spesa sostenuta. Per le persone fisiche, la detraibilità è prevista fino ad un importo di L. 4.000.000, mentre in caso di donazione effettuata da un'impresa, la deducibilità è fino ad un massimo di L. 4.000.000 o del 2% del reddito d'impresa. Nel caso invece di associazioni culturali senza fini di lucro come la nostra, che tuttavia non sono Onlus, le donazioni delle persone fisiche non sono detraibili, mentre sono invece sempre detraibili come per le Onlus le donazioni effettuate dalle aziende. La circolare ministeriale 168/98 prevede che l'importo sia detraibile solo se per il pagamento si utilizza uno dei seguenti mezzi: bonifico bancario assegno bancario o circolare carta di credito bollettino di conto corrente postale. Le detrazioni relative a queste donazioni non sono cumulabili con le erogazioni a favore di organizzazioni non governative.

In ogni caso gli enti non commerciali come il nostro possono anche svolgere attività commerciale, purché vengano rispettate le regole del DLGS 460 4/12/1997 e le norme delle leggi e dei decreti successivi in materia. A questo proposito voglio invitare tutti i nostri soci e tutti gli eventuali gentili visitatori, collaboratori o futuri sponsors a leggere la nostra pagina di presentazione dedicata alle attività no-profit in cui si può facilmente comprendere quali siano i vantaggi di un'associazione come la nostra e quali siano le reali convenienze per chi accetta di aderire al nostro progetto.

Un ringraziamento per la vostra attenzione e per la vostra collaborazione.


INDIRIZZO POSTALE

Per ogni eventuale comunicazione o l'invio di testi, cataloghi o materiale vario il nostro indirizzo di posta tradizionale è il seguente:  Associazione Culturale Daimon Club Casella Postale San Zeno Naviglio 25010 (Brescia). Mentre il nostro indirizzo e-mail è il seguente: daimonclub@yahoo.com

CONTO CORRENTE BANCARIO

N.B. Tutte le altre informazioni relative al nostro numero di Conto Corrente verranno comunicate a tutti coloro che per un motivo o per l'altro collaboreranno con noi e prenderanno parte attivamente alle nostre attività.


P.S. L'iscrizione implica il consenso al trattamento dati di cui alla legge 675/96 per i soli fini istituzionali relativi alle attività dell'Associazione Culturale.


Pagina Precedente

 

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Sponsored Links and Publicity

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

banshoan.GIF (4337 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

Diamante_rosso7253.gif (591 byte)  HOME PAGE  Diamante_rosso7253.gif (591 byte)  DAIMONOLOGIA  Diamante_rosso7253.gif (591 byte)  DAIMON STORY   diamante1.gif (675 byte)  DAIMON SHOP

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

hypersubmit-468x60.gif (6875 byte)

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

     Copyleft © 1997 - 2020  by  WWW.DAIMON.ORG  and  CARL WILLIAM BROWN

Turchese_e_grigio.gif (1558 byte)

servban2.gif (7114 byte)


colorarr.gif (690 byte) Daimon Club colorarr.gif (690 byte) Daimon People colorarr.gif (690 byte) Daimon Arts colorarr.gif (690 byte) Daimon News colorarr.gif (690 byte) Daimon Magik
colorarr.gif (690 byte) Daimon Guide colorarr.gif (690 byte) DaimonLibrary colorarr.gif (690 byte) Daimon Humor colorarr.gif (690 byte) Daimon Bans colorarr.gif (690 byte) C. W. Brown

animagemella.jpg (8200 byte)

spons3.gif (10128 byte)

daimonologyban1.jpg (10828 byte)

dcshobanmov.gif (14871 byte)

website tracking